Preghiera/Preghiere Riformatori/Un discorso dell'anima

7. Un discorso dell’anima 

Salmo 25 (leggi tutto il salmo)

A volte scivoliamo in una preghiera che non ci coinvolge completamente. Potremmo leggere preghiere e semplicemente leggere parole su una pagina. Oppure possiamo dire certe frasi familiari senza pensare al loro significato. Potremmo persino impegnarci in una sorta di flusso di coscienza in cui offriamo la preghiera senza considerare pienamente e completamente ciò che stiamo dicendo. Le preghiere possono anche diventare meccaniche.

Ma il salmista comincia pregando: «A te, o Eterno, io elevo l'anima mia» (Salmi 25:1). Il salmista prega con la sua anima. Questa preghiera coinvolge la totalità dell’intimo del salmista.

George Downame  (c. 1566—1634), discutendo della preghiera, scrisse che "nell'anima generalmente è richiesto che la nostra preghiera sia un discorso dell'anima, e non solo della bocca, un risveglio del nostro cuore (Salmo 25:1), un potenziamento dell'anima (Salmi 62:8), una preghiera in spirito (Efesini 6:18) e in verità (Salmi 145:18).”

Downame usa un'immagine accattivante. La nostra preghiera dovrebbe essere "parola dell'anima" (vedi anche Salmi 86:4; 143:8). Il discorso dell'anima coinvolge tutto il nostro sé, non solo parole della bocca, ma parole del cuore e del nostro essere più intimo. Questa è l'effusione del nostro cuore e della nostra anima a Dio. Siamo totalmente concentrati su Dio, Colui che stiamo pregando. Nella preghiera, pratica il discorso dell'anima!

Spunto di preghiera. Esercitati a pensare alle tue preghiere come "discorso dell'anima". Prendi ciò che è più profondo dentro di te. Metti in parole i tuoi sentimenti più profondi e offrili come una preghiera a Dio.