Teopedia/Van Priensterer

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 29 dic 2022 alle 13:11 di Pcastellina (discussione | contributi) (Creata pagina con "Ritorno ---- = Guillaume Groen van Prinsterer = Guillaume Groen van Prinsterer (21 agosto 1801-19 maggio 1876), è stato un politico e storico olandese ; è na...")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Ritorno


Guillaume Groen van Prinsterer

Guillaume Groen van Prinsterer (21 agosto 1801-19 maggio 1876), è stato un politico e storico olandese ; è nato a Voorburg , vicino a L'Aia .

Groen è un'icona storica olandese. [1] Era un uomo colto e devoto della classe media olandese (suo padre, Petrus Jacobus Groen van Prinsterer, era un medico). Essendo un devoto cristiano, a suo avviso non ha mai lasciato la Chiesa riformata olandese , la chiesa di stato dei Paesi Bassi e della sua famiglia reale , nonostante il suo stato pietoso. Essendo un gentiluomo, si mescolò nei circoli aristocratici , subendo anche l'influenza e poi guidando il movimento di rinnovamento evangelico fiorente all'epoca (la controparte continentale europea del Secondo Grande Risveglio ), noto nei Paesi Bassi come Réveil .

Ha studiato all'Università di Leida , [2] e si è laureato nel 1823 sia come dottore in lettere che come LLD . [3] Dal 1829 al 1833 fu segretario di Guglielmo II dei Paesi Bassi e durante questo periodo frequentò la chiesa protestante di Bruxelles sotto il pastore Merle d'Aubigné . Successivamente ha preso un ruolo di primo piano nella politica interna olandese, e gradualmente è diventato il leader del Partito antirivoluzionario , sia nella Seconda Camera del parlamento, di cui è stato membro per molti anni, sia come scrittore politico.

In Groen le dottrine di Guizot e Stahl trovarono un eloquente esponente. Permeano i suoi scritti controversi e politici e gli studi storici, di cui il suo Handbook of Dutch History (in olandese ) e Maurice et Barnevelt (in francese, 1875, una critica alla Vita di Van Olden-Barnevelt di Motley ) [ 4 ] sono i opere principali. Groen era ferocemente contrario a Thorbecke , di cui denunciava i principi come empi e rivoluzionari, cioè ispirati alla Rivoluzione francese. Sebbene Groen visse per vedere questi principi trionfare nelle riforme costituzionali attuate da Thorbecke, non cessò mai di opporsi ad essi fino alla sua morte nel 1876.

Pubblicazioni 

Quando il movimento rivoluzionario in Europa iniziò a scoppiare in varie città, il segretario monarchico e restauratore del re olandese iniziò a tenere conferenze sulla crisi politico-spirituale del Continente. Anche Groen era pronto per la pubblicazione. Aveva cominciato a farlo con la sua Panoramica del 1831, il suo Saggio sulla verità del 1834, un manoscritto più difficile da datare con precisione ma intitolato Studi sulla rivoluzione , i suoi Prolegomeni del 1847 (l'anno successivo Karl Marx pubblicò il Manifesto del partito comunista ). L'opera più influente di Groen Lectures on Unbelief and Revolutionapparve in un'edizione iniziale nel 1847, e poi in un'edizione rivista del 1868; ci furono anche edizioni successive. Col tempo fondò un circolo politico intellettuale cristiano tra le classi superiori, attraverso il quale Groen cercò di insegnare la responsabilità politica di queste persone. Ha anche fondato un giornale.

È meglio conosciuto come l'editore degli Archives etcorrispondence de la maison d'Orange (12 voll, 1835-1845), grande opera di paziente erudizione, che gli procurò il titolo di Gachard olandese . John L. Motley riconosce il suo debito nei confronti degli archivi di Groen nella prefazione al suo Rise of the Dutch Republic , [5] in un momento in cui lo storico americano non aveva ancora fatto la conoscenza dell'archivista di King William, e rese anche un'enfatica testimonianza del valore di Groen come scrittore di storia nella corrispondenza pubblicata dopo la sua morte.

Al primo ricevimento, nel 1858, di Motley al palazzo reale dell'Aia, il re gli regalò una copia degli Archivi di Groen in segno di apprezzamento e ammirazione per l'opera svolta dal degno vendicatore di Guglielmo I, principe d'Orange . Questa copia, recante l'iscrizione autografa del re, entrò in seguito in possesso di Sir William Vernon Harcourt , genero di Motley.

Pensieri 

Il traduttore del pensiero politico olandese e dell'influenza di Groen, Harry Van Dyke, ha riassunto la visione matura di Groen in questo modo:

"Stiamo vivendo in una condizione di rivoluzione permanente... le rivoluzioni sono qui per rimanere e aumenteranno molto di più in portata e intensità a meno che gli uomini non possano essere persuasi a tornare al cristianesimo, a praticarne i precetti e ad obbedire al Vangelo in tutte le sue implicazioni per la vita umana e per la società civile.Senza un tale risveglio, il futuro sarebbe appartenuto al socialismo e al comunismo, che da questo punto di vista non erano che le sette più consistenti della nuova religione secolare.Per Groen, quindi, lo spettro politico che si presentava al suo generazione non offriva alcuna scelta significativa. "In termini della sua analisi, la 'sinistra radicale' era composta da fanatici credenti nell'ideologia senza Dio; il "centro liberale", al confronto, da calorosi credenti che mettevano in guardia contro gli eccessi e predicavano la moderazione; mentre la "destra conservatrice" abbracciava tutti coloro che non avevano l'intuizione, la prudenza o la volontà di rompere con i principi moderni, ma che si ritraevano dalle conseguenze ogni volta che l'ideologia veniva praticata e implementata in modo coerente. Nessuna delle sfumature o 'sfumature del liberalismo secolare rappresentava un'opzione valida per i cittadini cristiani". linee". [6]

Lo studioso sudafricano Jan Adriaan Schlebusch descrive il tema di base della teoria antirivoluzionaria di Groen come segue:

non solo come fenomeno storico-politico, ma come sviluppo storico-filosofico, equivaleva a una violazione anticristiana dei diritti naturali, delle relazioni socio-politiche stabilite e del sistema giudiziario radicato in un ordine sociale divinamente ordinato. Pertanto la posizione antirivoluzionaria o storico-cristiana comportava l'opposizione a questa Rivoluzione epistemica come via destinata al disastro sociale e alla tirannia politica".[7]

Opere tradotte in inglese

  • Unbelief and Revolution: A Series of Lectures in History. Amsterdam: Groen van Prinsterer Fund, 1973-1975.
  • The History of the Revolution in its First Phase. Amsterdam: Groen van Prinsterer Fund, 1978.
  • Christian Political Action in an Age of Revolution. Translated by Collin Wright. Aalten, the Netherlands: WordBridge Publishing, 2015.

References

  1. ^ Langley, McKendree R. "The Legacy of Groen van Prinsterer," Reformed Perspective, January 1985, pp. 25-28.
  2. ^ Skillen, James W. & Rockne M. McCarthy (eds.) Political Order and the Plural Structure of Society. Wm. B. Eerdmans Publishing, p. 53.
  3. ^ Van Dyke, Harry. "Groen van Prinsterer's Appreciation of Classical Antiquity." In: In the Phrygian Mode: Neo-Calvinism, Antiquity and the Lamentations of Reformational Philosophy. University Press of America, 2007, p. 13.
  4. ^ Wheaton, Robert. "Motley and the Dutch Historians," The New England Quarterly 35 (3), 1962, pp. 318–336.
  5. ^ "It is unnecessary to add that all the publications of M. Gachard — particularly the invaluable correspondence of Philip II. and of William the Silent, as well as the "Archives et Correspondence" of the Orange Nassau family, edited by the learned and distinguished Groen van Prinsterer, have been my constant guides through the tortuous labyrinth of Spanish and Netherland politics." — Motley, John Lothrop (1856). The Rise of the Dutch Republic: A History. New York: Harper & Brothers.
  6. ^ Van Dyke, Harry (ed. and trans.) Groen van Prinsterer's Lectures on Unbelief and Revolution. Jordan Station, Ont: Wedge Pub. Foundation, 1989, pp. 3–4.
  7. ^ Schlebusch, Jan A. "Democrat or traditionalist? The epistemology behind Groen van Prinsterer’s notion of political authority" in Journal for Christian Scholarship 56(3-4), 2020, pp. 120-121.

Altre letture

  • Essen, J. L. van (1982). "Guillaume Groen van Prinsterer and His Conception of History," Westminster Theological Journal 44, pp. 205–49.
  • Hospers Sr., G. H. (1935). "Groen van Prinsterer and His Book," Evangelical Quarterly 7, pp. 267–86.
  • Lloyd-Jones, D. Martyn (1975). "The French Revolution and After." In: The Christian and the State in Revolutionary Times. London: Westminster Conference, pp. 94–99.
  • Morton, Herbert Donald & Jantje L. van Essen (1982). Guillaume Groen van Prinsterer: Selected Studies. Jordan Station, Ont: Wedge Pub. Foundation.
  • Sap, John W. (2001). Paving the Way for Revolution: Calvinism and the Struggle for a Democratic Constitutional State. Amsterdam: VU Uitgeverij, pp. 289–302.

Collegamenti