Istruzioni e dichiarazioni/Cristo, non Cesare, è capo della Chiesa

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Cristo, non Cesare, è il capo della Chiesa 

Un caso biblico per il dovere della Chiesa di rimanere aperta. A sostegno del mandato biblico di riunirsi per il culto comunitario. Dichiarazione della Grace Community Church, guidata dal past. John McArthur, 24 luglio 2020.

Cristo è il Signore di tutti. È l'unico vero capo della chiesa (Efesini 1:22 ; 5:23; Colossesi 1:18). È anche Re dei re, sovrano su ogni autorità terrena (1 Timoteo 6:15 ; Apocalisse 17:14; 19:16). Grace Community Church è sempre stata inamovibile su questi principi biblici. Come suo popolo, siamo soggetti alla sua volontà e ai suoi comandi rivelati nella Scrittura. Pertanto non possiamo e non acconsentiremo a una moratoria imposta dal governo sul nostro culto comunitario settimanale o altri incontri regolari della nostra comunità. La conformità sarebbe disobbedienza ai chiari comandi del nostro Signore.

Alcuni penseranno che una dichiarazione così ferma sia inesorabilmente in conflitto con il comando di essere soggetti alle autorità governative di Romani 13 e 1 Pietro 2 . La Scrittura impone un'obbedienza attenta e coscienziosa a ogni autorità di governo, inclusi re, governatori, datori di lavoro e loro agenti (nelle parole di Pietro, "non solo ai buoni e giusti, ma anche agli ingiusti" [1 Pietro 2 :18]). Nella misura in cui le autorità governative non tentano di affermare l'autorità ecclesiastica o di emanare ordini che vietano la nostra obbedienza alla legge di Dio, la loro autorità deve essere obbedita indipendentemente dal fatto che siamo d'accordo con le loro decisioni o meno. In altre parole, Romani 13 e 1 Pietro 2 legano ancora le coscienze dei singoli cristiani. Dobbiamo obbedire alle nostre autorità civili come poteri che Dio stesso ha ordinato.

Tuttavia, mentre il governo civile è investito dell'autorità divina per governare lo stato, nessuno di questi testi (né nessun altro) garantisce ai governanti civici la giurisdizione sulla chiesa. Dio ha stabilito tre istituzioni all'interno della società umana: la famiglia, lo stato e la chiesa. Ogni istituzione ha una sfera di autorità con limiti giurisdizionali che devono essere rispettati. L'autorità di un padre è limitata alla sua stessa famiglia. L'autorità dei dirigenti della Chiesa (che è loro delegata da Cristo) è limitata alle questioni ecclesiali. E il governo è specificamente incaricato della supervisione e della protezione della pace e del benessere civico entro i confini di una nazione o di una comunità. Dio non ha concesso ai governanti civici l'autorità sulla dottrina, la pratica o il sistema politico della chiesa. Il quadro biblico limita l'autorità di ogni istituzione alla sua specifica giurisdizione. La chiesa non ha il diritto di immischiarsi negli affari delle singole famiglie e ignorare l'autorità dei genitori. I genitori non hanno l'autorità per gestire le questioni civili mentre eludono i funzionari governativi. Allo stesso modo, i funzionari governativi non hanno il diritto di interferire in questioni ecclesiastiche in un modo che mini o trascuri l'autorità data da Dio a pastori e anziani.

Quando una qualsiasi delle tre istituzioni supera i limiti della sua giurisdizione, è dovere delle altre istituzioni ridurre tale superamento. Pertanto, quando un funzionario del governo emette ordini che regolano il culto (come divieti di cantare, limitazione del numero dei partecipanti o divieti contro riunioni e servizi), esce dai limiti legittimi della sua autorità ordinata da Dio come funzionario civico e si arroga l'autorità che Dio concede espressamente solo al Signore Gesù Cristo come sovrano sul Suo Regno, che è la chiesa. Il suo governo è mediato dalle chiese locali attraverso quei pastori e anziani che insegnano la Sua Parola ( Matteo 16: 18–19; 2 Timoteo 3: 16–4: 2 ).

Pertanto, in risposta al recente ordine statale che richiede alle chiese in California di limitare o sospendere tutte le riunioni a tempo indeterminato, noi, pastori e anziani della Grace Community Church, informiamo rispettosamente i nostri leader civici che hanno superato la loro legittima giurisdizione e la fedeltà a Cristo proibisce noi dall'osservare le restrizioni che vogliono imporre ai nostri servizi di culto aziendale.

Detto in un altro modo, non è mai stata prerogativa del governo civile ordinare, modificare, vietare o imporre il culto. Quando, come e quanto spesso la chiesa adora non è soggetta a Cesare. Cesare stesso è soggetto a Dio. Gesù affermò questo principio quando disse a Pilato: "Tu non avresti alcun potere su di me se non ti fosse dato dall'alto" (Giovanni 19:11). E poiché Cristo è il capo della chiesa, le questioni ecclesiastiche riguardano il Suo Regno, non quello di Cesare. Gesù fece una netta distinzione tra questi due regni quando disse: "Rendete a Cesare le cose che sono di Cesare, e a Dio le cose che sono di Dio" (Marco 12:17). Nostro Signore stesso ha sempre reso a Cesare ciò che era di Cesare, ma non ha mai offerto a Cesare ciò che appartiene esclusivamente a Dio.

Come pastori e anziani, non possiamo consegnare alle autorità terrene alcun privilegio o potere che appartenga esclusivamente a Cristo come capo della Sua chiesa. I pastori e gli anziani sono quelli a cui Cristo ha dato il dovere e il diritto di esercitare la Sua autorità spirituale nella chiesa (1 Pietro 5: 1–4 ; Ebrei 13: 7 , 17) - e solo la Scrittura definisce come e chi sono servire (1 Corinzi 4: 1–4). Non hanno il dovere di eseguire gli ordini di un governo civile che tenta di regolare il culto o il governo della chiesa. In effetti, i pastori che cedono la loro autorità delegata da Cristo nella chiesa a un governante civile hanno abdicato alla loro responsabilità davanti al loro Signore e hanno violato le sfere di autorità ordinate da Dio tanto quanto il funzionario secolare che impone illegittimamente la sua autorità alla chiesa. La dichiarazione dottrinale della nostra chiesa include questo paragrafo da più di 40 anni:

Insegniamo l'autonomia della chiesa locale, libera da qualsiasi autorità o controllo esterno, con il diritto all'autogoverno e la libertà dall'ingerenza di qualsiasi gerarchia di individui o organizzazioni (Tito 1: 5). Insegniamo che è scritturale che le vere chiese cooperino tra loro per la presentazione e la propagazione della fede. Ogni chiesa locale, tuttavia, attraverso i suoi anziani e la loro interpretazione e applicazione della Scrittura, dovrebbe essere l'unico giudice della misura e del metodo della sua cooperazione. Gli anziani dovrebbero determinare anche tutte le altre questioni riguardanti l'appartenenza, la politica, la disciplina, la benevolenza e il governo (Atti 15: 19–31;  20:28 ; 1 Corinzi 5: 4–7 , 13 ; 1 Pietro 5: 1–4).

In breve, come chiesa, non abbiamo bisogno del permesso dello stato per servire e adorare il nostro Signore come Egli ha comandato. La chiesa è la preziosa sposa di Cristo (2 Corinzi 11: 2 ; Efesini 5: 23–27). Lei appartiene solo a Lui. Esiste per sua volontà e serve sotto la sua autorità. Non tollererà alcun attacco alla sua purezza e nessuna violazione della Sua autorità su di lei. Tutto ciò fu stabilito quando Gesù disse: “sopra questa roccia io edificherò la mia chiesa e le porte dell'inferno non la potranno vincere" (Matteo 16:18).

L'autorità di Cristo è “di gran lunga al di sopra di ogni regola, autorità, potere e dominio, e di ogni nome che viene nominato, non solo in questa epoca ma anche in quella a venire. E [Dio Padre ha] posto tutte le cose sotto i piedi [di Cristo] e Lo ha dato come capo su tutte le cose alla chiesa, che è il Suo corpo, la pienezza di Colui che riempie ogni cosa in ogni cosa" (Efesini 1:21 –23).

Di conseguenza, l'onore che giustamente dobbiamo ai nostri governatori e magistrati terreni (Romani 13:7) non include la conformità quando tali funzionari tentano di sovvertire la sana dottrina, corrompere la moralità biblica, esercitare l'autorità ecclesiastica o soppiantare Cristo come capo della chiesa in qualsiasi altro modo.

L'ordine biblico è chiaro: Cristo è il Signore su Cesare, non viceversa. Cristo, non Cesare, è il capo della chiesa. Al contrario, la chiesa non governa in alcun modo lo stato. Ancora una volta, questi sono regni distinti e Cristo è sovrano su entrambi. Né la chiesa né lo stato hanno un'autorità superiore a quella di Cristo stesso, che dichiarò: "Ogni autorità mi è stata data in cielo e sulla terra" (Matteo 28:18).

Si noti che non stiamo avanzando un argomento costituzionale, anche se il Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti afferma espressamente questo principio nelle sue parole di apertura: "Il Congresso non farà alcuna legge che rispetti un'istituzione di religione, o ne proibisca il libero esercizio". Il diritto a cui ci appelliamo non è stato creato dalla Costituzione. È uno di quei diritti inalienabili concessi esclusivamente da Dio, che ha ordinato il governo umano e stabilisce sia l'estensione che i limiti dell'autorità dello stato (Romani 13: 1-7). La nostra argomentazione quindi non è volutamente fondata sul Primo Emendamento; si basa sugli stessi principi biblici su cui si fonda l'emendamento stesso. L'esercizio della vera religione è un dovere divino affidato a uomini e donne creati a immagine di Dio (Genesi 1: 26–27 ; Atti 4: 18–20 ; 5:29 ; cfr. Matteo 22: 16–22). In altre parole, la libertà di culto è un comando di Dio, non un privilegio concesso dallo Stato.

In questo contesto è necessario sottolineare un ulteriore punto. Cristo è sempre fedele e vero (Apocalisse 19:11). I governi umani non sono così affidabili. La Scrittura dice: "Il mondo intero giace nel potere del maligno" (1 Giovanni 5:19). Questo si riferisce, ovviamente, a Satana. Giovanni 12:31 e 16:11 lo chiamano "il governatore di questo mondo", il che significa che esercita il potere e l'influenza attraverso i sistemi politici di questo mondo (cfr. Luca 4: 6 ; Efesini 2: 2 ; 6:12 ). Gesù disse di lui: "è un bugiardo e il padre della menzogna" (Giovanni 8:44). La storia è piena di dolorosi ricordi che il potere del governo è facilmente e frequentemente abusato per scopi malvagi. I politici possono manipolare le statistiche e i media possono nascondere o camuffare verità scomode. Quindi una chiesa esigente non può obbedire passivamente o automaticamente se il governo ordina la chiusura delle adunanze comunitariei, anche se il motivo addotto è una preoccupazione per la salute e la sicurezza pubblica.

La chiesa per definizione è un'assemblea. Questo è il significato letterale della parola greca per “chiesa” - ekklesia - l'assemblea dei chiamati fuori. Un assieme non assemblato è una contraddizione in termini. Ai cristiani è quindi comandato di non abbandonare la pratica di riunirsi insieme (Ebrei 10:25) e nessuno stato terreno ha il diritto di limitare, delimitare o vietare l'assemblea dei credenti. Abbiamo sempre sostenuto la chiesa sotterranea nelle nazioni in cui il culto cristiano della congregazione è considerato illegale dallo stato.

Quando i funzionari limitano la presenza in chiesa a un certo numero, tentano di imporre una restrizione che in linea di principio rende impossibile ai santi riunirsi come chiesa. Quando i funzionari proibiscono di cantare nei servizi di culto, cercano di imporre una restrizione che in linea di principio rende impossibile al popolo di Dio obbedire ai comandi di Efesini 5:19 e Colossesi 3:16. Quando i funzionari impongono di prendere le distanze, tentano di imporre una restrizione che in linea di principio rende impossibile sperimentare la stretta comunione tra credenti comandata in Romani 16:16, 1 Corinzi 16:20 ,2 Corinti 13:12 e 1 Tessalonicesi 5:26 . In tutte queste sfere, dobbiamo sottometterci al nostro Signore.

Anche se in America potremmo non essere abituati alle intrusioni del governo nella chiesa del nostro Signore Gesù Cristo, questa non è affatto la prima volta nella storia della chiesa che i cristiani hanno avuto a che fare con governanti eccessivi o ostili. È un dato di fatto, la persecuzione della chiesa da parte delle autorità governative è stata la norma, non l'eccezione, nel corso della storia della chiesa. “In verità”, dice la Scrittura, “tutti coloro che desiderano vivere devotamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (2 Timoteo 3:12 ). Storicamente, i due principali persecutori sono sempre stati il governo laico e la falsa religione. La maggior parte dei martiri del cristianesimo sono morti perché si sono rifiutati di obbedire a tali autorità. Dopo tutto, questo è ciò che Cristo ha promesso: "Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi" (Giovanni 15:20). Nell'ultima delle beatitudini, disse: “Beati sarete voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli, poiché così hanno perseguitato i profeti che furono prima di voi” (Matteo 5: 11–12).

Man mano che la politica del governo si allontana dai principi biblici e con l'intensificarsi delle pressioni legali e politiche contro la chiesa, dobbiamo riconoscere che il Signore potrebbe usare queste pressioni come mezzi per purificare per rivelare la vera chiesa. Soccombere a un eccessivo intervento del governo può far sì che le chiese restino chiuse a tempo indeterminato. Come può la vera chiesa di Gesù Cristo distinguersi in un clima così ostile? C'è solo un modo: audace fedeltà al Signore Gesù Cristo.

Anche dove i governi sembrano solidali con la chiesa, i leader cristiani hanno spesso avuto bisogno di respingere i funzionari statali aggressivi. Nella Ginevra di Calvino, ad esempio, a volte i funzionari ecclesiastici avevano bisogno di respingere i tentativi del consiglio comunale di governare aspetti del culto, della politica ecclesiastica e della disciplina della chiesa. La Chiesa d'Inghilterra non si è mai completamente riformata, proprio perché la Corona e il Parlamento britannici si sono sempre intromessi negli affari ecclesiastici. Nel 1662, i puritani furono espulsi dai loro pulpiti perché si rifiutarono di inchinarsi ai mandati del governo riguardanti l'uso del Libro della preghiera comune, l'uso di paramenti e altri aspetti cerimoniali del culto regolato dallo stato. Il monarca britannico afferma ancora di essere il governatore supremo e capo titolare della Chiesa anglicana.

Ma ancora: Cristo è l'unico vero capo della Sua chiesa e intendiamo onorare questa verità vitale in tutte le nostre riunioni. Per questo motivo preminente, non possiamo accettare e non ci inchineremo alle restrizioni intrusive che i funzionari governativi ora vogliono imporre alla nostra congregazione. Offriamo questa risposta senza rancore, e non con cuori combattivi o ribelli (1 Timoteo 2: 1–8 ; 1 Pietro 2: 13-17), ma con la consapevolezza che dobbiamo rispondere al Signore Gesù per il l'amministrazione che ci ha dato come pastori del Suo prezioso gregge.

Ai funzionari governativi diciamo rispettosamente con gli apostoli: "Giudicate voi, se è giusto davanti a Dio ubbidire a voi, piuttosto che a Di" (Atti 4:19). E la nostra risposta senza esitazione a questa domanda è la stessa degli apostoli: "Dobbiamo ubbidire a Dio piuttosto che agli uomini" ( Atti 5:29 ).

La nostra preghiera è che ogni fedele congregazione rimanga con noi in obbedienza al nostro Signore come hanno fatto i cristiani nel corso dei secoli.

Addendum

Gli anziani della Grace Church hanno considerato e acconsentito in modo indipendente all'ordine del governo originale, non perché credessimo che lo stato avesse il diritto di dire alle chiese quando, se o come adorare. Per essere chiari, crediamo che gli ordini originali fossero un'intrusione illegittima dell'autorità statale in questioni ecclesiastiche come crediamo che sia ora. Tuttavia, poiché non avremmo potuto conoscere la vera gravità del virus e poiché ci prendiamo cura delle persone come il nostro Signore, crediamo che proteggere la salute pubblica da gravi contagi sia una funzione legittima dei cristiani e del governo civile. Pertanto, abbiamo seguito volontariamente le raccomandazioni iniziali del nostro governo. Ovviamente è legittimo che i cristiani si astengano temporaneamente dall'assemblea dei santi di fronte a una malattia o a una minaccia imminente per la salute pubblica.

Quando iniziò il devastante blocco, avrebbe dovuto essere una misura tampone a breve termine, con l'obiettivo di "appiattire la curva", il che significa che volevano rallentare il tasso di infezione per garantire che gli ospedali non fossero sopraffatti. E c'erano orribili proiezioni di morte. Alla luce di questi fattori, i nostri pastori hanno sostenuto le misure osservando le linee guida che sono state emanate per le chiese.

Ma non abbiamo ceduto la nostra autorità spirituale al governo secolare. Abbiamo detto fin dall'inizio che la nostra adesione volontaria era soggetta a modifiche se le restrizioni si trascinavano oltre l'obiettivo dichiarato, o i politici si intromettevano indebitamente negli affari della chiesa, o se i funzionari sanitari avessero aggiunto restrizioni che avrebbero tentato di minare la missione della chiesa. Abbiamo preso ogni decisione tenendo presente il nostro fardello di responsabilità. Abbiamo semplicemente colto la prima opportunità per sostenere le preoccupazioni dei funzionari sanitari e accogliere le stesse preoccupazioni tra i membri della nostra chiesa, spinti dal desiderio di agire con abbondanza di cura e ragionevolezza (Filippesi 4: 5 ).

Ma ora ci sono più di venti settimane nelle restrizioni irrisolte. È evidente che quelle proiezioni originali di morte erano sbagliate e il virus non è neanche lontanamente pericoloso come originariamente temuto. Tuttavia, circa il quaranta per cento dell'anno è trascorso con la nostra chiesa sostanzialmente incapace di riunirsi in modo normale. La capacità dei pastori di pascere il gregge è stata gravemente ridotta. L'unità e l'influenza della chiesa sono state minacciate. Le opportunità per i credenti di servirsi e ministrarsi a vicenda sono state perse. E la sofferenza dei cristiani che sono turbati, timorosi, angosciati, infermi o in altro modo che hanno urgente bisogno di amicizia e incoraggiamento è stata amplificata al di là di qualsiasi cosa che possa essere ragionevolmente considerata giusta o necessaria. I principali eventi pubblici previsti per il 2021 sono già stati cancellati, segnalando che i funzionari si stanno preparando a mantenere le restrizioni in vigore fino al prossimo anno e oltre. Ciò costringe le chiese a scegliere tra il chiaro comando di nostro Signore e gli ufficiali del governo. Pertanto, seguendo l'autorità del nostro Signore Gesù Cristo, scegliamo volentieri di obbedirGli.

https://www.gracechurch.org/news/posts/1988