Teologia/Una falsa antinomia

Ritorno


Indice

Una falsa antinomia - l’Evangelo del Regno di Gesù contro l’Evangelo della salvezza in Paolo

Nei vangeli l’annuncio dell’Evangelo è incentrato nella potenza di Gesù che combatte con successo le forze demoniache che distruggono l’integrità fisica, morale e spirituale dell’uomo. La salvezza, così, vi è presentata soprattutto come l’irrompere in Gesù, qui ed ora, del Regno di Dio nella realtà di singoli e della società. Negli scritti paolini, però, l’Evangelo sembra incentrarsi soprattutto nel valore salvifico della sofferenza, morte e risurrezione di Gesù Cristo ricevuta per fede e quindi sembra avere un carattere “più spirituale”. Questo ha indotto molti teologi liberali (ma non solo), da 200 anni a questa parte, ad affermare che di fatto vi siano nel Nuovo Testamento due concezioni contrapposte di Evangelo, reciprocamente in tensione, una più “primitiva” ed una “più raffinata”, tanto da opporre Gesù a Paolo. Lo si rileva pure oggi: due tendenze che rimangono fra i cristiani: “quelli del Regno” (qui ed ora) e quelli dell’Evangelo (proiettato nel “dopo” o “nell’aldilà”). Si tratta, però, di una falsa contrapposizione. Una lettura più accorta degli scritti neotestamentari nel quadro dell’intera Bibbia mette in evidenza come l’Evangelo sia e debba essere solo uno.

Di P. Andrew Sandlin (4-2-2022)

L’Evangelo di Gesù

Consideriamo innanzitutto l'Evangelo predicato da Gesù. Leggiamo in Marco 1:14–15,

“Dopo che Giovanni fu messo in prigione, Gesù si recò in Galilea, predicando l'Evangelo di Dio e dicendo: Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; ravvedetevi e credete all'Evangelo”.

Chiaramente, per Gesù, il regno di Dio era una realtà attuale e urgente che esigeva ravvedimento e fede nell’Evangelo.

In Matteo 4:23–24 otteniamo un quadro più specifico di cosa sia questa predicazione dell'Evangelo:

“Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando l'evangelo del Regno, sanando ogni malattia ed ogni infermità fra il popolo. E la sua fama si sparse per tutta la Siria; e gli recarono tutti i malati colpiti da varie infermità e da vari dolori, indemoniati, lunatici, paralitici; ed egli li guarì”.

Se avete letto i vangeli, in particolare i vangeli sinottici, sapete che tra i racconti di nascita all'inizio e i racconti della passione alla fine, Gesù sta principalmente facendo tre cose pubblicamente: predicare l'Evangelo del Regno, guarire i malati, ed esorcizzando i demoni. Questo non è un caso per il suo ministero. Questo è vicino al cuore del suo ministero. Se togli il regno, la guarigione e gli esorcismi dai vangeli, non c'è più Evangelo. Chiaramente, scacciare i demoni e guarire i malati sono intimamente legati al Regno di Dio che Gesù stesso ha incarnato.

L'Evangelo di Paolo

Ora pensate all'apostolo Paolo, che è l'interprete speciale di Dio dell'opera redentrice del Signore. Quando Paolo riassume l'Evangelo per i Corinzi nella prima epistola, capitolo 15, sembra dipingere un quadro molto diverso da quello che incontriamo nei racconti dell'Evangelo. Riassume l'Evangelo come morte, sepoltura e risurrezione di Cristo. Certamente l'Evangelo è più grande di questo, ma non è più piccolo. La buona notizia è che Cristo è morto per i nostri peccati, è risorto per la nostra giustificazione (Romani 4:25) e che tutti coloro che credono in lui avranno la vita eterna (Romani 10:9). Questo è proprio il messaggio che Paolo e gli altri apostoli predicarono nel libro degli Atti.

Questo suona molto diverso dall'Evangelo predicato da Gesù. Certo, Egli non era ancora morto e risorto, e più e più volte ha detto che l'avrebbe fatto, ma l'Evangelo, come lo predicava Gesù, è più strettamente legato alla guarigione soprannaturale e agli esorcismi della sua morte e risurrezione.

Questo significa che c'è un conflitto tra Paolo e Gesù? I liberali certamente lo credono. Così tanti altri cristiani. Infatti alcuni di loro, chiamati dispensazionalisti, credono che Gesù abbia predicato un vangelo diverso da Paolo. Questo li mette in un bel dilemma, poiché in Galati 1 Paolo scrive che se qualcuno predica un vangelo diverso da lui, sarà maledetto. Sono abbastanza certo che Paolo non stesse maledicendo Gesù…

Gesù insegnò a Paolo l'Evangelo

In che modo, allora, Gesù e Paolo potrebbero predicare lo stesso vangelo? Innanzitutto, sappiamo che l'hanno fatto. Lo scrittore di Ebrei dice (2:3-4):

“...come scamperemo noi se trascuriamo una così grande salvezza? La quale, dopo essere stata prima annunziata dal Signore, ci è stata confermata da quelli che l'aveano udita, mentre Dio stesso aggiungeva la sua testimonianza alla loro, con de' segni e de' prodigi, con opere potenti svariate, e con doni dello Spirito Santo distribuiti secondo la sua volontà”.

Quindi, questo vangelo di cui hanno testimoniato tutti questi miracoli era l'Evangelo di Pietro, Luca e Giovanni. Ma ricorda che i primi apostoli erano d'accordo con Paolo riguardo all'Evangelo. Ascoltarono il suo messaggio e gli diedero la mano destra della comunione (Galati 2:6–9; Atti 15:1–29). In altre parole, Paolo stava predicando lo stesso Evangelo che predicavano loro, e l'Evangelo che predicavano era lo stesso vangelo predicato da Gesù.

Qual è il collegamento allora? Otteniamo una risposta nella parabola di Gesù dell'uomo forte la cui casa è stata saccheggiata. Leggiamo in Matteo 12 che Gesù guarì un indemoniato, e i farisei incredibilmente dicevano tra loro che era stato Satana che gli aveva dato questo potere, e poi leggiamo questo:

“Gesù, conosciuti i loro pensieri, disse loro: Ogni regno diviso in parti contrarie sarà ridotto in deserto; ed ogni città o casa divisa in parti contrarie non potrà reggere. E se Satana caccia Satana, egli è diviso contro se stesso; come dunque potrà sussistere il suo regno? E se io caccio i demoni per l'aiuto di Belzebù, per l'aiuto di chi li cacciano i vostri figliuoli? Per questo, essi stessi saranno i vostri giudici. Ma se è per l'aiuto dello Spirito di Dio che io caccio i demoni, è dunque pervenuto fino a voi il regno di Dio. Ovvero, come può uno entrar nella casa dell'uomo forte e rapirgli le sue masserizie, se prima non abbia legato l'uomo forte? Allora soltanto gli prederà la casa” (vv. 25–29).

Notate attentamente ciò che Gesù sta dicendo. Scacciando i demoni, sta dimostrando che il regno di Dio ha invaso il mondo in modo intenso e concentrato. Satana è l'uomo forte, che ha accumulato grandi ricchezze in questo mondo, ma Gesù è più forte, ha depredato i suoi beni e ha legato l'uomo forte. Com’è stato scritto: "Satana, il tuo regno è finito".

Gesù stesso incarna il regno di Dio. Gesù è il Regno di Dio nel mondo. Gesù venne per distruggere le opere del diavolo (1 Giovanni 3:8), e i suoi miracoli ne erano la prova. La possessione demoniaca e queste malattie sono di solito opere sataniche, e Gesù venne per distruggerle, e alla fine le distruggerà tutte.

L'Evangelo paolino

Questo è ciò che Gesù iniziò a fare, e il riassunto dell'Evangelo di Paolo ci dice come fu in grado di farlo. Cristo è morto per i nostri peccati per sopportare la punizione, ed è risorto con grande vittoria sul potere del peccato. Il regno arriva nella sua misura più piena in un mondo decaduto, prima dell'eternità, a causa della morte e risurrezione vittoriosa di Cristo e del regno presente.

Questo Evangelo del regno sia in Gesù che in Paolo è lo stesso vangelo da prospettive diverse. In effetti, non puoi avere il riassunto di Paolo del regno come morte e risurrezione di Cristo se non hai l'incursione del regno di Gesù nella storia che distrugge le opere del diavolo. Ecco la chiave: Gesù viene distruggendo le opere del diavolo, e Paolo descrive specificamente come è in grado di farlo. Questo è l'unico, indifferenziato vangelo “Gesù di Paolo”.

Pertanto, l'Evangelo del regno è la buona notizia dell'ampia sovranità redentrice di Dio sulla terra esercitata in suo Figlio. N. T. Wright lo mette in questo modo:

"[l'Evangelo] non è... un sistema di come le persone vengono salvate. L'annuncio dell'Evangelo fa sì che le persone vengano salvate... Ma lo stesso 'vangelo', in senso stretto, è l'annuncio narrativo del re Gesù…. Quando l'araldo fa un proclama reale, dice 'Nerone (o chiunque altro) è diventato imperatore. Non dice: "Se vuoi vivere un'esperienza vitale sotto un imperatore, potresti provare Nerone". L'annuncio è un autorevole invito all'obbedienza ….l'Evangelo è infatti l'annuncio di una vittoria regale" [N. T. Wright, What St. Paul Really Said (Grand Rapids: Eerdmans, 1997), 45, 47].

Ciò significa che l'Evangelo redime i peccatori, ma non potrà mai limitarsi alla soteriologia individuale (dottrina della salvezza).

L'Evangelo di Gesù Cristo era costantemente sulle labbra dei primi cristiani. l'Evangelo è la buona notizia, al centro che Gesù Cristo è morto ed è risorto. Ma perché è morto e risorto? Affinché potesse ascendere ai cieli e prendere il trono con suo Padre ed espandere il regno di suo Padre qui sulla terra. Se avete letto bene Atti capitolo 2, scoprirete che questo è ciò che Pietror dice in modo abbastanza esplicito. Gesù sta attualmente governando dal cielo e ha effuso lo Spirito Santo a Gerusalemme affinché l'Evangelo si diffondesse sulla terra.

Conclusione

Questo vangelo è specificamente chiamato vangelo del regno (Matteo 24:14). Paolo lo predicò fino alla fine della sua vita:

“Paolo dimorò due anni interi in una casa da lui presa a fitto, e riceveva tutti coloro che venivano a trovarlo, predicando il regno di Dio, e insegnando le cose relative al Signor Gesù Cristo con tutta franchezza e senza che alcuno glielo impedisse” (Atti 28:30–31).

In effetti, potremmo semplicemente dire che l'Evangelo è il messaggio del regno. Dio fa avanzare il suo regno principalmente mediante la predicazione riuscita dell'Evangelo. A proposito, questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di interpretare bene l'Evangelo. Se sbagliamo l'Evangelo, il regno di Dio ne verrà danneggiato. E se non vediamo il regno di Dio espandersi costantemente, è probabilmente perché stiamo predicando un vangelo diluito o difettoso.

La creazione di distinzioni radicali tra gli insegnamenti di Gesù e Paolo, tra Antico e Nuovo Testamento, legge e vangelo, grazia e obbedienza, spirito e materia, e "già" e "non ancora" sventra il messaggio biblico unificato: un Dio, un piano, un regno, una chiesa, uno Spirito, un Signore, una fede, un battesimo, un vangelo, una legge, una speranza.

“Quello dunque che Iddio ha congiunto l'uomo non lo separi” (Marco 10:9).

 

[1]