Preghiera/Preghiere Riformatori/Il tempo di Dio è il momento migliore

 18. Il tempo di Dio è il momento migliore 

“Affrèttati, o Dio, a liberarmi! O Eterno, affrèttati in mio aiuto! Siano confusi e svergognati quelli che cercano l'anima mia! Voltino le spalle e siano coperti d'ignominia quelli che vogliono il mio male! Indietreggino, sotto il peso della loro infamia, quelli che mi deridono. Gioiscano e si rallegrino in te, tutti quelli che ti cercano; e quelli che amano la tua salvezza dicano sempre: “Dio è grande!”. Quanto a me sono misero e bisognoso; o Dio, affrettati a soccorrermi; tu sei il mio aiuto e il mio liberatore, o Eterno, non tardare!” (Salmo 70).

Il salmista è nei guai. Egli prega: “Affrèttati, o Dio, a liberarmi! O Eterno, affrèttati in mio aiuto!. (Salmo 70:1). Questa è una preghiera di disperazione. Dio deve “liberare” e “aiutare” questa persona. La situazione è cupa e pericolosa. C'è chi cerca la sua vita, chi desidera fargli del male (v. 2). Il salmista è “Quanto a me sono misero e bisognoso”. Il tempo stringe: “o Eterno, non tardare!” (v. 5).

Nelle “Annotazioni inglesi” [1], i riformatori protestanti inglesi ricordavano ai loro lettori che, insieme alle nostre ferventi preghiere a Dio, “ci deve essere anche una decisione di pazienza e sottomissione. Con fede e sicurezza, dobbiamo comprendere che il tempo stabilito da Dio, prima o poi, è il nostro momento migliore, anche se il buon senso e la debolezza della carne suggeriscono il contrario”. Le nostre situazioni possono sembrare terribili e potremmo sentire di essere al limite delle nostre forze. Ma dobbiamo continuare ad avere pazienza e sottomettere la nostra volontà a quella di Dio, perché “il tempo di Dio” – che avvenga “prima o poi” – è “il nostro momento migliore”.

Per noi può essere difficile da ascoltare perché siamo naturalmente impazienti quando si tratta delle risposte di Dio alle nostre preghiere. Vogliamo che Dio si affretti e agisca. Ora! Ma ciò che conta di più è che abbiamo fede e fiducia in Dio affinché agisca quando Egli desidera agire, non quando pensiamo che Dio dovrebbe agire.

Come il salmista, preghiamo per la liberazione. Preghiamo anche che Dio “non tardi”. Ma mentre aspettiamo, confidiamo. Il tempismo stabilito da Dio è il migliore. Nonostante le nostre circostanze, aspettiamo pazientemente l’aiuto di Dio.

Spunti di riflessione. Quando hai sentito un grande bisogno e hai dovuto aspettare che Dio ti rispondesse e ti aiutasse? Quali lezioni spirituali hai imparato da questa esperienza?

Nota

[1] "English Annotations on the Holy Bible" è un'opera importante scritta da Matthew Poole, un teologo inglese del XVII secolo Questo lavoro è noto per i suoi commentari e annotazioni sulla Bibbia, ed è stato un importante contributo all'interpretazione delle Scritture durante quel periodo. Le "English Annotations" e altri commentari simili del periodo sono stati scritti per spiegare e promuovere la dottrina protestante e fornire una guida spirituale basata sulla Bibbia. Questi commentari hanno avuto un impatto significativo sulla teologia protestante e sulla comprensione della Bibbia in Inghilterra e hanno contribuito alla diffusione delle idee della Riforma protestante in tutto il paese. Matthew Poole (1624-1679), teologo anticonformista inglese, nacque a York, studiò all'Emmanuel College di Cambridge e dal 1649 fino all'approvazione dell'Atto di Uniformità (1662) ricoprì la canonica di St Michael le Querne, a Londra. Successivi problemi lo portarono a ritirarsi in Olanda e morì ad Amsterdam nel 1679.


Confessione di peccato

Dal Libro della Preghiera Comune

ONNIPOTENTE e misericordiosissimo Padre, abbiamo sbagliato e ci siamo allontanati dalle tue vie, come pecore smarrite. Abbiamo seguito troppo gli espedienti e i desideri del nostro cuore. Abbiamo offeso le tue sante leggi. Abbiamo trascurato ciò che avremmo dovuto fare, e abbiamo fatto ciò che non avremmo dovuto fare, e non c'è salute in noi; ma tu, Signore, abbi pietà di noi miserabili trasgressori. Risparmia, o Dio, coloro che confessano le loro colpe. Restaura coloro che sono penitenti, secondo le tue promesse dichiarate all'umanità, in Cristo Gesù, nostro Signore. E concedi, o Padre misericordiosissimo, per amor suo, che noi possiamo vivere d'ora in poi una vita pia, giusta e sobria, alla gloria del tuo santo nome. Amen.