Preghiera/Preghiere Riformatori/Il tempo previsto da Dio

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 3 set 2023 alle 22:43 di Pcastellina (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


21.  Il tempo previsto da Dio

Leggere Salmo 71:12-24

Nella sua preghiera per la protezione e l’aiuto di Dio, il salmista supplica: “O Dio, non allontanarti da me, mio Dio, affrettati a soccorrermi!” (Salmo 71:12). Le difficoltà e i problemi della vita del salmista incombevano su di lui, e aveva bisogno dell’aiuto di Dio, presto!

Conosciamo il sentimento del salmista. Ci sono momenti in cui preghiamo Dio per ricevere aiuto, e per noi, prima arriva l'aiuto, meglio è! Ma l’aiuto di Dio non sempre arriva così rapidamente come speriamo. Aspettiamo . . . e aspettiamo.

Eppure non disperiamo. Nell'attesa, il salmista recita ciò che Dio aveva fatto che gli dava speranza e lo porta alla lode (cfr v. 14). Dio ha compiuto “opere potenti” (v. 16), “grandi cose” (v. 19) e ha fatto rivivere il salmista in passato (vedere v. 20). Dio è fedele (vedi v. 22)!

Wolfgang Musculus [1] commentava che “sebbene desideri che l'aiuto di Dio arrivi presto, tuttavia indica che non dispererà, anche se non verrà liberato immediatamente. La natura della carne è esigere che la liberazione arrivi rapidamente; però è considerazione dello spirito sperare nel tempo disposto da Dio”.

In noi stessi, desideriamo che la liberazione arrivi rapidamente. Ma aspettiamo Dio. Quando aspettiamo e aspettiamo Dio, possiamo provare i modi in cui Dio ci ha salvato e aiutato in passato, confidando che Dio farà “grandi cose” anche nel nostro futuro. Il tempo disposto da Dio è la nostra speranza!

Spunti di riflessione. Rifletti sui tempi stabiliti da Dio nella tua vita, sui modi in cui le tue preghiere hanno ricevuto risposta dopo un periodo di tempo. Che speranza hai mentre aspetti? Hai visto che il tempo predisposto da Dio è stato il migliore?

Nota

[1] Wolfgang Musculus (Müslin o Mauslein), (1497-1563) è stato un teologo della Riforma. Nel 1527 lascia il monastero benedettino di Lixheim (ora nella zona della Mosella), per servire come diacono della Cattedrale di Nostra Signora di Strasburgo e assistente di predicazione di Matthäus Zell mentre studia con Bucero e Capitone. Parte per Augusta nel 1531 e, dopo 17 anni di servizio, lascia la città dopo l'introduzione dell'Interim di Augusta e arriva in Svizzera dove diventa professore primario di teologia a Berna dal 1549. A Berna scrive diversi commenti biblici e “Luoghi comuni della religione cristiana”, una grande teologia sistematica. JS Bach utilizza l'inno di Musculus del 1530, una parafrasi del Salmo 23 , come testo per la sua cantata corale Der Herr ist mein getreuer Hirt , BWV 112 eseguito per la prima volta a Lipsia nel 1731 .