Istruzioni e Dichiarazioni/Affari e lavoro

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Il mondo degli affari e del lavoro nella concezione cristiana del mondo e della vita

PREFAZIONE

Il mandato dell’essere umano al dominio

Poiché l'essere umano è sotto Dio, come portatore dell'immagine di Dio, possiede una sovranità limitata sulla natura. Pertanto l'essere umano è responsabile, come fedele servitore di Dio, di collaborare con Cristo per portare tutta la natura sotto il dominio di Dio, affinché la Sua volontà possa "essere fatta, come in cielo così in terra" (Matteo 6:10). Questo mandato di sottomettere la terra (Genesi 1:26-28) faceva parte del provvedimento di Dio per l'essere umano nella creazione, ed è stato pienamente affermato nella vittoriosa Morte e Risurrezione di Gesù Cristo, mediante la quale è stabilito il Suo regno eterno e trionfante.

Nel regno degli affari e del commercio, il mandato di sottomettere la terra è svolto dai cristiani che servono l'umanità nelle attività produttive, stabilendo così il regno di Dio nelle loro aree di amministrazione. Gli uomini devono usare le loro capacità creative ed energie date da Dio per servire Dio servendo l'essere umano e aiutandolo a superare, controllare e usare il mondo naturale. Il ruolo degli uomini d'affari cristiani è unico e di vasta portata. Interagiscono con un segmento importante della popolazione adulta; sono strumentali alla generazione e distribuzione della ricchezza; esercitano un'influenza significativa sull'ordine pubblico; e danno credibilità (o negazione) a molti dei grandi temi della Scrittura.

Una chiamata alta

Uno stile di vita produttivo è una vera e alta vocazione di tutti i cristiani. Tutte le occupazioni non contrarie alla Legge di Dio sono da considerarsi degne. Le distinzioni dell'Antico Testamento tra "secolare" e "sacro" erano radicate in Cristo ("Tutte le cose sono sante..."), ei credenti dovrebbero considerare il loro lavoro "secolare" come "servizio cristiano a tempo pieno". Dio, nella Sua sovranità, chiama gli uomini a vari doveri e amministrazione all'interno del Suo Regno, dando loro talenti e capacità differenti. È il pieno uso di quei talenti che determina il successo agli occhi di Dio, che solo tiene la bilancia del successo. Il successo è molto più che l'acquisizione di beni materiali. È, piuttosto, aumentare progressivamente il dominio nella propria sfera in obbedienza alla volontà di Dio rivelata nella Sua Parola e alla continua rivelazione del Suo Santo Spirito.

Prestazioni e condotta individuali

Il cristiano nel mondo degli affari, mentre esercita il mandato di dominio di Dio, sottoscrive standard immutabili per le prestazioni individuali. È obbligato a svolgere le sue responsabilità, per quanto apparentemente insignificanti, come nei confronti del Signore. Mentre output produttivo può variare a seconda il talento e le capacità di ogni individuo, ognuno, a lavorare da questo standard - produrrà eccellenza piamente, aumentando così l'espansione e il dominio del Regno di Dio sulla terra.

Anche i cristiani nel mondo degli affari sono obbligati a perseguire i propri sforzi in modo altamente etico, rifuggendo da tutte le pratiche e procedure non etiche, anche se legali. Ne consegue anche che sono obbligati a promuovere buone pratiche nelle loro sfere di influenza e ad esporre pratiche contrarie alla Legge di Dio. Le attività commerciali controllate o manipolate per guadagno personale con mezzi e metodi empi porteranno alla distruzione del libero mercato, all'aumento della regolamentazione coercitiva, all'aumento della povertà e alla diminuzione della libertà sotto Dio.

Mercato libero

La natura del sistema economico in cui opera l'imprenditore cristiano incide sulla sua capacità di essere produttivo e di contribuire al bene generale. A questo proposito, i principi del libero mercato ( cioè , proprietà privata della proprietà, concorrenza leale, ricompensa per la produttività attraverso i profitti, il perseguimento incontrollato dei propri sogni) si conformano più chiaramente ai principi scritturali rispetto ai sistemi economici controllati o statalisti. Gli uomini d'affari cristiani dovrebbero quindi lavorare per preservare e far progredire il sistema del libero mercato, che è messo a repentaglio in una società malvagia e perversa. In tal modo, sia il dominio di Dio che il loro dominio sono aumentati. Le risorse che altrimenti sarebbero controllate dal regno delle tenebre vengono rilasciate per i propositi di Dio.

Sommario

L'estensione del dominio di Dio è richiesta in tutte le occupazioni. Siamo esortati a esercitare il dominio sottraendo ogni parte del mondo al potere di Satana e deponendolo ai piedi di nostro Signore. Egli pone poi questi ambiti sotto la sua custodia, premiando il fedele servizio con fiducia e accresciuta responsabilità: "...a chi molto hanno affidato, da lui molto chiederanno" (Luca 12:48).

Con questi pensieri in mente, offriamo le seguenti affermazioni e smentite come primo passo nella comprensione e nell'applicazione della visione cristiana del mondo nel campo degli affari e del lavoro.

Dichiarazioni di affermazione e negazione

La prima responsabilità: glorificare Dio

1. Affermiamo che tutti gli uomini d'affari cristiani sono chiamati prima di tutto a glorificare Dio con la totalità della loro vita; che questo significa vivere una vita santa di obbedienza alla Bibbia, adempiendo al proprio ruolo nel Corpo di Cristo, che include una costante ricerca di impegni con Gesù Cristo come Salvatore e Signore tra i loro conoscenti e poi aiutare i nuovi convertiti a iniziare il cammino verso la maturità cristiana; e che queste priorità ordinate da Dio sono la più grande risorsa dell'essere umano d'affari cristiano. Neghiamo che queste priorità ordinate da Dio siano una responsabilità per l'essere umano d'affari cristiano.

Affari come vocazione

2. Affermiamo che la chiamata di Dio a operare come servo nel ruolo di un essere umano d'affari cristiano è un'alta vocazione; che richiede un grande impegno personale; e che quando una persona è chiamata a lavorare nel mondo degli affari, Dio concede tanto la Sua benedizione e grazia ai suoi sforzi quanto a qualsiasi altra chiamata, comprese quelle occupazioni normalmente considerate ministeri "a tempo pieno". Neghiamo che il coinvolgimento nel mondo degli affari sia qualcosa di meno del servizio cristiano a tempo pieno.

Possedimenti e proprietà

3. Affermiamo che Dio possiede tutto ciò che abbiamo; che ogni talento, abilità e potere di fare ricchezza provenga da Lui; che qualunque successo godiamo è il risultato della benedizione e del favore di Dio; e che i cristiani nel mondo degli affari devono evitare l'orgoglio e le insidie ​​che le Scritture spesso avvertono accompagnano la ricchezza e il successo mondano. Neghiamo che i cristiani debbano gloriarsi della loro ricchezza o dei loro successi, e che solo la ricchezza o i risultati possano qualificare per una posizione davanti a Dio o nell'opera di Dio.

Motivi ed etica

4. Affermiamo che i nostri rapporti d'affari devono essere motivati ​​dalla sapienza divina attraverso la ricerca di consigli, la ricerca nelle Scritture per la rivelazione e la ricerca della guida di Dio; che la natura dell'impresa commerciale cristiana è quella di lottare per la più alta etica scritturale di Dio in tutti i suoi rapporti con dipendenti, clienti, fornitori, governo civile e qualsiasi altra entità con cui interagisce; e che dovremmo modellare l'etica cristiana di amarci l'un l'altro in tutti i nostri affari. Neghiamo che i cristiani nel mondo degli affari abbiano l'opzione di usare principi commerciali scorretti o di trattare gli altri in modo immorale e che la nostra motivazione principale dovrebbe essere la ricchezza o il potere sugli altri.

Amministrazione

5. Affermiamo che la terra è del Signore e tutto ciò che è in essa; che Dio affida le risorse della terra all'umanità e richiede una saggia amministrazione e un uso completo; che come cristiani dovremmo considerare la nostra vocazione e qualsiasi ricchezza ottenuta da essa come una gestione - una fiducia da parte di Dio; che il vero successo si trova nel prendere le risorse affidateci da Dio e nel moltiplicarle e svilupparle per i Suoi propositi e gloria; e che la buona amministrazione include lo sviluppo delle risorse umane, naturali, finanziarie e di tutte le altre in accordo con le Scritture per l'avanzamento del dominio di Dio. Neghiamo che l'essere umano abbia diritto o sia il proprietario della terra e delle sue risorse.

Testimonianza cristiana

6. Affermiamo che il modo in cui ci comportiamo come cristiani nel mondo degli affari sarà un modello di vita del Regno e di integrità per tutta la nostra comunità; che la ricerca dell'eccellenza, un servizio leale, un approccio professionale e responsabilità dovrebbero essere mostrati in ogni nostro compito; e quella parte della testimonianza cristiana è il puntuale adempimento degli obblighi finanziari e contrattuali. Neghiamo che le pratiche commerciali veramente cristiane siano empie, sciatte, sconsiderate, illegali o inaffidabili.

Sistema di mercato libero

7. Affermiamo che i principi di un sistema di libero mercato sono ordinati da Dio; che abbiamo il privilegio imprenditoriale e la responsabilità di impegnarci in affari a scopo di lucro; e quella ricompensa finanziaria per le nostre fatiche è biblica come parte della promessa di Dio per la diligenza (Proverbi 14:23). Neghiamo la legittimità dei sistemi economici che impediscono e ostacolano il libero mercato o aderiscono a una filosofia di egualitarismo.

Creatività

8. Affermiamo che l'essere umano, nel suo riflesso dell'immagine divina, è creativo; che tutta la vera creatività è un riflesso della natura divina; che invenzioni tecnologiche creative, scoperte pratiche e progressi che migliorano la produttività e aumentano l'uso delle risorse fanno parte di questo processo creativo; e che tutti i progressi tecnologici non contrari alla Scrittura dovrebbero essere promossi. Neghiamo che le invenzioni e le scoperte dovrebbero essere autorizzate a far avanzare i propositi del diavolo e che la Scrittura è antitecnologica nel suo insegnamento.

Competenza

9. Affermiamo che dovremmo studiare, sviluppare e attuare i principi e le pratiche commerciali scritturali per onorare e glorificare il nome del Signore. Neghiamo che non sia spirituale o empio essere ben istruiti o addestrati e attuare buone pratiche commerciali.

Efficienza e integrità

10. Dichiariamo di credere nell'efficienza e nell'integrità in tutte le pratiche commerciali, nella produttività personale e in condizioni di lavoro sicure. Neghiamo che Dio approvi pratiche commerciali inefficienti e dispendiose.

Legge della Terra

11. Affermiamo che l'essere umano d'affari cristiano è soggetto alla legge del paese ed è obbligato a obbedire a tale legge, tranne quando viola chiaramente la legge di Dio. Neghiamo che la legge dell'essere umano sostituisca la legge di Dio.

Responsabilità civiche e politiche

12. Affermiamo che un essere umano d'affari cristiano ha la responsabilità civica di pregare per coloro che hanno autorità e di partecipare al processo politico attraverso il voto, sostenendo la giusta leadership civica e cercando un ufficio eletto come guida il Signore. Neghiamo che l'essere umano d'affari cristiano debba separare la vita spirituale o commerciale dagli affari di governo.

Responsabilità Sociali

13. Affermiamo che l'essere umano d'affari cristiano dovrebbe assumere una posizione attiva e intransigente sulle questioni morali bibliche come la pro-vita, la libertà di preghiera, l'anti-pornografia, l'anti-omosessualità e l'opposizione a qualsiasi altra filosofia o pratica non costruita su principi e che il fardello di Dio dovrebbe essere il nostro fardello per i poveri, gli affamati, gli ignudi, i carcerati e coloro che sono perseguitati per amore della giustizia. Neghiamo che gli uomini d'affari cristiani debbano ignorare le questioni sociali critiche del loro tempo o tacere per profitto o per qualsiasi altro motivo quando è possibile un'azione cristiana responsabile.

Chiesa locale

14. Affermiamo che gli uomini d'affari dovrebbero essere collegati in modo vitale a una comunità locale di credenti, pienamente associati alla formazione biblica, all'evangelizzazione e al servizio. Neghiamo che i rapporti d'affari debbano sostituire nella vita del credente la piena partecipazione alla chiesa locale.

Priorità bibliche

15. Affermiamo la necessità per l'essere umano d'affari di stabilire e mantenere come sua massima priorità la ricerca del Regno di Dio; che questa priorità è la base del servizio biblico; e questo è seguito da sforzi familiari e aziendali. Neghiamo che la persona nel servizio biblico possa permettere che le sue priorità vengano distorte dalla norma biblica senza grave danno all'equilibrio che Dio ha stabilito.

Filosofia aziendale

16. Affermiamo che per essere efficace un essere umano d'affari dovrebbe concentrarsi sul servire i bisogni dei suoi clienti, dipendenti, collaboratori o associati e fornitori, e che questo include affrontare i bisogni spirituali, sociologici, psicologici e di sicurezza oltre a bisogni fisici. Neghiamo che qualsiasi attività imprenditoriale possa, da un punto di vista cristiano, considerarsi vincente senza gli elementi sopra indicati oltre alla redditività finanziaria.

La guida di Dio

17. Affermiamo che l'essere umano d'affari cristiano dovrebbe cercare quotidianamente la guida del Signore mediante la preghiera, lo studio della Bibbia e i consigli divini, in ogni fase della sua attività, in modo da glorificare Dio in tutto ciò che fa. Neghiamo che gli uomini d'affari possano trovare il favore e la benedizione continui di Dio mentre abbandonano la guida quotidiana di Dio nelle loro attività commerciali.

Un invito all'azione nel mondo degli affari e nelle professioni

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli uomini e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche di affari e occupazioni e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentendosi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare Dio affinché colmi la caduta del Suo popolo con la potenza abilitante dello Spirito Santo affinché possiamo portare le nostre vite personali e le nostre teorie e pratiche di affari e occupazioni in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata in modo permanente e coerente base;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci reciprocamente e l'un l'altro per rendere le nostre pratiche commerciali e lavorative glorificando Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte;

2. influenzare coloro che nel campo degli affari e delle professioni che sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite per attuare queste proposte nel loro lavoro;

3. mobilitando e mettendo in rete le nostre risorse cristiane e lavorando di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere mutato il comportamento del Corpo di Cristo e della nostra Nazione per avvicinarsi maggiormente alla visione della realtà e della morale che ci viene presentata le Sacre Scritture.

Azioni specifiche

A tal fine, ci impegniamo nelle seguenti azioni specifiche, che crediamo ogni cristiano in affari dovrebbe considerare davanti a Dio e, come il Signore ordina, fare parte del suo continuo sforzo per stabilire il Regno di Dio sulla terra:

1. comunicare con altri uomini d'affari cristiani (tramite conversazioni personali, libri e nastri) il concetto che una persona chiamata da Dio a fare affari dovrebbe farlo con tutto il cuore come per il Signore, sfidandolo ad avere lo stesso zelo religioso nel sottomettere la sua porzione di terra e la sua sfera di occupazione come se fosse un missionario straniero che raggiunge i non raggiunti;

2. cercando di evangelizzare dipendenti e colleghi, dando loro l'opportunità di trovare risposte ai loro problemi e una migliore motivazione per il loro lavoro;

3. dimostrare la nostra fede cristiana nella dignità e nel valore dell'individuo applicando i principi biblici in ogni aspetto delle relazioni con i dipendenti (materiali di riferimento disponibili presso l'organizzazione "Valore della persona"; per l'indirizzo contattare The Coalition on Revival, Box A, Sunnyvale , California, 94807);

4. comunicare in modo diretto e rapido, ma con amore e sensibilità, con qualsiasi essere umano d'affari cristiano che sembra utilizzare principi commerciali non etici o non biblici, affrontandolo nel nome di Gesù; se persiste nell'ingiustizia, compiendo i passi di Matteo 18:15-20 finché non si pente; e se non si pente quando è opportuno, avvertendo di lui la Chiesa e la comunità imprenditoriale;

5. contrastare l'ingerenza del governo nel sistema del libero mercato delle imprese e resistere all'intervento burocratico sotto forma di quote, restrizioni malsane, premi per la non produttività, ecc.;

6. adoperarsi per la riforma fiscale, impegnandosi per l'eliminazione dell'imposta progressiva sul reddito, che priva il percettore del capitale necessario per espandere l'attività, i posti di lavoro, il capitale, ecc., e l'imposta di successione, che lede la continuità della proprietà e degli eredi legittimi;

7. promuovere il disinvestimento in quei paesi che aderiscono a filosofie marxiste e comuniste o che tollerano o promuovono la persecuzione religiosa;

8. promuovere gli investimenti nei paesi che garantiscono la libertà religiosa e si sforzano di risolvere i problemi interni con mezzi divini;

9. diffondere il concetto che vendere prodotti, in particolare armi, materiale da costruzione, ecc., ai nemici della propria nazione è una forma di tradimento;

10. Promuovendo tra gli uomini d'affari cristiani il concetto biblico che la ricchezza può essere creata e sviluppata ed è illimitata, in opposizione al falso insegnamento marxista che la ricchezza sulla terra è statica e limitata, qualsiasi può, quindi, essere accumulata solo a spese di altri attraverso lo sfruttamento;

11. incoraggiare gli uomini d'affari cristiani a costruire e gestire le loro attività in modo biblico e ad essere produttivi finanziariamente, con l'obiettivo di aumentare la generosità alle cause di Dio sulla terra;

12. incoraggiare la ricerca e l'esposizione di organizzazioni e cause (come la teologia della liberazione, istituzioni teologicamente liberali, Planned Parenthood) che si oppongono ai principi della Bibbia al fine di mettere in guardia gli uomini d'affari e le società contro il sostegno finanziario imprudente di attività e organizzazioni indegne;

13. sostenere attivamente lo sviluppo di organizzazioni di uomini d'affari cristiani che cercano di promuovere la visione del mondo abbracciata da questo documento.

Mr. John Beckett, Presidente • Mr. Ted DeMoss, Co-Chairman • Con i contributi dei membri del Business and Occupations Committee of The Coalition on Revival • Dr. Jay Grimstead, D. Min., General Editor • Mr. E. Calvin Beisner, MA, assistente del direttore generale. La visione cristiana del mondo degli affari e del lavoro . Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, Inc., PO Box 1139, Murphys, California 95247