Etica/Libertarismo cristiano/Le radici della vera libertà

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Le radici della vera libertà

diJ. C. Ryle(1816-1900)

"Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete veramente liberi"(Giovanni 8:36)

Jcryle.png

Il soggetto davanti ai nostri occhi merita mille riflessioni. Dovrebbe risuonare nelle orecchie degli inglesi e degli scozzesi come la voce di una tromba. Viviamo in una terra che è la culla stessa della libertà. Ma siamo noi stessi liberi? La questione è una questione che richiede un'attenzione particolare allo stato attuale dell'opinione pubblica in Gran Bretagna. Le menti di molti sono completamente assorbite dalla politica. Eppure c'è una libertà, alla portata di tutti, a cui pochi, temo, pensano mai -una libertà indipendente da tutti i cambiamenti politici, una libertà che né la Regina, i Lord e i Comuni, né i leader popolari più intelligenti possono concedere. Questa è la libertà di cui scrivo oggi. Ne sappiamo qualcosa? Siamo liberi?

Nell'aprire questo argomento, ci sono tre punti che desidero portare avanti.

  • I. Mostrerò, in primo luogo, l' eccellenza generale della libertà.
  • II. Mostrerò, in secondo luogo, il tipo migliore e più vero di libertà.
  • III. Mostrerò, in ultimo, il modo in cui il miglior tipo di libertà può diventare tuo.

Nessun lettore pensi per un momento che questo sarà un discorso di politica. Non sono un politico. Non ho politiche se non quelle della Bibbia. L'unico partito a cui tengo è il partito del Signore; mostrami dov'è, e avrà il mio sostegno. L'unica elezione di cui sono molto preoccupato è l'elezione della grazia. Il mio unico desiderio è che i peccatori rendano sicura la propria vocazione ed elezione.La libertà che desidero soprattutto far conoscere, e oltre, è la gloriosa libertà dei figli di Dio. Il governo che interessa sostenere è il governo che è sulle spalle del mio Signore e Salvatore Gesù Cristo. Davanti a Cristo voglio che ogni ginocchio si pieghi e ogni lingua confessi che Egli è il Signore. Chiedo attenzione mentre investigo questo argomento. Se non sei libero, voglio guidarti nella vera libertà. Se sei libero, voglio che tu conosca il pieno valore della tua libertà.

I. La prima cosa che devo mostrare è l' eccellenza generale della libertà

Su questo punto alcuni lettori potrebbero pensare che sia inutile dire qualcosa; immaginano che tutti conoscano il valore della libertà, e che soffermarsi su di essa sia solo una perdita di tempo. Non sono affatto d'accordo con queste persone. Credo che siano tanti quelli che non sanno nulla delle benedizioni di cui godono nella propria terra; sono cresciuti dall'infanzia all'età adulta in mezzo a libere istituzioni. Non hanno la minima idea dello stato delle cose in altri paesi; ignorano allo stesso modo queste due peggiori forme di tirannia, la tirannia schiacciante di un crudele despota militare e la tirannia intollerante di una folla irragionevole. Insomma, molti non sanno nulla del valore della libertà, solo perché sono nati in mezzo ad essa, e non sono mai stati un attimo senza di essa.

Invito quindi tutti coloro che leggono questo scritto, a ricordare che la libertà è una delle più grandi benedizioni temporali che l'uomo possa avere al di qua della tomba.

Viviamo in una terra dove i nostri corpi sono liberi. Finché non feriamo la persona, la proprietà o il carattere di nessuno, nessuno può toccarci; la casa del più povero è il suo castello. Viviamo in una terra dove le nostre azioni sono libere. Finché ci sosteniamo, siamo liberi di scegliere cosa faremo, dove andremo e come trascorreremo il nostro tempo. Viviamo in una terra dove le nostre coscienze sono libere. Fintanto che manteniamo la nostra strada in silenzio e non interferiamo con gli altri, siamo liberi di adorare Dio come ci piace, e nessuno può costringerci a prendere la sua strada per il Paradiso. Viviamo in una terra dove nessuno straniero ci governa. Le nostre leggi sono fatte e modificate da gente come noi, e i nostri governatori abitano al nostro fianco, ossa delle nostre ossa e carne della nostra carne.

In breve, abbiamo ogni tipo di libertà in una misura che nessun'altra nazione sulla terra può eguagliare. Abbiamo libertà personale, libertà civile, libertà religiosa e libertà nazionale. Abbiamo corpi liberi, coscienze libere, libertà di parola, libero pensiero, libera azione, Bibbie libere, una stampa libera e case libere. Quanto è vasto questo elenco di privilegi! Come infinite le comodità che contiene! Forse non si potrà mai conoscere il loro pieno valore. Ben dicevano i rabbini ebrei nei tempi antichi: "Se il mare fosse inchiostro e il mondo pergamena, non servirebbe mai a descrivere le lodi della libertà".

La mancanza di questa libertà è stata la causa più fertile di miseria per le nazioni di ogni epoca del mondo. Quale lettore della Bibbia può non ricordare i dolori dei figli d'Israele, quando erano schiavi sotto il Faraone in Egitto, o sotto i Filistei in Canaan? A quale studioso di storia occorre ricordare i mali inflitti a Paesi Bassi, Polonia, Spagna e Italia per mano di oppressori stranieri o dall'Inquisizione? Chi, anche nel nostro tempo, non ha sentito parlare di quell'enorme fonte di miseria, la schiavitù della razza nera? Nessuna miseria è così grande come la miseria della schiavitù .

Conquistare e preservare la libertà è stato l'obiettivo di molte lotte nazionali che hanno inondato la terra di sangue. La libertà è stata la causa per cui miriadi di greci, romani, tedeschi, polacchi, svizzeri, inglesi e americani hanno dato volentieri la loro vita. Nessun prezzo è stato ritenuto troppo grande da pagare affinché le nazioni potessero essere libere.

I campioni della libertà in ogni tempo sono stati giustamente stimati tra i più grandi benefattori dell'umanità. Nomi come Mosè e Gedeone nella storia ebraica, il tedesco Martin Lutero, lo svizzero Guglielmo Tell, lo scozzese Robert Bruce e John Knox, l'inglese Alfred e Hampden e i puritani, l'americano George Washington, sono stati giustamente imbalsamati nella storia e saranno non essere mai dimenticato. Essere la madre di molti patrioti è la più alta lode di una nazione.

I nemici della libertà in ogni epoca sono stati giustamente considerati come i parassiti e le seccature dei loro tempi. Nomi come Faraone in Egitto, Dionigi a Siracusa, Nerone a Roma, Carlo IX in Francia, Maria la sanguinaria in Inghilterra, sono nomi che non saranno mai salvati dalla disgrazia. L'opinione pubblica dell'umanità non cesserà mai di condannarli, per l'unico motivo che non lascerebbero che le persone siano libere.

Ma perché dovrei soffermarmi su queste cose? Il tempo e lo spazio mi mancherebbero se tentassi di dire una decima parte di ciò che si potrebbe dire in lode della libertà. Quali sono gli annali della storia, ma una lunga storia di conflitti tra amici e nemici della libertà? Dov'è la nazione sulla terra che ha mai raggiunto la grandezza e ha lasciato il segno nel mondo, senza libertà? Quali sono i paesi sulla faccia del globo in questo preciso momento che stanno facendo i maggiori progressi nel commercio, nelle arti, nelle scienze, nella civiltà, nella filosofia, nella morale, nella felicità sociale? Proprio quei paesi in cui c'è la maggior quantità di vera libertà. Quali sono oggi i paesi dove c'è la più grande miseria interna, dove si sente continuamente parlare di complotti segreti, e mormorii, e malcontento, e attentati alla vita e alla proprietà? Proprio quei paesi dove la libertà non esiste, o esiste solo di nome, dove gli uomini sono trattati come servi e schiavi,

Non c'è da stupirsi che un potente statista americano abbia dichiarato in una grande occasione ai suoi connazionali riuniti: "Dammi la libertà o dammi la morte!" (Patrick Henry)

Evitiamo di sottovalutare la libertà di cui godiamo in questo nostro paese, in quanto inglesi. Sono sicuro che c'è bisogno di questo avvertimento. Non c'è, forse, nessun paese al mondo dove ci siano così tanti brontolii e critiche come in Inghilterra. Gli uomini guardano i mali immaginari che vedono intorno a loro ed esagerano sia il loro numero che la loro intensità. Si rifiutano di guardare alle innumerevoli benedizioni e privilegi che ci circondano, o sottovalutano i vantaggi di loro. Dimenticano che il confronto dovrebbe essere applicato a tutto. Con tutti i nostri difetti e difetti, non c'è in questo momento paese sulla terra dove ci sia tanta libertà e felicità per tutte le classi, come c'è in Inghilterra. Dimenticano che finché la natura umana è corrotta, è vano aspettarsi la perfezione quaggiù. Nessuna legge o governo può impedire una certa quantità di abusi e corruzioni.

Ancora una volta, dico, guardiamoci dunque dal sottovalutare la libertà inglese e dal correre dietro a chiunque proponga cambiamenti radicali. I cambiamenti non sono sempre miglioramenti . Le scarpe vecchie possono avere dei buchi e dei difetti, ma le scarpe nuove possono pizzicare così tanto che non possiamo camminare affatto. Senza dubbio potremmo avere leggi e un governo migliori di quelli che abbiamo, ma sono abbastanza sicuro che potremmo facilmente avere peggio. In questo stesso giorno, non c'è paese sulla faccia del globo dove ci sia tanta cura della vita, della salute, della proprietà, del carattere e della libertà personale degli abitanti più poveri, come in Inghilterra. Coloro che vogliono avere più libertà, scoprirebbero presto, se attraversassero i mari, che non c'è paese sulla terra dove ci sia tanta vera libertà come la nostra!

Ma mentre esorto gli uomini a non sottovalutare la libertà inglese, d'altra parte li esorto a non sopravvalutarla . Non dimenticare mai che la schiavitù temporale non è l'unica schiavitù, e la libertà temporale non è l'unica libertà. Che cosa ti gioverà essere cittadino di un paese libero, purché la tua anima non sia libera?

Qual è il vantaggio di vivere in una terra libera come la nostra, con libero pensiero, libertà di parola, libera azione, libera coscienza, purché tu sia schiavo del peccato e prigioniero del diavolo? Sì, ci sono tiranni che nessun occhio può vedere, reali e distruttivi come Faraone o Nerone! Ci sono catene che nessuna mano può toccare, vere, pesanti e avvizzite come mai le membra di uno schiavo schiacciate! Sono questi tiranni che voglio che tu ricordi oggi. Sono queste catene da cui voglio che tu sia libero. Con tutti i mezzi valorizzare la vostra libertà terrena - ma non sopravvalutare esso. Guarda più in alto, oltre ogni libertà terrena. Nel senso più alto assicuriamoci che "siamo davvero liberi".

II. La seconda cosa che devo mostrare è il tipo più vero e migliore di libertà

La libertà di cui parlo è una libertà che è alla portata di ogni figliolo di Adamo che sia disposto ad averla. Nessun potere sulla terra può impedire a un uomo o una donna di averlo, se hanno solo la volontà di riceverlo. I tiranni possono minacciare e gettare in prigione, ma nulla che possano fare può impedire a una persona di avere questa libertà. E, una volta nostra, niente può togliercela. Gli uomini possono torturarci, bandirci, impiccarci, decapitarci, bruciarci, ma non potranno mai strapparci la vera libertà! I più poveri possono averlo non meno dei più ricchi; il più ignorante può averlo così come il più istruito, e il più debole come il più forte. Le leggi non possono privarci di esso. Le bolle del Papa non possono derubarci. Un tempo nostro, è un possesso eterno.

Ora, cos'è questa gloriosa libertà? Dove si trova? Com'è? Chi l'ha ottenuta per noi? Chi l'ha in questo momento da donare? Chiedo ai miei lettori di prestarmi la loro attenzione e fornirò una risposta chiara a queste domande.

La vera libertà di cui parlo è la libertà spirituale, la libertà dell'anima. È la libertà che Cristo dona, senza denaro e senza prezzo, a tutti i veri cristiani. Quelli che il Figlio rende liberi, sono davvero liberi: "Dov'è lo Spirito del Signore, lì c'è libertà". (2 Corinzi 3:17). Lasciamo che gli uomini dicano ciò che vogliono della relativa libertà delle monarchie e delle repubbliche; che lottino, se vogliono, per la libertà, la fraternità e l'uguaglianza universali: non conosciamo mai il più alto stile di libertà, finché non siamo arruolati cittadini del regno di Dio. Ignoriamo il miglior tipo di libertà, se non siamo gli uomini liberi di Cristo.

Gli uomini liberi di Cristo sono liberi dalla colpa del peccato. Quel pesante fardello di trasgressioni non perdonate, che grava tanto su tante coscienze, non le opprime più. Il sangue di Cristo ha mondato tutto. Si sentono perdonati, riconciliati, giustificati e accettati agli occhi di Dio. Possono guardare indietro ai loro vecchi peccati, per quanto neri e molti, e dire: "Non puoi condannarmi!" Possono guardare indietro a lunghi anni di incuria e mondanità e dire: "Chi potrà imputare qualcosa a me?" Questa è la vera libertà. Questo è essere liberi.

Gli uomini liberi di Cristo sono liberi dal potere del peccato . Non governa e regna più nei loro cuori, e li porta davanti a sé come un diluvio. Mediante la potenza dello Spirito di Cristo, mortificano le opere dei loro corpi e crocifiggono la loro carne con i suoi affetti e concupiscenze. Attraverso la Sua grazia che opera in loro, ottengono la vittoria sulle loro inclinazioni malvagie. La carne può combattere, ma non li vince; il diavolo può tentarli e vessare, ma non li vince; non sono più schiavi di concupiscenze e appetiti, passioni e temperamenti. Su tutte queste cose sono più che vincitori, per Colui che li ha amati. Questa è la vera libertà. Questo è essere liberi.

Gli uomini liberi di Cristo sono liberi dal timore servile di Dio . Non lo guardano più con timore e timore, come un Creatore offeso; non lo odiano più e si allontanano da lui, come Adamo tra gli alberi del giardino; non tremano più al pensiero del suo giudizio. Per lo Spirito di adozione che Cristo ha dato loro, guardano a Dio come Padre riconciliato, e si rallegrano al pensiero del suo amore. Sentono che la rabbia è passata. Sentono che quando Dio Padre li guarda dall'alto in basso - li vede in Cristo, e indegni come sono in se stessi, è ben contento. Questa è la vera libertà. Questo è essere liberi.

Gli uomini liberi di Cristo sono liberi dalla paura dell'uomo. Non hanno più paura delle opinioni dell'uomo, né si preoccupano molto di ciò che l'uomo pensa di loro; sono ugualmente indifferenti al suo favore o alla sua inimicizia, al suo sorriso o al suo cipiglio. Distolgono lo sguardo dall'uomo che si vede, da Cristo che non si vede, e avendo il favore di Cristo, si curano poco della colpa dell'uomo. "La paura dell'uomo" una volta era una trappola per loro. Tremavano al pensiero di ciò che l'uomo avrebbe detto, o pensato, o fatto; non osavano andare contro le mode e i costumi di coloro che li circondavano; si ritrassero dall'idea di stare da soli. Ma ora il laccio è rotto e vengono consegnati. Questa è la vera libertà. Questo è essere liberi.

Gli uomini liberi di Cristo sono liberi dalla paura della morte. Non lo aspettano più con silenzioso sgomento, come una cosa orribile a cui non si curano di pensare. Attraverso Cristo, possono guardare in faccia con calma quest'ultimo nemico e dire: "Non puoi farmi del male!" Possono guardare avanti a tutto ciò che viene dopo la morte, il decadimento, la resurrezione, il giudizio e l'eternità, e tuttavia non sentirsi abbattuti. Possono stare accanto a una tomba aperta e dire: "O morte, dov'è il tuo pungiglione? O tomba, dov'è la tua vittoria?" Possono stenderli sui loro letti di morte e dire: "Anche se cammino attraverso la valle dell'ombra della morte, non temerò alcun male". (Salmo 23:4). "Neanche un capello del mio capo perirà". Questa è la vera libertà. Questo è essere liberi.

La cosa migliore è che gli uomini liberi di Cristo sono liberi per sempre . Una volta iscritti nell'elenco dei Cittadini Celesti, i loro nomi non saranno mai cancellati. Una volta presentata la libertà del regno di Cristo, la possederanno per sempre. I più alti privilegi della libertà di questo mondo possono durare solo per tutta la vita; il cittadino più libero della terra deve sottomettersi a lungo alla morte, ma la libertà del popolo di Cristo è eterna. Lo portano giù nella tomba, e vive ancora; risorgeranno con essa nell'ultimo giorno e ne godranno per sempre i privilegi. Questa è la vera libertà. Questo è essere liberi.

Qualcuno chiede come e in che modo Cristo ha ottenuto questi potenti privilegi per il suo popolo? Hai il diritto di porre la domanda, ed è una domanda a cui non si può mai rispondere in modo troppo chiaro. Dammi la tua attenzione e ti mostrerò con quali mezzi Cristo ha reso libero il suo popolo.

La libertà del popolo di Cristo si è procurata, come ogni altra libertà, a caro prezzo e con un grande sacrificio . Grande era la schiavitù in cui erano tenuti naturalmente, e grande era il prezzo da pagare per liberarli. Possente era il nemico che li reclamava come suoi prigionieri, e aveva bisogno di un potente potere per liberarli dalle sue mani. Ma, sia benedetto Dio, c'era abbastanza grazia e abbastanza potenza in Gesù Cristo. Ha fornito al massimo tutto ciò che era necessario per liberare il suo popolo. Il prezzo che Cristo ha pagato per il suo popolo non era altro che la sua stessa linfa vitale. Divenne il loro sostituto e soffrì per i loro peccati sulla croce. Li ha redenti dalla maledizione della legge, facendosi maledizione per loro. (Galati 3:13). Egli pagò tutto il loro debito nella Sua persona, permettendo che il castigo della loro pace fosse imposto su di Lui. (Isaia 53:5). Soddisfò ogni possibile richiesta della legge contro di loro, adempiendo al massimo la sua giustizia. Li liberò da ogni imputazione di peccato, facendosi peccato per loro. (2 Corinzi 5:21). Combatté la loro battaglia con il diavolo e trionfò su di lui sulla croce. Come loro Campione, ha rovinato i principati e le potenze, e ne ha fatto sfoggio apertamente sul Calvario.

In una parola, Cristo, avendo dato se stesso per noi, ha acquistato per noi il pieno diritto di redenzione. Nulla può toccare coloro ai quali Egli dà la libertà: i loro debiti sono pagati, e pagati mille volte; i loro peccati sono espiati con un'espiazione piena, perfetta e sufficiente. La morte di un Sostituto Divino soddisfa completamente la giustizia di Dio e fornisce completamente la redenzione per l'uomo.

Osserviamo bene questo glorioso piano di redenzione, e badiamo di comprenderlo. L'ignoranza su questo punto è un grande segreto di deboli speranze, poco conforto e incessanti dubbi nella mente dei cristiani. Troppi si accontentano della vaga idea che Cristo in qualche modo salverà i peccatori, ma come o perché non possono dirlo. Protesto contro questa ignoranza. Mettiamo pienamente davanti ai nostri occhi la dottrina della morte e sostituzione vicaria di Cristo, e su di essa riposiamo le nostre anime. Cerchiamo di afferrare saldamente la potente verità — quel Cristo sulla croce. . . stette al posto del suo popolo, morì per il suo popolo, soffrì per il suo popolo, fu considerato maledizione e peccato per il suo popolo, pagò i debiti del suo popolo, appagava il suo popolo, diventava garante e rappresentante del suo popolo, e così procurava la libertà del suo popolo.

Comprendiamolo chiaramente, e poi vedremo quale grande privilegio è essere resi liberi da Cristo.

Questa è la libertà che, più di ogni altra, vale la pena avere. Non possiamo mai apprezzarlo troppo, non c'è pericolo di sopravvalutarlo. Ogni altra libertà è al massimo una cosa insoddisfacente e un povero possesso incerto in ogni momento. La sola libertà di Cristo non potrà mai essere rovesciata. È assicurato da un patto ordinato in tutte le cose e sicuro: le sue fondamenta sono poste negli eterni consigli di Dio e nessun nemico straniero può rovesciarli. Sono cementati e assicurati dal sangue del Figlio di Dio stesso e non possono mai essere abbattuti. La libertà delle nazioni spesso dura non più di qualche secolo, ma la libertà che Cristo dona al suo popolo è una libertà che sopravviverà al mondo solido.

Questo è il tipo di libertà più vero e più alto. Questa è la libertà che in un mondo mutevole e morente voglio che gli uomini possiedano.

III. Devo ora mostrare, in ultimo, il modo in cui il miglior tipo di libertà è fatto nostro

Questo è un punto di grande importanza, per i tanti errori che vi prevalgono. Migliaia, forse, permetteranno che esista una cosa come la libertà spirituale, e che solo Cristo l'ha acquistata per noi, ma quando arrivano all'applicazione della redenzione, si smarriscono. Non possono rispondere alla domanda: "Chi sono coloro che Cristo rende effettivamente liberi?" E per mancanza di conoscenza della risposta, siedono fermi nelle loro catene. Chiedo a ogni lettore di prestarmi ancora una volta la sua attenzione e cercherò di gettare un po' di luce sull'argomento. Inutile infatti è la redenzione che Cristo ha ottenuto, a meno che tu non sappia come il frutto di quella redenzione possa diventare tuo. Invano hai letto della libertà con cui Cristo rende le persone libere, a meno che tu non capisca come tu stesso possa interessarti ad essa.

Non nasciamo uomini liberi di Cristo. Gli abitanti di molte città godono di privilegi in virtù del loro luogo di nascita. Paolo, che per primo trasse l'alito di vita a Tarso in Cilicia, poté dire al commendatore romano: «Sono nato libero». Ma questo non è il caso dei figli di Adamo, nelle cose spirituali . Nasciamo schiavi e servi del peccato: siamo per natura "figli dell'ira" e privi di qualsiasi titolo al Cielo.

Non siamo stati resi uomini liberi di Cristo mediante il battesimo. Miriadi sono ogni anno portate al fonte, e solennemente battezzate nel nome della Trinità, che servono il peccato come schiavi e trascurano Cristo per tutti i loro giorni. Infelice è davvero lo stato d'animo di quell'uomo che non può dare prova migliore della sua cittadinanza del cielo, che il semplice fatto nudo del suo battesimo!

Non siamo resi uomini liberi di Cristo dalla semplice appartenenza alla Chiesa di Cristo. Ci sono Società e Corporazioni i cui soci hanno diritto a vasti privilegi, senza alcun riguardo per il loro carattere personale, se i loro nomi sono solo nell'elenco dei soci. Il regno di Cristo non è una corporazione di questo tipo. La grande prova dell'appartenenza ad essa è il carattere personale.

Lascia che queste cose sprofondino nelle nostre menti. Lungi da me restringere la portata della redenzione di Cristo: il prezzo che ha pagato sulla croce è sufficiente per il mondo intero. Lungi da me sottovalutare il battesimo o l'appartenenza alla chiesa — l'ordinanza che Cristo ha stabilito e la Chiesa che Egli mantiene in mezzo a un mondo oscuro — nessuno dei due dovrebbe essere sottovalutato. Tutto ciò per cui sostengo è l'assoluta necessità di non accontentarsi né del battesimo né dell'appartenenza alla chiesa. Se la nostra religione si ferma qui, non è redditizia e insoddisfacente. Occorre qualcosa di più per darci un interesse salvifico nella redenzione che Cristo ha acquistato.

Non c'è altro modo per diventare uomini liberi di Cristo, se non quello di credere semplicemente. È mediante la fede, la semplice fede in Lui come nostro Salvatore e Redentore, che le anime degli uomini sono rese libere. È ricevendo Cristo, confidando in Cristo, affidandoci a Cristo, riponendo tutto il nostro peso su Cristo: è per questo, e per nessun altro disegno, che la libertà spirituale è fatta nostra. Per quanto potenti siano i privilegi che possiedono gli uomini liberi di Cristo, tutti diventano proprietà dell'uomo nel giorno in cui crede per la prima volta . Potrebbe non conoscerne ancora il pieno valore, ma sono tutti suoi. Chi crede in Cristo non è condannato, è giustificato, è nato di nuovo, è erede di Dio e ha la vita eterna!

La verità davanti a noi è di inestimabile importanza. Lascia che ti aggrappi saldamente e non lasciarlo mai andare. Se desideri la pace della coscienza, se desideri il riposo interiore e la consolazione, non alzare di un centimetro da terra che la fede è il grande segreto di un interesse salvifico per la redenzione di Cristo. Prendi la visione più semplice della fede: fai attenzione a confondere la tua mente con idee complicate al riguardo. Segui la santità il più fedelmente possibile: cerca la prova più completa e chiara dell'opera interiore dello Spirito. Ma in materia di interesse per la redenzione di Cristo, ricorda che la fede è sola . È credendo, semplicemente credendo, che le anime diventano libere.

Nessuna dottrina come questa, per soddisfare gli ignoranti e i nn scolarizzati! Visita il contadino più povero e umile, che non sa nulla di teologia e non sa nemmeno ripetere il credo. Raccontagli la storia della croce e la buona novella di Gesù Cristo e del Suo amore per i peccatori; mostragli che c'è libertà per lui, così come per i più dotti della terra, libertà dalla colpa, libertà dal diavolo, libertà dalla condanna, libertà dall'inferno. E poi digli chiaramente, audacemente, ampiamente, senza riserve, che questa libertà può essere tutta sua, se solo vorrà confidare in Cristo e credere.

Nessuna dottrina come questa, adatta ai malati e ai moribondi! Vai al capezzale del peccatore più vile, quando la morte si avvicina, e digli con amore che c'è una speranza anche per lui, se può riceverla. Digli che Cristo è venuto nel mondo per salvare i peccatori, anche i principali; digli che Cristo ha fatto tutto, pagato tutto, compiuto tutto, acquistato tutto ciò di cui l'anima dell'uomo può aver bisogno per la salvezza. E poi assicuralo che lui, anche lui, può essere subito liberato da tutte le sue colpe, se solo crederà. Sì, digli, con le parole della Scrittura: "Se confesserai con la tua bocca il Signore Gesù e crederai nel tuo cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato". (Romani 10:9).

Non dimentichiamo mai che questo è il punto su cui dobbiamo volgere i nostri occhi, se vogliamo sapere se abbiamo un interesse salvifico per la redenzione di Cristo. Non sprecare il tuo tempo in speculazioni se sei eletto, convertito e un vaso di grazia. Non soffermarti a riflettere sull'inutile domanda se Cristo è morto per te o no. Questo è un punto sul quale nessuno ha mai messo in dubbio nella Bibbia. Stabilisci i tuoi pensieri su questa semplice domanda: "Confido davvero in Cristo, come umile peccatore? Mi rivolgo a Lui? Credo?" Non guardare a nient'altro. Guarda questo da solo. Non temere di riposare la tua anima su testi semplici e promesse della Scrittura. Se credi, sei libero.

(1) E ora che concludo questo articolo, permettetemi di insistere affettuosamente su ogni lettore l'indagine che nasce naturalmente dall'intero argomento. Permettetemi di fare a tutti una domanda semplice: "Sei libero?"

Non so chi o cosa tu sia, nelle mani di chi è caduto questo articolo. Ma questo lo so, non c'è mai stata un'epoca in cui l'indagine che ti incalzo fosse più assolutamente necessaria. Libertà politica, libertà civile, libertà commerciale, libertà di parola, libertà di stampa: tutto questo e cento altri argomenti affini stanno assorbendo l'attenzione degli uomini. Pochi, pochissimi, trovano il tempo per pensare alla libertà spirituale. Molti, troppi, dimenticano che nessun uomo è così completamente schiavo, qualunque sia la sua posizione, come l'uomo che serve il peccato.

Sì! ci sono migliaia in questo paese che sono schiavi del vino e dell'alcol, schiavi della lussuria, schiavi dell'ambizione, schiavi del partito politico, schiavi del denaro, schiavi del gioco d'azzardo, schiavi della moda o schiavi del carattere! Potresti non vedere le loro catene ad occhio nudo, ed essi stessi possono vantarsi della loro libertà: ma nonostante tutto, sono completamente schiavi! Che agli uomini piaccia o no, il giocatore d'azzardo e l'ubriacone, l'avido e l'appassionato, il goloso e il sensuale, non sono liberi, ma schiavi. Sono legati mani e piedi dal diavolo. "Chi commette il peccato, è schiavo del peccato" (Romani 8:34). Chi si vanta della libertà, mentre è schiavo delle concupiscenze e delle passioni, sta scendendo all'inferno con una menzogna nella mano destra!

Svegliati per vedere queste cose, mentre la salute, il tempo e la vita ti sono concessi. Non lasciare che le lotte politiche e le lotte di partito ti facciano dimenticare la tua preziosa anima. Prendete qualsiasi posizione politica vi piaccia, e seguite onestamente le vostre convinzioni di coscienza; ma mai, mai dimenticare che c'è una libertà molto più alta e più duratura di quella che ti può dare la politica. Non riposarti finché quella libertà non sarà tua. Non riposarti finché la tua anima non sarà libera!

(2) Senti il desiderio di essere libero? Trovi in te un desiderio per una libertà più alta e migliore di quella che questo mondo può dare a una libertà che non morirà alla tua morte, ma andrà con te oltre la tomba? Allora segui il consiglio che ti do oggi. Cerca Cristo, pentiti, credi e sii libero. Cristo ha una gloriosa libertà da concedere a tutti coloro che umilmente invocano a Lui la libertà. Cristo può togliere i pesi dal tuo cuore e spezzare le catene dal tuo uomo interiore. "Se il Figlio ti rende libero, sarai davvero libero". (Giovanni 8:36.)

La libertà come questa è il segreto della vera felicità. Nessuno attraversa il mondo con tale facilità e contenuto, come coloro che sono cittadini di un paese celeste. I fardelli della terra premono leggermente sulle loro spalle; le delusioni della terra non li schiacciano come fanno gli altri; i doveri e le preoccupazioni della terra non bevono il loro spirito. Nelle ore più buie hanno sempre questo pensiero di sostegno su cui ripiegare: "Ho qualcosa che mi rende indipendente da questo mondo - sono spiritualmente libero".

Libertà come questa è il segreto per essere un buon politico. In ogni epoca, gli uomini liberi di Cristo sono stati i più veri amici della legge, dell'ordine e delle misure a beneficio di tutte le classi dell'umanità. Mai, mai si dimentichi che i disprezzati Puritani, duecento anni fa, fecero più per la causa della vera libertà in Inghilterra, di tutti i governi che mai governarono questa terra. Nessun uomo ha mai reso questo paese così temuto e rispettato come Oliver Cromwell. La radice del più genuino patriottismo, è essere uno di coloro che Cristo ha reso liberi.

(3) Sei spiritualmente libero? Allora rallegrati e sii grato per la tua libertà. Non curarti del disprezzo e del disprezzo dell'uomo: non hai motivo di vergognarti della tua religione o del tuo Maestro. Colui la cui cittadinanza è in cielo (Filippesi 3:20), che ha Dio per suo Padre e Cristo per suo fratello maggiore, angeli per le sue guardie quotidiane e il cielo stesso per la sua casa, è ben fornito. Nessun cambiamento di leggi può aumentare la sua grandezza, nessuna estensione di privilegi può elevarlo più in alto di quanto non si trovi agli occhi di Dio. "Le linee sono cadute su di lui in luoghi piacevoli, e ha una buona eredità". (Salmo 16:6). La grazia ora e la speranza della gloria nell'aldilà sono privilegi più duraturi del potere di votare per venti distretti o contee.

Sei libero? Allora rimani saldo nella tua libertà e non essere più impigliato nel giogo della schiavitù. Non ascoltate coloro che con buone parole e discorsi giusti vi ricondurrebbero alla Chiesa di Roma. Attenti a chi vorrebbe convincervi che esiste. . .

  • qualsiasi mediatore, ma l'unico Mediatore, Cristo Gesù;
  • qualsiasi sacrificio, tranne quello offerto sul Calvario;
  • qualsiasi sacerdote, ma il grande Sommo Sacerdote Emmanuel;
  • qualsiasi incenso necessario nel culto, ma il profumo del suo nome che fu crocifisso;
  • qualsiasi regola di fede e pratica, ma la Parola di Dio;
  • qualsiasi confessionale, ma il trono della grazia;
  • qualsiasi assoluzione efficace, ma quella che Cristo dona ai cuori del suo popolo credente;
  • qualsiasi purgatorio, ma l'unica fonte aperta per tutti i peccati, il sangue di Cristo, da usare solo mentre siamo in vita.

Su tutti questi punti state saldi e state in guardia. Decine di insegnanti fuorviati stanno cercando di derubare i cristiani della libertà evangelica e di riportare tra noi le superstizioni esplose. Resisti loro virilmente e non cedere per un momento. Ricorda che cosa era il cattolicesimo-romano in questo paese prima della Riforma benedetta. Ricordate a quale potente costo i nostri riformatori martiri hanno portato alla luce la libertà spirituale mediante il Vangelo. Tieni duro per questa libertà come un uomo e lavora per tramandarla ai tuoi figli, integri e intatti.

Sei libero? Allora pensa ogni giorno in cui vivi ai milioni di tuoi simili che sono ancora legati mani e piedi nell'oscurità spirituale! Pensa a seicento milioni di pagani che non hanno mai sentito parlare di Cristo e della salvezza. Pensa ai poveri ebrei senza tetto, dispersi e vagabondi sulla faccia della terra, perché non hanno ancora ricevuto il loro Messia. Pensa ai milioni di cattolici romani che sono ancora in cattività sotto il Papa, e non sanno nulla della vera libertà, luce e pace. Pensa alle miriadi dei tuoi connazionali nelle nostre grandi città, che, senza mezzi di grazia, sono praticamente pagani, e che il diavolo fa continuamente prigionieri a suo piacimento. Pensa a tutti loro e sentiti per loro. Pensa a tutti loro e spesso di' a te stesso: "Cosa posso fare per loro? Come posso aiutarli a liberarli?".

Che cosa? Sarà proclamato all'ultimo giorno, che i farisei e i gesuiti hanno perlustrato il mare e la terra per fare proseliti, che i politici hanno unito le forze e hanno lavorato giorno e notte per ottenere il libero scambio, che i filantropi hanno faticato nell'anima per anni per ottenere la soppressione dei neri schiavitù — e sembrerà allo stesso tempo che gli uomini liberi di Cristo hanno fatto poco per salvare uomini e donne dall'Inferno? Proibiscilo, fede! Proibilo, amore! Sicuramente se i figli di questo mondo sono zelanti nel promuovere la libertà temporale, i figli di Dio dovrebbero essere molto più zelanti nel promuovere la libertà spirituale. Che il tempo passato ci basti per essere stati egoisti e indolenti in questa faccenda. Per il resto dei nostri giorni, facciamo ogni sforzo per promuovere l'emancipazione spirituale. Se abbiamo gustato le benedizioni della libertà, non risparmiamo fatica per rendere gli altri liberi.

Sei libero? Quindi guarda avanti con fede e spera che le cose buone debbano ancora venire. Per quanto liberi come siamo, se crediamo in Cristo, dalla colpa e dal potere del peccato, dobbiamo sicuramente sentire ogni giorno che non siamo liberi dalla sua presenza e dalle tentazioni del diavolo. Redenti come siamo dalle conseguenze eterne della caduta, dobbiamo spesso sentire che non siamo ancora riscattati dalla malattia e dall'infermità, dal dolore e dal dolore. No, davvero! Dov'è l'uomo libero di Cristo sulla terra a cui spesso non viene dolorosamente ricordato che non siamo ancora in Paradiso? Siamo ancora nel corpo; stiamo ancora viaggiando attraverso le terre selvagge di questo mondo - non siamo a casa. Abbiamo già versato molte lacrime, e probabilmente ne dovremo versare molte di più; abbiamo ancora in noi un povero cuore debole; siamo ancora suscettibili di essere assaliti dal diavolo. La nostra redenzione è davvero iniziata, ma non è ancora completata . Abbiamo la redenzione ora nella radice, ma non l'abbiamo nel fiore .

Ma facciamoci coraggio: devono ancora venire giorni migliori. Il nostro grande Redentore e Liberatore ci ha preceduto per preparare un posto per il Suo popolo, e quando tornerà, la nostra redenzione sarà completa. Il grande anno giubilare deve ancora venire.

Ancora qualche ritorno di Natale e Capodanno, qualche altra riunione e addio, qualche altra nascita e morte, qualche matrimonio e funerale ancora, qualche lacrima e lotte in più, qualche malattia e dolore in più, qualche predica in più e preghiere, ancora un po' - e verrà la fine!

Il nostro Maestro tornerà di nuovo. I santi morti saranno risuscitati. I santi viventi saranno trasformati. Allora, e non prima, saremo completamente liberi. La libertà di cui abbiamo goduto per fede sarà mutata in libertà di vista; e la libertà della speranza — nella libertà della certezza.

Venite, dunque, e decidiamo di aspettare, di vegliare, di sperare, di pregare e di vivere come uomini che hanno qualcosa in serbo per loro in Cielo. La notte è lontana e il giorno è vicino. Il nostro Re non è lontano, la nostra piena redenzione si avvicina. La nostra piena salvezza è più vicina di quando credevamo. I regni di questo mondo sono in confusione: i poteri di questo mondo, sia temporali che ecclesiastici, sono ovunque vacillanti e scossi dalle loro fondamenta. Felici, tre volte felici, sono coloro che sono cittadini del regno eterno di Cristo e pronti a tutto ciò che può venire. Beati davvero quegli uomini e quelle donne che sanno e si sentono liberi!

Dalla religione pratica di JC Ryle:https://www.monergism.com/freedom

John CharlesRyle (10 maggio 1816 – 10 giugno 1900) è stato un vescovo anglicano evangelico inglese. Fu il primo vescovo anglicano di Liverpool. Ryle era un forte sostenitore della scuola evangelica e un critico del Ritualismo . Fu scrittore, pastore e predicatore evangelico. Tra le sue opere più lunghe ci sono Christian Leaders of the Eighteenth Century (1869), Expository Thoughts on the Gospels (7 voll, 1856–69), Principles for Churchmen (1884). Ryle è stato descritto come dotato di una presenza imponente e vigoroso nel difendere i suoi principi anche se con una disposizione calorosa. Gli fu anche attribuito il successo nell'evangelizzare la comunità dei colletti blu. Era un forte sostenitore del ritorno degli ebrei nella propria terra come profetizzato nella Bibbia e quindi faceva parte del movimento che portò alla Dichiarazione Balfour.