Istruzioni e Dichiarazioni/Dichiarazione dei Diritti Universali/Preambolo

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Preambolo 

Dio il Creatore ha creato il mondo e tutto ciò che esso contiene. Egli è il Signore Dio, che è anche Gesù Cristo, Re dei re, Signore dei signori. Dio è il Signore di tutti e governa tutti. Ha tutta l'autorità, il potere, il diritto e la giustizia. Lui solo è sovrano e tutte le cose al Suo servizio.

Dio ha creato l'essere umano a sua immagine, maschio e femmina, quindi tutti gli esseri umani sono creati uguali. L'essere umano è il servitore di Dio, una creatura completamente dipendente da Dio per tutte le cose. Ogni essere umano ha il dovere assoluto nei confronti del suo Creatore di glorificarlo e servirlo vivendo nel Suo mondo come amministratore della Sua creazione, sforzandosi di vivere pienamente a Sua immagine.

Questo dovere che ogni essere umano possiede è la base dei diritti. I doveri dell'essere umano verso Dio sono diritti verso altri esseri umani. Dalla creazione del primo essere umano, Dio ha dato regole che governano le azioni di tutti gli esseri umani; il primo riguarda i doveri o gli obblighi dell'essere umano, il secondo riguarda le loro giuste pretese o diritti.

Da un essere umano, Dio ha creato ogni nazione di esseri umani affinché abitasse l'intera terra. Determinò i tempi fissati per loro e i luoghi esatti in cui avrebbero dovuto vivere e lavorare. Dio ha fatto questo in modo che gli esseri umani Lo cercassero, Lo trovassero e Lo riconoscessero come l'autore di ciò che ha già fatto loro conoscere e dal quale anche le loro nazioni devono essere governate.

Poiché siamo progenie di Dio, non dovremmo pensare che le Sue regole di azione siano stabilite di nostro proprio progetto o abilità. Gli esseri umani, essendo stati istruiti da Dio, comprendono di essere vincolati al Suo servizio e percepiscono di essere dotati dal loro Creatore di certi diritti universali, immutabili e inalienabili.

Tra questi vi sono il diritto di godere e difendere la vita e la libertà, di acquisire, possedere e proteggere la proprietà e di perseguire e ottenere felicità e sicurezza. Per garantire questi e altri diritti, Dio ha ordinato il Governo e ha dato agli esseri umani l'autorità di istituire un Governo. Un popolo, in quanto suoi amministratori, ha il dovere e il diritto di porre le fondamenta del Governo su giusti principi e di organizzare il suo potere secondo il loro comune consenso.