Istruzioni e dichiarazioni/Dichiarazione di Danvers

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


La dichiarazione di Danvers

La Dichiarazione Danvers sintetizza la necessità del Council on Biblical Manhood and Womanhood (CBMW) e funge da panoramica delle nostre convinzioni fondamentali. Questa dichiarazione è stata preparata da diversi leader evangelici in una riunione della CBMW a Danvers, nel Massachusetts, nel dicembre del 1987. È stata pubblicata per la prima volta in forma definitiva dalla CBMW a Wheaton, Illinois, nel novembre del 1988.

Presupposti

Siamo stati sospinti nel nostro scopo dai seguenti sviluppi contemporanei che osserviamo con profonda preoccupazione:

  1. La diffusa incertezza e confusione nella nostra cultura riguardo alle differenze complementari tra mascolinità e femminilità;
  2. i tragici effetti di questa confusione nel svelare il tessuto del matrimonio tessuto da Dio a partire dai meravigliosi e diversi filoni della virilità e della femminilità;
  3. la crescente promozione data all'egualitarismo femminista con le distorsioni o l'abbandono di accompagnamento della felice armonia rappresentata nelle Scritture tra la guida amorevole e umile dei mariti redenti e il supporto intelligente e volontario di quella leadership da parte delle mogli redenti;
  4. la diffusa ambivalenza riguardo ai valori della maternità, della professione domestica e ai numerosi ministeri storicamente svolti dalle donne;
  5. le crescenti rivendicazioni di legittimità per le relazioni sessuali che sono state biblicamente e storicamente considerate illecite o perverse e l'aumento della rappresentazione pornografica della sessualità umana;
  6. l'impennata assunta di abusi fisici ed emotivi in famiglia;
  7. l'emergere di ruoli per uomini e donne nella direzione della chiesa che non si conformano all'insegnamento biblico ma si ritorcono contro lo paralizzante della testimonianza biblica fedele;
  8. la crescente prevalenza e accettazione delle stranezze ermeneutiche ideate per reinterpretare significati apparentemente semplici dei testi biblici;
  9. la conseguente minaccia all'autorità biblica in quanto la chiarezza della Scrittura è messa a repentaglio e l'accessibilità del suo significato alla gente comune è ritirata nel regno ristretto dell'ingegno tecnico;
  10. e dietro tutto ciò l'apparente accomodamento di alcuni all'interno della chiesa allo spirito del tempo a scapito di un'autenticità biblica radicale e seducente che in forza dello Spirito Santo può riformare piuttosto che riflettere la nostra cultura sofferente.

 Finalità 

  1. Riconoscendo la nostra costante peccaminosità e fallibilità, e riconoscendo la vera posizione evangelica di molti che non sono d'accordo con tutte le nostre convinzioni, tuttavia, mossi dalle osservazioni precedenti e dalla speranza che la nobile visione biblica della complementarietà sessuale possa ancora conquistare la mente e cuore della chiesa di Cristo, ci impegniamo a perseguire i seguenti scopi:
  2. Studiare e presentare la visione biblica della relazione tra uomini e donne, specialmente in casa e in chiesa.
  3. Promuovere la pubblicazione di materiali accademici e popolari che rappresentano questo punto di vista.
  4. Incoraggiare la fiducia dei laici a studiare e comprendere autonomamente l'insegnamento delle Scritture, in particolare sul tema delle relazioni tra uomini e donne.
  5. Incoraggiare l'applicazione ponderata e sensibile di questa visione biblica nelle sfere appropriate della vita.

E con ciò: 

—Per portare guarigione alle persone e alle relazioni ferite da una inadeguata comprensione della volontà di Dio riguardo all'essere umano e alla donna,

—Per aiutare sia uomini che donne a realizzare il loro pieno potenziale ministeriale attraverso una vera comprensione e pratica dei loro ruoli affidati da Dio,

—E promuovere la diffusione del Vangelo tra tutti i popoli promuovendo una completezza biblica nelle relazioni che attireranno un mondo fratturato.

Affermazioni

Sulla base della nostra comprensione degli insegnamenti biblici, affermiamo quanto segue:

  1. Sia Adamo che Eva furono creati a immagine di Dio, somiglianti a Dio come persone e distinti nella loro virilità e femminilità ( Gen 1: 26-27 , 2:18 ).
  2. Le distinzioni nei ruoli maschili e femminili sono ordinate da Dio come parte dell'ordine creato e dovrebbero trovare un'eco in ogni cuore umano ( Gen 2:18, 21-24 ; 1 Cor 11: 7-9 ; 1 Tim 2: 12- 14 ).
  3. La direzione di Adamo nel matrimonio fu stabilita da Dio prima della caduta e non fu il risultato del peccato ( Gen 2: 16-18 , 21-24 , 3: 1-13 ; 1 Cor 11: 7-9 ).
  4. La caduta ha introdotto distorsioni nelle relazioni tra uomini e donne ( Gen 3: 1-7 , 12 , 16 ).
    1. A casa, l'umile e amorevole autorità del marito tende a essere sostituita dal dominio o dalla passività; la sottomissione intelligente e volenterosa della moglie tende a essere sostituita da usurpazione o servilismo.
    2. Nella chiesa, il peccato inclina gli uomini verso un amore mondano per il potere o un'abdicazione della responsabilità spirituale, e inclina le donne a resistere alle limitazioni dei loro ruoli o a trascurare l'uso dei loro doni nei ministeri appropriati.
  5. L'Antico Testamento, così come il Nuovo Testamento, manifesta il valore e la dignità ugualmente elevati che Dio attribuiva ai ruoli di uomini e donne ( Gen 1: 26-27 , 2:18 ; Gal 3:28 ). Sia l'Antico che il Nuovo Testamento affermano anche il principio della direzione maschile nella famiglia e nella comunità dell'alleanza ( Gen 2:18 ; Ef 5: 21-33 ; Col 3: 18-19 ; 1 Tim 2: 11-15 ).
  6. La redenzione in Cristo mira a rimuovere le distorsioni introdotte dalla maledizione.
  7. Nella famiglia, i mariti dovrebbero abbandonare la leadership aspra o egoista e crescere nell'amore e nella cura delle loro mogli; le mogli dovrebbero abbandonare la resistenza all'autorità dei loro mariti e crescere nella sottomissione volontaria e gioiosa alla leadership dei loro mariti ( Ef 5: 21-33 ; Col 3: 18-19 ; Tit 2: 3-5 ; 1 Pet 3: 1-7 ).
  8. Nella chiesa, la redenzione in Cristo dà a uomini e donne una pari partecipazione alle benedizioni della salvezza; tuttavia, alcuni ruoli di governo e insegnamento all'interno della chiesa sono riservati agli uomini ( Gal 3:28 ; 1 Cor 11: 2-16 ; 1 Tim 2: 11-15 ).
  9. In tutta la vita Cristo è l'autorità suprema e la guida per uomini e donne, in modo che nessuna sottomissione terrena - domestica, religiosa o civile - implichi mai un mandato per seguire un'autorità umana nel peccato ( Dan 3: 10-18 ; Atti 4 : 19-20 , 5: 27-29 ; 1 animale domestico 3: 1-2 ).
  10. Sia negli uomini che nelle donne un sincero senso di chiamata al ministero non dovrebbe mai essere usato per mettere da parte i criteri biblici per particolari ministeri ( 1 Tim 2: 11-15 , 3: 1-13 ; Tit 1: 5-9 ). Piuttosto, l'insegnamento biblico dovrebbe rimanere l'autorità per testare il nostro discernimento soggettivo della volontà di Dio.
  11. Con metà della popolazione mondiale fuori dalla portata dell'evangelizzazione indigena; con innumerevoli altre persone perse in quelle società che hanno ascoltato il Vangelo; con lo stress e le miserie della malattia, della malnutrizione, dei senzatetto, dell'analfabetismo, dell'ignoranza, dell'invecchiamento, della dipendenza, del crimine, della detenzione, delle nevrosi e della solitudine, nessun uomo o donna che sente la passione di Dio di far conoscere la sua grazia in parole e azioni non ha mai bisogno vivere senza un ministero appagante per la gloria di Cristo e il bene di questo mondo decaduto ( 1 Cor 12: 7-21 ).

Siamo convinti che la negazione o l'abbandono di questi principi porterà a conseguenze sempre più distruttive per le nostre famiglie, le nostre chiese e la cultura in generale.

https://cbmw.org/about/danvers-statement/