Ecclesiologia/Potere e pastori

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Potere e pastori 

Recuperare una comprensione biblica del potere

In questo articolo, l'autore affronta brevemente il recupero di una comprensione biblica del potere e di come la via migliore di Gesù ci aiuta a difenderci dall'abuso e dall'abuso di potere.

di Ed Stetzer (2019)[Ed Stetzer ricopre la Billy Graham Distinguished Chair of Church, Mission and Evangelism al Wheaton College, è preside della School of Mission, Ministry e Leadership al Wheaton College, è direttore esecutivo del Billy Graham Center e pubblica risorse per la leadership della chiesa attraverso Mission Group].

Il Billy Graham Center ha recentemente ospitato una conversazione al vertice GC2 su aggressioni e abusi sessuali, molestie, questioni legali, consenso, risposte agli abusi, ruolo importante delle autorità governative, stato di diritto e altri argomenti vitali e urgenti da discutere in la cultura di oggi. I leader della Chiesa, in particolare le donne, stanno guadagnando una piattaforma profetica per denunciare ingiustizie e abusi, sia all'interno che all'esterno della chiesa, che sono stati a lungo ignorati, coperti e persino accettati.

Durante la conversazione, ho avuto l'opportunità di affrontare il vertice sull'uso corretto e l'abuso di potere nella chiesa. Ora, voglio fare un tuffo più profondo nel concetto di potere. In questo articolo, vorrei prima di tutto aiutare i leader della chiesa a recuperare una comprensione biblica del potere discutendo la sottigliezza, la portata e la gestione del potere.

 La sottigliezza del potere 

Il potere è tutto intorno a noi e, di fatto, è dentro di noi. Tuttavia, quando si tratta del pubblico in generale, sia all'interno che all'esterno della chiesa, le persone in genere non pensano al potere come a qualcosa che possiedono. Le persone tendono a pensare al potere come a ricoprire una particolare posizione (politica o organizzativa), stare su una certa piattaforma, avere prosperità o essere popolare.

In "Per cambiare il mondo", James Hunter osserva che il concetto di potere è strettamente associato ai ruoli delle élite nella società. Il potere, quindi, è più associato a chi è una persona o a ciò che ha acquisito, specialmente in relazione agli altri.

Tuttavia, secondo Andy Crouch, il potere, nella sua definizione più semplice, è "La capacità di creare qualcosa del mondo".

Accoppia questa definizione con la teologia dell'imago Dei e del mandato creazionale, e arrivi alla conclusione che ogni essere umano possiede potere. Dio ha delegato il potere all'umanità comandandoci di essere fecondi, moltiplicarsi, riempire, sottomettere e dominare la terra (Gen. 1:28).

In breve, il potere risiede in ogni persona.

Questo può essere uno shock per molti, specialmente quelli nella chiesa, data la nostra concezione errata del potere. Non pensiamo al potere teologicamente, ma culturalmente.

 La portata del potere 

Le parole fanno parte della nostra quotidianità. Che siano parlate, scritte, inviate per e-mail o SMS, le parole sono pervasive; eppure le parole sono neutre finché non vengono usate. Per dirla in un altro modo: le parole, in sé e per sé, restano in uno stato neutro finché non vengono utilizzate per scopi comunicativi.

Una volta raccolte ed esercitate, le parole diventano una forza potente, nel bene o nel male. Il denaro è molto simile. Il denaro raccolto in una pila si trova in uno stato neutrale. Tuttavia, una volta che il denaro viene utilizzato per acquistare o investire in qualcosa, passa dal suo stato neutrale a uno effettivo.

L'esercizio o l'uso di parole e denaro esemplificano l'uso del potere. Il potere è sia pervasivo che neutrale. Tuttavia, il potere è solo neutro finché non viene utilizzato. Una volta utilizzata, la potenza diventa effettiva. In altre parole, effetti di potere nel bene e nel male.

Per metterlo nel contesto della definizione di Crouch, la portata del potere viene utilizzata per migliorare qualcosa del mondo o peggiorare qualcosa del mondo.

Pastori e leader della chiesa devono rendersi conto che la leadership è l'esercizio del potere nella vita reale; è l'abilità di usare il potere in modo efficace. Pertanto, dobbiamo essere sensibili alla portata del potere, per quanto sottile possa essere il nostro potere.

Mentre spendi potere, attraverso l'insegnamento, la predicazione, il consiglio, il consiglio, il servizio o l'equipaggiamento, chiediti: "Sto usando questo potere che Dio mi ha dato per il bene degli altri e la causa di Cristo?"

 La gestione del potere 

Andy Crouch fornisce un articolo eccezionalmente utile sui pastori e il potere in "È ora di parlare di potere" . Ci sono tornato più volte e ci ho fatto affidamento in questo articolo. In esso, chiede cosa includerebbe una nuova conversazione sul potere:

Riconoscerebbe, anzi insisterebbe, che il potere è un dono, il dono di un Donatore che è il modello supremo del potere usato per benedire e servire. Il potere non è dato a beneficio di coloro che lo detengono. È dato per il fiorire degli individui, dei popoli e del cosmo stesso. Il giusto uso del potere è particolarmente importante per la crescita dei vulnerabili, i membri della famiglia umana che hanno più bisogno degli altri per usare bene il potere per sopravvivere e prosperare: i giovani, gli anziani, i malati e i diseredati. Il potere non è l'opposto della servitù. Piuttosto, il servizio, assicurare la prosperità degli altri, è lo scopo stesso del potere.

Quando le persone fraintendono da dove viene il potere, si appropriano indebitamente dell'uso del potere. Se le persone pensano di essere quelle che guadagnano o lavorano per il potere secondo chi sono e cosa hanno fatto, useranno il potere a proprio vantaggio, indipendentemente dal suo effetto sugli altri.

Tuttavia, se le persone credono che il potere che possiedono sia stato un dono, arriveranno a vedere il potere come qualcosa che amministrano per il bene di colui che gentilmente ha dato loro il dono.

La Bibbia nel suo insieme – e Gesù in particolare – parla in modo chiaro e inequivocabile della corretta comprensione del potere. Dio possedeva l'ordine creato, poiché aveva creato i cieli e la terra.

Dopo aver stabilito l'ordine creato, Dio ha delegato all'umanità il potere di fare qualcosa di questo mondo in un modo che lo glorificasse e fosse vantaggioso per gli altri. In tal modo, Dio immaginò che il suo regno buono, perfetto e fiorente fosse stabilito sulla terra tramite il potere delegato dell'uomo.

 La base giusta 

Pastori e leader della chiesa, quando si tratta di comprendere e usare correttamente il potere, dobbiamo iniziare con questo fondamento. Senza un fondamento biblico e una struttura per il potere, condurremo noi stessi e il nostro popolo a razionalizzare, spiritualizzare e personalizzare (individualizzare) il potere.

Di conseguenza, abuseremo e abuseremo del potere, intenzionalmente o meno. Tuttavia, se abbiamo una visione teocentrica - e più specificamente, una visione cristocentrica - del potere, arriveremo a capire che dobbiamo sottomettere il nostro potere alla Fonte del potere amministrando il potere sotto Sua signoria.

Il più grande esempio per recuperare la nostra comprensione del potere è Gesù. Come descrive James Hunter, Gesù utilizzò il potere "sociale" (o relazionale) per spezzare e portare guarigione al potere corrotto, manipolatore e coercitivo del mondo.

Hunter continua a notare quattro caratteristiche distinte di Cristo che incarnavano e dimostravano un diverso tipo di potere.

  • Il potere era fondato sulla completa intimità e sottomissione al Padre
  • Stato e reputazione del potere rifiutato
  • Il potere era definito dalla compassione
  • Il potere non era coercitivo

In breve, mentre seguiamo la via di Gesù, arriveremo a vedere la sottigliezza del potere, la portata del potere e la gestione del potere mentre lavoriamo per fare qualcosa del mondo per la gloria di Dio e il bene degli altri .

Giacomo, il fratellastro di Gesù, scrive: “Chi dunque sa fare il bene e non lo fa, commette peccato” (Giacomo 4:17). Applicando la definizione di potere di Andy Crouch - la capacità di fare qualcosa del mondo - a questo verso suggerirebbe che coloro che sanno cosa dovrebbero fare (o astenersi dal fare) per fare qualcosa di meglio del mondo per la gloria di Dio e il bene degli altri ma non lo facesse, soccomberebbe al peccato.

In altre parole, non riuscire a fare la cosa giusta nel contesto dell'uso del potere - fare qualcosa di meglio del mondo - sarebbe una buona descrizione dell'"abuso di potere".

In breve, abusare del potere è peccato.

Abuso di potere pastorale 

Quando i pastori abusano del potere, può essere disastroso. L'abuso del potere pastorale può portare a diversi tipi di peccato, a seconda di dove viene esercitato quel potere abusivo. L'abuso del potere pastorale può portare all'abuso dell'autorità sui capi della chiesa o su una congregazione, alle molestie sessuali degli adulti, all'abuso dei bambini e a una miriade di altri peccati.

Tutti riguardano l'abuso di potere; il modo in cui si manifesta l'abuso è diverso a seconda della persona che abusa del potere e della situazione locale.

Ma Gesù e il Vangelo ci mostrano il modo migliore e più divino per evitare di essere consumati dal potere, per esercitare il potere attraverso il ministero dell'asciugamano: servire gli altri.

Gesù, dopo aver lavato i piedi ai discepoli, si volta e dice loro: “Se dunque io, il Signore e il Maestro, vi ho lavato i piedi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri” (Giovanni 13:14).

L'apostolo Paolo ha catturato una posizione così umile di servizio sacrificale quando ha scritto,

"Abbiate in voi lo stesso sentimento che già è stato in Cristo Gesù, 6 il quale, essendo in forma di Dio, non considerò qualcosa a cui aggrapparsi tenacemente l'essere uguale a Dio, ma svuotò se stesso, prendendo la forma di servo, divenendo simile agli uomini" (Filippesi 2:5-7).

Già ho menzionato la portata del potere, che il potere può essere ed è usato sia per il bene che per il male.

Come pastori, sulle orme di Gesù, siamo chiamati a guidare e servire, non a dominare e abusare. Lo sappiamo tutti, motivo per cui ci infastidisce così tanto quando vediamo le distorsioni dei modelli biblici dei pastori come leader di servizio.

I pastori biblici servono, non signoreggiano.

Tuttavia, pastori e leader devono fare di più che limitarsi a preoccuparsi dell'abuso di potere. Dobbiamo prima guardarci dal soccombere alla nostra stessa vita per l'abuso e l'abuso di potere. Quindi, in che modo Gesù ci insegna un modo migliore per proteggerci dall'abuso e dall'abuso di potere?

Riconosci il potere della caduta 

Il potere è stato distorto ne lla Caduta.

Nella Genesi, Dio ha dato la responsabilità e il potere di prendersi cura della creazione ad Adamo ed Eva, e originariamente erano progettati per esercitare potere e autorità sulla creazione con amore, cura e pace.

Ma la realtà è che la caduta è avvenuta. Il peccato è entrato nel mondo. Il potere è stato abusato. E gli abusatori salgono al potere.

La caduta è stata reale e ha conseguenze reali su come viene esercitato il potere.

Ora, invece di essere esercitato per sempre, il potere viene spesso abusato. E non è che non siamo co-cospiratori in questo. Non veniamo travolti dalla Caduta come partecipanti inconsapevoli, ma partecipiamo a questa realtà fratturata e spezzata. In effetti, nasciamo spezzati e poi, mentre ci muoviamo attraverso le fasi della vita, esercitiamo volontariamente quella fragilità.

Anche se sappiamo che qualcosa non va, c'è questo elemento di peccato e potere che ci piace, almeno per un momento. L'impegno e l'esercizio del peccato e della rottura non si manifesta solo nelle nostre azioni, ma anche nei sistemi che creiamo.

E quei sistemi perpetuano il potere che alla fine mina la servitù dell'ufficio pastorale.

Pertanto, anche per i credenti, il peccato e il male esistono ancora, e siamo ingenui nel non vedere che il peccato e il male avrebbero un impatto sulle persone con potere, pastori inclusi.

La propensione all'abuso di potere 

Pertanto, rimane la potenzialità - e anche in una certa misura, la propensione - per coloro che sono al comando, compresi i leader della chiesa, di abusare e abusare del potere. Succede nelle agenzie missionarie, nei ministeri dei campus, nei campi cristiani, nelle chiese locali, nel Wheaton College e in molti altri luoghi.

Dobbiamo pianificare in accordo con la realtà che la Caduta è stata reale e il potere sarà usato in modo improprio se non controllato.

Quante volte e dove siamo stati avvertiti di questo? I padri fondatori degli USA hanno creato controlli e contrappesi nel governo perché sapevano che i leader di governo avrebbero abusato del potere. Il mondo degli affari pubblica libri su come trattare con i leader tossici. Ogni giorno, qualcuno è al telegiornale per aver approfittato di qualcun altro.

Ma, purtroppo, alcuni cristiani pensavano che non si applicasse alla chiesa.

Forse gli ultimi anni ci hanno insegnato di più, ma poiché tali abusi continuano a verificarsi, dobbiamo ricordarcelo di nuovo.

  • L'ingenuità non è una virtù
  • Non dobbiamo essere ingenui.
  • L'ingenuità non è una virtù.

I pastori possono essere degli abusatori e hanno il potere nel loro abuso quando le persone non hanno una comprensione adeguata del potere e hanno scelto di non affrontare le questioni fondamentali e sistemiche dell'abuso che affliggono la Sposa di Cristo.

Come ha spiegato John Stott, "I leader hanno potere, ma il potere è al sicuro solo nelle mani di coloro che si umiliano per servire".

E non ci umiliamo naturalmente, pastori inclusi.

Inoltre, molti pastori non iniziano ad essere utilizzatori inappropriati del potere, ma possono fare proprio queste cose rapidamente, perché a un certo punto soccombono alla tentazione che il potere offre sempre.

I lupi 

Quando si pensa alla parola predatore, viene in mente il regno animale. In effetti, la Bibbia usa tali immagini. Sia Gesù che Paolo mettono in guardia la chiesa dai predatori: i lupi sono tra le pecore.

"Guardatevi dai falsi profeti, i quali vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Voi li riconoscerete dai loro frutti. Si raccoglie uva dalle spine o fichi dai rovi?" (Matteo 7:15-16)

"Infatti io so che dopo la mia partenza, entreranno in mezzo a voi dei lupi rapaci, i quali non risparmieranno il gregge, e che tra voi stessi sorgeranno degli uomini che proporranno cose perverse per trascinarsi dietro i discepoli. Perciò vegliate, ricordandovi che per lo spazio di tre anni, giorno e notte, non ho mai cessato di ammonire ciascuno con lacrime!" (Atti 20:29-31).

Non dimenticare che lo scopo ultimo dei lupi è che attirano furtivamente e ingannevolmente le pecore per divorarle al fine di riempire le loro pance. La natura predatoria dei lupi è sempre per la soddisfazione e la sopravvivenza egoistiche. Pertanto, inseguono la loro preda alla ricerca dei più deboli e vulnerabili.

Questa è una breve descrizione di un lupo, ed è da questo che dobbiamo proteggere le nostre chiese. Pastori e leader della chiesa, questo è ciò che dobbiamo evitare che i nostri cuori diventino. Dobbiamo riconoscere la realtà della Caduta; dobbiamo riconoscere la forza del Vangelo.

In conclusione, dobbiamo camminare con saggezza e discernimento con la consapevolezza che potremmo diventare le stesse persone che prendono di mira le chiese per un guadagno egoistico.

Pertanto, i pastori hanno bisogno di responsabilità, di cui parlerò più avanti.

La tentazione di abusare del potere è sempre presente, ma il Vangelo, il potenziamento dello Spirito, il carattere devoto, le strutture di responsabilità e la comunità cristiana sovvertono la pervasività della Caduta con la via migliore di Gesù.

Gesù ha istruito il mondo su come comprendere ed esercitare il potere 

Piuttosto che brandirlo attraverso una spada, una lingua aspra o una prestigiosa posizione di autorità, Gesù esercitò potere attraverso due particolari immagini: un umile servo che lava i piedi agli ospiti e un peccatore sofferente appeso a una croce. La cosa sorprendente di queste due immagini raffigurate da Gesù è che neanche Lui aveva da fare. Era Dio incarnato. Ha creato il cosmo. Era il Figlio di Dio senza peccato.

Semmai, Gesù avrebbe dovuto andare in giro chiedendo alle persone di inchinarsi e adorarlo. Ma non è così che ha agito Gesù. Piuttosto, Gesù esercitò potere attraverso il servizio e il sacrificio. In breve, ha esercitato il potere non per chiedere qualcosa alle persone, ma per fare qualcosa per le persone. Pertanto, Gesù stabilisce la traiettoria per il modo in cui i credenti, in particolare i pastori e i leader della chiesa, comprendono ed esercitano il potere.

Abbiamo già visto che il potere della caduta richiede uno straordinario discernimento. Ma Gesù ci insegna almeno altri due modi per proteggerci dall'abuso e dall'abuso di potere.

Riconosciamo la sfida del potere e il nostro bisogno di un pastore straordinario


Il potere è una sfida 

In ogni ambiente, indipendentemente dalla situazione, il potere è una responsabilità significativa. I pastori spesso non riconoscono l'estensione del loro potere e il pericolo che quel potere vada storto. Le strutture religiose spesso hanno meno responsabilità per le persone al potere e le persone spesso non sono nemmeno consapevoli del potere del pastore nelle loro vite e nelle vite degli altri.

La Scrittura affronta questi concetti. Vediamo le descrizioni di come i pastori devono guidare in luoghi come 1 Pietro 5:

"Esorto gli anziani che sono fra voi, io che sono anziano con loro e testimone delle sofferenze di Cristo e che sono anche partecipe della gloria che dev'essere rivelata: pascete il gregge di Dio che è fra voi, sorvegliandolo non per forza, ma volentieri, non per avidità di guadagno ma di buona volontà, e non come signoreggiando su coloro che vi sono affidati, ma essendo i modelli del gregge. E quando apparirà il sommo pastore, riceverete la corona della gloria che non appassisce" (1 Pietro 5: 1–4).

Gesù è il capo pastore, radunatore del gregge. E Gesù è buono in tutte le sue azioni. In effetti, Gesù è l'unico che può veramente esercitare il potere in un modo che porti pace universale e prosperità per tutta l'umanità. Ogni potere terreno è soggetto a Gesù, e i pastori sono chiamati unicamente ad essere sotto-pastori che portano al gregge il nome, l'autorità e la cura del Capo Pastore.

Quando i pastori riconoscono che il loro potere non è intrinseco in loro, ma piuttosto affidato a loro dal capo pastore e incarnato dal carattere del capo pastore, saranno capi che servono e non venditori di potere che abusano.

E la comprensione più profonda di 1 Pietro 5 è che si rivolge al carattere divino. I pastori devono guidare con supervisione, non costrizione; volentieri e volentieri, non per un guadagno vergognoso; non prepotente, ma essendo un esempio. Questo va ai principi fondamentali del carattere del cuore: ciò che fai fluisce naturalmente da chi sei.

Tuttavia, quando la maggior parte delle chiese è alla ricerca di un pastore, dedica molto più tempo alla capacità di parola del candidato che alla vita personale e al carattere della persona .

Tito 1:6-9 è un altro passaggio chiave sulle qualifiche dei leader nella chiesa. Guarda i temi comuni e le sottolineature per pastori e leader che Paolo sta dicendo a Tito di cercare.

Nota tutte le caratteristiche di coloro che Tito doveva nominare anziani.

  • Al di sopra di ogni rimprovero (due volte)
  • Si prende cura di sua moglie e dei suoi figli
  • Non arrogante
  • Non irascibile
  • Non un ubriacone
  • Non violento
  • Non avido di guadagno
  • Ospitale
  • ama il bene
  • Auto controllato
  • verticale
  • Santo
  • Disciplinato
  • Tenendo duro alla parola
  • Dà istruzioni per la sana dottrina
  • Rimprovera coloro che contraddicono la sana dottrina

Notate questo punto importante: quando il Nuovo Testamento definisce le qualifiche di un pastore, che non non include la possibilità di tenere la gente ammaliata dal suono della loro voce. E non comprende di essere una persona di carattere profondo e costante, perché l'ufficio pastorale è infatti un ufficio che ha il potere che deve essere esercitato con carattere cura artigianale nel lungo periodo.

Riconoscere il potere e la necessità di straordinaria umiltà 

Mi ha commosso un articolo che ho letto qualche anno fa e che ho condiviso con tanti, tanti pastori. L'articolo è L'evoluzione di un tribunale di Sandra Stanley. In essa afferma:

Nel suo libro, Inside the Third Reich: Memoirs , Albert Speer discute di qualcosa a cui ha assistito quando la popolarità di Adolf Hitler ha iniziato a crescere. "Hitler stesso non ha opposto resistenza visibile all'evoluzione di un tribunale".

Lei continua:

Le persone potenti, che abbiano intenzione o meno che ciò accada, scoprono che una sorta di "tribunale" si alza intorno a loro. Improvvisamente la gente vuole servirli. La gente vuole fare commissioni per loro. Succede qualcosa e le persone guardano per vedere come sta rispondendo quella persona e rispondono di conseguenza. Succede a persone potenti, persone popolari, persone famose. E non è colpa della persona potente, popolare, famosa. È semplicemente la natura umana.

Stanley racconta la storia di un amico che è stato nominato amministratore delegato di una società Fortune 500. L'amico ha chiesto al precedente CEO cosa aspettarsi nella sua nuova posizione e gli è stato detto: "Le tue battute stanno per diventare più divertenti". Questo è un esempio dell'evoluzione di un tribunale, dove le persone affermano costantemente i leader e sono meno inclini a sfidarli.

Sandra collega questa idea a Gesù:

Apparentemente, Gesù ha visto questo venire. L'ha sicuramente sperimentato. E ha chiarito come i leader dovrebbero rispondere. Gesù ha continuamente sottolineato l'importanza dell'umiltà. Insegnò ai suoi discepoli a servire piuttosto che essere serviti. Verso la fine del suo ministero terreno, Gesù dimostrò umiltà in un modo che i suoi seguaci non avrebbero mai dimenticato. Mentre li radunava per celebrare la Pasqua, assunse il ruolo di servo e lavò loro i piedi. Questo era imbarazzante, per non dire altro. Così imbarazzante che Peter inizialmente rifiutò. Gesù ha concluso la sua dimostrazione dicendo: "Ti ho dato un esempio perché tu faccia come io ho fatto per te". Penso che sia sicuro dire che Gesù ha resistito all'evoluzione di un tribunale.

Gesù andava spesso a pregare. Ha formato il suo carattere nel silenzio e nella quiete del suo tempo da solo con suo Padre. Si sottomise alla volontà di suo Padre. Era disposto a prendere la posizione bassa, mascherare la sua gloria, servire umilmente e ricevere la derisione degli altri senza bisogno di contrattaccare. Questo è il carattere formato.

Sandra prosegue fornendo consigli pratici per resistere all'evoluzione di un tribunale. Nelle sue parole conclusive, Sandra scrive: "Il diritto inizia sempre da qualche parte. Se non scegli dove tracciare la linea, nessun altro lo farà. I grandi leader tracciano la linea presto e spesso. I grandi leader resistono all'evoluzione di un tribunale".

Ora, non leggere questo e fraintendere il mio intento. Amo i pastori. Il mio ministero è in gran parte dedicato ai pastori. Non sono anti-pastore.

Sono un pastore anti-egocentrico.

Quando i pastori cercano di cooptare i loro ruoli definiti dalla Bibbia per soddisfare i desideri personali, abusano del potere. Le nostre chiese tendono già al potere religioso e lottano per incarnare il potere del Vangelo, quindi dobbiamo stare attenti a respingere la corte riconoscendo il potere della Caduta e la sfida del potere abbracciando uno straordinario discernimento e incarnando l'umiltà del Pastore Capo.

In conclusione, abbiamo bisogno di Gesù. Se vogliamo comprendere ed esercitare bene il potere e proteggerci dal suo uso improprio e abuso, dobbiamo imparare da Gesù. E quando ci porterà alla scuola del potere, conosceremo l'asciugamano e la croce. E arriveremo a capire che il potere che glorifica Dio è sempre in una vena per il bene, l'elevazione e la fioritura degli altri.

Per terminare voglio affrontare i modi pratici in cui pastori e leader della chiesa possono usare correttamente e biblicamente il potere per aiutare a promuovere chiese e comunità sane.

Suggerisco cinque elementi chiave che puoi implementare


Sei elementi 

 Primo, strutturare una chiesa con responsabilità pastorale 

Se la struttura della chiesa non ha responsabilità pastorale, dobbiamo mettere in discussione quella struttura, indipendentemente dalla denominazione o dall'associazione ecclesiologica. I buoni pastori riconoscono il bisogno di responsabilità e la propria tendenza alla fragilità e al peccato.

I pastori devoti con un carattere di cuore sviluppato desiderano guidare bene e vogliono mitigare il proprio peccato in modo che non vada in tilt e danneggi la chiesa. Sono premurosi, attenti e strutturano le chiese con responsabilità pastorale. Se vuoi essere un buon pastore, struttura la tua chiesa in modo che le tue decisioni siano ritenute responsabili.

 In secondo luogo, cercare la responsabilità 

Una cosa è strutturare un sistema con responsabilità, ma è tutta un'altra cosa cercare effettivamente ed essere aperti a ricevere responsabilità.

Posso offrire alcune esperienze personali su questo punto in particolare. Ho un capo; il suo nome è Margaret Diddams, e lei è il Wheaton College Provost, Chief Academic Officer del college. Può e mi ha chiamato fuori e mi ha fatto chiudere, perché è il mio capo. Abbiamo tutti bisogno di qualcuno così.

Tuttavia, la realtà è che la maggior parte dei pastori non ha un gruppo identificato di persone che li ritenga effettivamente responsabili. E la responsabilità deve essere incoraggiata e accolta. Ad esempio, i pastori dovrebbero circondarsi di leader disposti a dire loro "No" per proteggerli dai punti ciechi e per la salute generale e la direzione dell'organizzazione.

Se hai un gruppo di leader intorno a te che non ti dicono mai "No", allora non hai leader; ci sono persone che pensano che tu sia fantastico e che alla fine sono solo una parte della struttura del potere.

In altre parole, se i tuoi anziani non ti dicono mai "No", non hai anziani; hai delle cheerleader.

I leader maturi creano intenzionalmente strutture per la responsabilità e quindi cercano e ricevono una responsabilità genuina all'interno di tali strutture. Capiscono che è facile essere coinvolti in un uso inappropriato di quel potere e si impegneranno in una responsabilità onesta e trasparente. Ogni persona con potere e influenza ha bisogno di sottomettersi a una struttura di responsabilità e cercare la responsabilità da qualche parte in qualche modo.

Terzo, sii un leader che si sottometta, si impegnerà, condividerà, svilupperà e ascolterà. 

Ci prepariamo anche a usare bene il potere quando ci sottomettiamo all'autorità, coinvolgiamo gli altri come il nostro io onesto, condividiamo il potere decisionale con gli altri, sviluppiamo i pari e ascoltiamo tutti. Questa è una delle ragioni per cui così tante descrizioni delle esigenze pastorali nelle Scritture riguardano il carattere.

Quarto, rinunciare al controllo 

In definitiva, l'abuso e l'abuso di potere si verificano quando cerchiamo il controllo finale. Quando vogliamo il controllo supremo su una situazione, tendiamo a isolarci, a consolidare il cerchio e a mettere a tacere le voci opposte. O quando vogliamo il controllo definitivo su una persona o persone, possiamo trovarci prepotenti, intimidatori e forti. Quando abbiamo problemi di controllo e lavoriamo dalla carne, non dallo Spirito, ci prepariamo ad abusare del potere dato da Dio.

Quinto, proteggi gli innocenti 

Questa è la chiave. Dio ci dà il potere di proteggere coloro che non ce l'hanno, e questa deve essere una priorità assoluta.

Quando c'è un'accusa, come una denuncia di abusi sui minori, non cercare di controllare la situazione. Controllare la situazione è una risposta inappropriata e un abuso di potere.

Non controllare

Non proteggere l'istituzione, proteggi gli innocenti. In tal modo, non consenti a un potere esercitato in modo inappropriato di minare la sicurezza dei nostri fedeli.

Sesto, parla a favore di chi non ha potere. 

Il potere è importante, ed è importante che lo usiamo bene. I buoni leader riconoscono chi non ha potere. I sistemi intorno a noi rendono possibile e persino probabile abusare del potere a spese di chi non ha potere e non ha voce. Per questo Gesù inizia il suo ministero terreno leggendo da Isaia:

"Poi venne a Nazaret, dove era cresciuto e, com'era solito fare in giorno di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò per leggere. E gli fu dato in mano il libro del profeta Isaia; lo aprì e trovò quel passo dove era scritto: «Lo Spirito del Signore è sopra di me, perché mi ha unto per evangelizzare i poveri; mi ha mandato per guarire quelli che hanno il cuore rotto, per proclamare la liberazione ai prigionieri e il recupero della vista ai ciechi, per rimettere in libertà gli oppressi, e per predicare l'anno accettevole del Signore». Poi, chiuso il libro e resolo all'inserviente, si pose a sedere; e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi su di lui. 21 Allora cominciò a dir loro: «Oggi questa Scrittura si è adempiuta nei vostri orecchi»E cominciò a dire loro: «Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udito»" (Luca 4:16-21).

Gesù rivolge un messaggio di speranza alle persone ai margini: i prigionieri, i ciechi, gli oppressi. Quando usiamo il nostro potere e la nostra influenza per tenere lontane le persone in modo da poter continuare ad apparire al meglio invece di dire: "Come posso aiutare chi soffre?", non stiamo vivendo al passo con il Vangelo.

Non lasciare che il problema sia dire la verità alla chiesa. Lascia che sia la soluzione. Quando ci affrettiamo verso il dolore, sembriamo più simili a Gesù e ci uniamo a lui nella sua missione.

Non possiamo avere una conversazione sulle chiese sicure senza avere una conversazione sui pastori responsabili. Spero che lo prenderemo sul serio e percorreremo un viaggio che alla fine si conclude con la salute spirituale dei pastori e la salute generale delle chiese. Vogliamo pastori sani che siano responsabili all'interno di strutture sane e servano le loro chiese per la gloria di Dio.

Ed Stetzer ricopre la Billy Graham Distinguished Chair of Church, Mission and Evangelism al Wheaton College, è preside della School of Mission, Ministry e Leadership al Wheaton College, è direttore esecutivo del Billy Graham Center e pubblica risorse per la leadership della chiesa attraverso Mission Group