Istruzioni e Dichiarazioni/Dichiarazione dei Diritti Universali/Articolo 1 - Quadro normativo

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Articolo 1 - Quadro 

Sezione 1: Scopo 

Questa è una dichiarazione di diritti universali, diritti che appartengono a tutti gli esseri umani ovunque, maschi e femmine, in ogni età, in ogni situazione.

Questi diritti sono conferiti agli esseri umani da Dio e sono quindi immutabili rispetto agli esseri umani. Non sono stati ideati dagli esseri umani né possono essere modificati dagli esseri umani. Non sono soggetti a modifiche da parte dei governi. Questi diritti sono creati da Dio e non dall'essere umano. Sono dotati da Dio al momento del concepimento.

Questi diritti sono diritti della persona, diritti inalienabili che un essere umano non è autorizzato a trasferire o cedere. Nessun Governo può mai ridurre legalmente questi diritti in nessuna persona, ma deve stare attento a riconoscere e rispettare questi diritti.

Sezione 2: Costruzione 

Un diritto è una concessione di autorità data da Dio all'essere umano. l'essere umano ha l'autorità di vivere per Dio e di servire Dio secondo le Sue regole e piani. L'essere umano ha il dovere di esercitare la sua autorità data da Dio come amministratore di Dio. L'essere umano ha l'autorità di fare solo ciò che è giusto. Dio ha stabilito ciò che è giusto e retto e comanda all'essere umano di vivere in modo giusto e retto. I doveri dell'essere umano verso Dio procedono dall'autorità che Dio gli conferisce. Anche quell'autorità è giusta, soprattutto rispetto agli altri esseri umani. Pertanto, l'autorità o il diritto dell'essere umano è di fare solo ciò che è giusto. l'essere umano non ha mai il diritto di fare il male.

I doveri o gli obblighi e i diritti o semplicemente le affermazioni qui dichiarate non devono essere interpretate per negare o schernire altri doveri o diritti non qui indicati.

Sezione 3: Tipi di autorità; Istituzioni di Governo 

Dio ha stabilito vari tipi di autorità che conferisce agli esseri umani. Queste diverse autorità, quando esercitate dagli esseri umani, sono anche diritti che devono essere rispettati da coloro che detengono altre forme di autorità. Tra questi vi sono l'autorità dell'individuo, della famiglia, dell'associazione di volontariato, della chiesa e del Governo civile.

Ciascuna di queste diverse autorità è un tipo di Governo davanti a Dio. Nessun Governo in particolare può legalmente interferire con il giusto esercizio dell'autorità e dei diritti di qualsiasi altro Governo. Il Governo umano nel suo insieme compromette tutte queste forme di governi più piccoli, ciascuno con la propria giurisdizione indipendente, separatamente responsabili nei confronti di Dio, che operano liberamente nella società nell'ambito degli scopi per i quali è stato ordinato.

Sezione 4: Diritti: universali, immutabili, inalienabili 

Quando gli esseri umani entrano in uno stato di società civile non possono e non possono privare sé stessi o la loro posterità di alcun diritto universale, immutabile, inalienabile. Questi diritti non sono soggetti a diluizione, restrizione o contravvenzione e nessun interesse della società civile, vincolante o di altro tipo, è sufficiente per prevalere su tali diritti o doveri.

Sezione 5: Governo civile; Ordinanza divina, istituzione umana 

Dio ha stabilito sia l'autorità generale del Governo civile che l'autorità umana per istituirne la forma. Dio non ha reso il Governo civile solo un atto divino. Il Governo civile è pure una creazione umana, con governi particolari istituiti da esseri umani attraverso il loro comune consenso. Dio ha concesso l'autorità agli esseri umani attraverso il loro mutuo accordo di fondare il Governo civile su principi giusti e di organizzare i suoi poteri al fine di garantire i diritti universali umani.

I governanti civili devono rendere conto non solo a Dio, ma al popolo di una nazione che istituisce il Governo civile, essendo i governanti servitori e fiduciari del popolo. La tirannia, il dispotismo e il Governo arbitrario violano la promessa del sovrano e il consenso del popolo e spogliano un sovrano dell'ufficio e il diritto di governare. La perdita dell'incarico diventa effettiva con la dichiarazione pubblica da parte dei rappresentanti del popolo della natura, delle cause e delle prove della violazione di un governante e che il popolo, tramite i suoi rappresentanti, sceglie di istituire un nuovo Governo e nuovi governanti.

Sezione 6: Governo libero 

Nessun Governo libero, civile o di altro tipo, né le benedizioni della libertà, possono essere preservate a persone che non aderiscono al riconoscimento che tutti i diritti hanno doveri reciproci e che il Dio Creatore è la fonte di tutti loro.