Istruzioni e Dichiarazioni/Dichiarazione dei diritti universali/PERCHÉ UNA DICHIARAZIONE DI DIRITTI UNIVERSALI?

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Perché una dichiarazione cristiana dei diritti universali?

Molti cristiani metteranno in dubbio la legittimità di una Dichiarazione dei diritti universali. Alcuni obietteranno persino che la nozione di diritti sia estranea al messaggio del Vangelo! Presumibilmente, i cristiani non hanno diritti, o almeno non dovrebbero, secondo alcuni, dichiarare i propri diritti. Questa convinzione porta naturalmente alla conclusione che i cristiani non abbiano il diritto di partecipare a discussioni sui diritti o di essere coinvolti nella formulazione di dichiarazioni di diritti. Parlare la lingua dei "diritti" significherebbe parlare la lingua dell'egoismo e della carnalità.

Altri presumeranno che una simile dichiarazione rifletta lo spirito della nostra epoca. Negli ultimi decenni sono state rilasciate varie dichiarazioni di "diritti umani".Gran parte del contenuto e della filosofia di alcune di queste dichiarazioni è stato chiaramente umanistico, in contrasto con i principi scritturali e con i precetti fondamentali dell'insegnamento cristiano.

Altri ancora insisteranno sul fatto che parlare di diritti porta alla rivoluzione e all'anarchia. Concentrarsi sui diritti significherebbe fare un'enfasi sbagliata che gioca nelle mani delle persone inclini alla ribellione. In ogni caso, parlare di diritti sarebbe parlare di cose "di questo mondo", e l'unica vocazione del cristiano sarebbe altresì quella di "testimoniare ai perduti" e "portarli nel regno di Dio" che non è di questo mondo... I cristiani dovrebbero evitare il coinvolgimento in queste cose mondane e dovrebbero occuparsi solo di questioni di redenzione....

Infine, a molti cristiani è stato insegnato che tutti i discorsi di "diritti" risalgono all'Illuminismo del diciottesimo secolo, un movimento intellettuale che rifiutava la Bibbia e il cristianesimo. Vedono l'eredità dei diritti dell'Occidente come anti-biblica e anticristiana, un prodotto del deismo e del razionalismo piuttosto che della cultura cristiana. Pertanto, quando i cristiani fanno dichiarazioni di diritti, si allontanerebbero dalla vera fede per seguire la via di coloro che hanno rifiutato il cristianesimo. Il loro attivismo cristiano perderebbe l'integrità biblica. Compromettono la loro fede e la sovvertono con obiettivi mondani.

La Bibbia ha molto da dire sui diritti.Nell'Antico Testamento ebraico la parolamishpat,tradotta ordinariamente giustizia, è anche la parola per diritti. Nel Nuovo Testamento greco la parola per diritti èexousia, che è normalmente tradotta autorità. Entrambi i testamenti parlano ripetutamente di diritti, sia di Dio che dell'essere umano. La linguistica delle Scritture presenta un quadro completo dei diritti che troppo spesso viene ignorato dagli insegnanti biblici oggi.

In secondo luogo,l'eredità occidentale dei diritti risale all'impatto della Bibbia e del cristianesimo sulla cultura occidentale. È stato creato e sviluppato da studiosi di diritto cristiano dell'era del diritto canonico (dall'XI al XIII secolo d.C.), da teologi cristiani medievali e da insegnanti di diritto civile che lavorano da un quadro intellettuale cristianoi.

Per questi studiosi,il messaggio della Bibbia era "diritti inalienabili", diritti della persona, che sono dati da Dio e che un uomo non può trasferire o cedere.Questi diritti sono "universali" in quanto appartengono a ogni persona,in ogni paese, indipendentemente dalle circostanze o dalla situazione. Sono "immutabili" perché sono dati da Dio e non possono essere ridotti o limitati da nessun governo o uomo per nessuna ragione.Nessun essere umano è libero sotto Dio di cedere questi diritti universali, immutabili e inalienabili, ma deve esercitarli come amministratore sotto il dovere di Dio che li ha dati.

Questo concetto di diritti non ha paralleli né nel pensiero greco antico né in quello romano. Ecco perché l'eredità intellettuale dei diritti occidentali risale quasi esclusivamente al cristianesimo e alla Bibbia. Eppure fu rifiutata dagli umanisti del Rinascimento del Quattrocento e dai razionalisti illuministi del XVII e XVIII secolo.

I cristiani non devono vergognarsi dell'eredità occidentale dei diritti, anche se ai nostri giorni viene pervertita e secolarizzata.Né hanno bisogno di scusarsi per questo o di essere antagonisti come se fosse non biblico e anticristiano.I cristiani devono essere sale e luce riaffermando i principi biblici e la testimonianza cristiana che hanno dato vita alla teoria occidentale dei diritti e su cui si è sviluppata.

Uno di questi principi è la distinzioneCreatore / Redentore.Dio ha ordinato alcune cose all'inizio alla creazione e altre cose alla croce e alla risurrezione.La venuta del Vangelo non sospende, annulla, capovolge o distrugge ciò che Dio ha stabilito alla creazione. Uno degli scopi principali della redenzione èripristinarepiù completamente l'ordine della creazione a ciò che Dio aveva originariamente stabilito che fosse.

Nell'atto della creazione, Dio ha stabilito le leggi dell'universo morale e fisico. Ha anche creato l'uomo a sua immagine e gli ha commissionato di vivere in questo mondo come un essere umano.Dio ha stabilito i principi di giustizia per la società umana nel Giardino.Il racconto della creazione è il punto di partenza per qualsiasi discussione sui diritti.

Molti credenti che parlano di diritti parlano solo di "diritti cristiani" come se "i non credenti non avessero diritti". Pensano che la nozione di diritti sia collegata solo con la predicazione del vangelo e il perdono dei peccati. Non riescono a capire cheil concetto di diritti è stabilito come parte dello schema della legge sulla creazione di Dio. In termini umani tutti gli esseri umani hanno diritti, anche i non cristiani, perché tutti gli esseri umani sono creati a immagine di Dio.Umanamente parlando, i cristiani hanno solo i diritti che hanno tutti gli altri uomini grazie a ciò che Dio ha stabilito nel modo in cui ha creato tutte le cose.

L'eredità occidentale dei diritti - che va dalle lingue della Scrittura, attraverso le chiese cattoliche e protestanti, allo sviluppo della cultura occidentale, in Europa, Gran Bretagna e America -deve essere difesa e promossa dai cristiani di tutto il mondo che vogliono sfidare l'autoritarismo e movimenti totalitari che circondano il mondo e riducono in schiavitù le nazioni. Uomini empi stanno inondando le nazioni del mondo con false ideologie che promettono libertà ma portano schiavitù. In particolare nei paesi del terzo mondo, masse di persone sono mature per essere ingannate da false speranze e false promesse.

Molti si troveranno semplicemente vittime del terrore e dell'oppressione senza l'aiuto del popolo di Dio.Le false ideologie condurranno intere nazioni nell'oscurità e nella schiavitù politica.Una dichiarazione di diritti universali basata su principi biblici piuttosto che su principi di contraffazione secolarizzati e denaturati è disperatamente necessaria affinché le persone possano resistere adeguatamente e biblicamente alla tirannia. Accetteranno una dichiarazione basata su principi divini o dovranno accontentarsi della pallida poltiglia delle cosiddette teorie dei "diritti umani".Le teorie sui diritti umani non sono all'altezza del modello biblico dei diritti inalienabili e alla fine forniscono un terreno inadeguato su cui appoggiarsi a persone disperate e oppresse.

I cristiani devono affermare questi principi, non nel linguaggio ecclesiastico o nel linguaggio della redenzione, ma nel linguaggio umano ordinario, il linguaggio della creazione. Questa non è una dichiarazione degli articoli di fede redentrice, ma di verità sulla giustizia semplice e sulla dignità umana che Dio ha ordinato dall'inizio della creazione dell'essere umano. Il messaggio del vangelo di Dio libera le anime umane. Questo messaggio tratta dell'essere umano creato a immagine di Dio che vive nel mondo di Dio.Sebbene questo non sia un messaggio progettato per evangelizzare le anime, è comunque la verità di Dio. Poiché è la verità di Dio, i cristiani hanno la responsabilità di proclamarla insieme al resto della verità di Dio.

 

Note

i Il termine "diritti inalienabili" fu usato per la prima volta da studiosi cristiani che scrissero glosse e commenti alle Decretali di Papa Gregorio IX che furono emanate nel 1254. Vedi Richard Tuck, Natural Rights Theories (1979) a 15 e nota 27; e Harold Berman, Law and Revolution (1983) a 203, e intro.-254. Cinquecento anni dopo, i "diritti inalienabili" divennero la pietra angolare della Dichiarazione di indipendenza americana.