L'economia nella visione cristiana del mondo e della vita

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


L'economia nella visione cristiana del mondo e della vita

PREFAZIONE

Che cos'è l'economia?

Oggi centinaia di milioni di persone soffrono la fame, la fame e la malnutrizione. Poiché molti sono senzatetto, non sono protetti dalle forze crude della natura e vivono in condizioni antigieniche. L'unica risposta appropriata per il cristiano è gridare con un cuore compassionevole: "Oh Signore, come possiamo aiutare? Cosa possiamo fare per nutrire gli affamati, vestire i nudi e proteggere i vulnerabili? Questo articolo si concentra su un aspetto della risposta di Dio a quella preghiera rivelata nella Scrittura: l'economia.

L'economia è lo studio dei principi e dei metodi di allocazione delle risorse scarse per raggiungere la produzione, la distribuzione e il consumo ottimali della ricchezza. Il suo scopo principale è scoprire e perfezionare mezzi giusti e amorevoli per creare, distribuire e consumare ricchezza per superare la povertà e aumentare la prosperità materiale e spirituale dell'essere umano. Sono necessarie una corretta comprensione e applicazione dei principi economici se vogliamo offrire il miglior aiuto possibile agli affamati, ai nudi e ai vulnerabili. Pertanto, una corretta comprensione e applicazione dei principi economici sono elementi essenziali della vera compassione.

Una concezione dell'economia, per essere chiamata "cristiana", deve offrire una descrizione dell'essere umano e della società basata sulla verità biblica, deve identificare e descrivere verità scritturali che spieghino le condizioni attuali, e deve offrire principi operativi e normativi per il raggiungimento della più giusta sistema e comportamento individuale possibile nel nostro mondo decaduto. Non è funzione dell'economia biblica descrivere le tattiche di attuazione di politiche o programmi, ma di offrire principi e verità che, quando attuati come politiche, programmi e comportamenti individuali, conformino la condotta economica e la condizione degli esseri umani e della società alle norme del Scrittura.

Di primaria importanza in tale impresa sono due considerazioni prioritarie: 1) l'amministrazione data all'essere umano, che dal linguaggio degli antichi intendiamo come " governo della casa" — la forma stessa della parola ( oikonomos ), "legge della casa", rivelando un legame linguistico con quella che oggi chiamiamo "economia"; e 2) la caduta dell'essere umano, che provocò la perversione dell'amministrazione dell'essere umano e pose le basi per l'abuso dei talenti e l'abbandono delle responsabilità. L'economia biblica fornisce una carta delle responsabilità date da Dio temperate da avvertimenti periodici contro il peccato e chiama gli esseri umani a onorare Dio nelle attività economiche. In un mondo pieno di peccati, l'economia, come tutte le altre sfere della vita, non può essere perfetta. A causa della Caduta, tutti i principi e le verità dell'economia biblica, e tutte le varie forme di ricchezza, vengono abusate dagli esseri umani decaduti. L'economia rivela quindi la natura vile dell'essere umano, i suoi avidi sforzi per il potere e la ricchezza, e persino le fuggevoli delusioni di indipendenza da Dio. Il comportamento economico di una persona rivela il suo cuore. L'economia moderna come scienza ha perso l'etica di un'economia più antica radicata nella tradizione spirituale dell'umanità. Ma l'economia come disciplina e le economie come strutture sociali non possono funzionare eticamente senza essere radicate nella realtà spirituale. Così come cristiani sfidiamo coloro che cercano un sistema normativo attraverso il quale portare prospettiva ai dati grezzi dell'economia meccanica a considerare l'etica cristiana come quel sistema. E estendiamo a tutti - sia sul piano politico / economica Sinistra, Destra o Centro - un invito a discutere pacificamente le implicazioni economiche della visione del mondo cristiano. I principi dell'economia rivelati nella Scrittura e riportati in breve di seguito forniscono il fondamento spirituale ed etico per l'economia che è giusta ed è più adatta ad aumentare la gioia umana e glorificare Dio.

La situazione attuale

Oggi siamo profondamente divisi dalle ideologie economiche di sinistra e destra, del capitalismo, del socialismo, dell'interventismo, della teologia della liberazione e del comunismo. L'effetto è una cittadinanza sconcertata e confusa, indebolita nella sua capacità di rispondere con saggezza alla miriade di scelte che deve affrontare.

Gli aderenti a ideologie e obiettivi in ​​competizione spingono la struttura economica della società americana in direzioni opposte. L'attuale sistema di welfare favorisce il disfacimento delle famiglie dando maggiori pagamenti alle madri senza marito, incoraggiando così i mariti ad abbandonare moglie e figli. Le strutture e le politiche fiscali sono strumenti degli ingegneri sociali utilizzati per creare quella che credono sia una società "giusta", ma, a causa delle ideologie contrastanti che contribuiscono alle politiche, le strutture diventano confuse e confuse. Le persone non sono d'accordo solo su politiche specifiche, ma anche su questioni fondamentali come la natura della giustizia, le funzioni legittime del governo civile (soprattutto relative all'economia) e la natura dei diritti e dei doveri.

Il risultato di tutta questa confusione e conflitto è un'economia paralizzata. La disoccupazione, sebbene in calo negli ultimi anni, resta elevata. I deficit federali, che privano i posteri della sua eredità, salgono a livelli astronomici. I regolamenti governativi ostacolano rapporti economici liberi ed efficienti tra individui e gruppi. I gruppi di interesse concorrenti chiedono a gran voce una protezione speciale contro i loro concorrenti in patria e all'estero. I consumatori, di conseguenza, pagano prezzi più alti per beni e servizi, una situazione dannosa per tutti, ma soprattutto per chi ha un reddito basso.

Invidia, gelosia e risentimento generano frode, furto e violenza mentre le persone perseguono ogni mezzo per aumentare o aggrapparsi alla propria ricchezza, anche a spese degli altri. Abbondano gli appelli per l'abolizione o la restrizione della proprietà privata e per la condivisione e la redistribuzione forzata della ricchezza, ignari dei legami integrali tra vita, libertà e proprietà. Tutti questi atteggiamenti e azioni esaltano la ricchezza come se fosse Dio, e quindi equivalgono a ciò che l'apostolo Paolo condanna come avidità, che equivale a idolatria (Colossesi 3:5).

Gli stessi cristiani sono profondamente divisi su questi problemi. Siamo spinti in direzioni opposte (e ugualmente pericolose) dal "socialismo cristiano", che pretende di essere l'unica risposta compassionevole alla povertà, e dal "vangelo del successo", che battezza l'amore per il denaro, "che è la radice di ogni sorta di mali e allontana alcuni dalla fede» (1 Timoteo 6:10). Alcuni condannano il ricco solo perché è ricco, mentre altri «che vogliono arricchirsi cadono in tentazione, nel laccio e in molti desideri stolti e nocivi, che fanno precipitare molti esseri umani nella rovina e nella perdizione» (1 Timoteo 6:9).

Solo il riesame dei principi biblici fondamentali può ripristinare un ampio consenso tra i credenti che si posizionano in ogni parte dello spettro politico ed economico. Alla luce di queste difficoltà, offriamo umilmente alla Chiesa e al mondo le seguenti dichiarazioni di affermazione e di diniego, sperando che possano chiarire il pensiero e l'azione affinché sia ​​superata la povertà, sia servito il bene dell'essere umano, e Dio possa essere glorificato.

Dichiarazioni di affermazione e negazione

Primi principi di economia biblica

1. Affermiamo che Dio ha creato liberamente tutte le cose e quindi ha il diritto e il potere di governare tutte le cose, spirituali e fisiche, e che Egli è il Proprietario ultimo di tutte le cose; che la sovranità di Dio esalta chi vuole e abbassa chi vuole; che tutti gli esseri umani devono rendere conto a Dio in tutte le loro attività; che Dio, attraverso la creazione e il decreto, è l'unico Autore di molti tipi di ricchezza spirituale e materiale, in particolare l'esistenza individuale e collettiva, l'esistenza di materie prime e l'operazione delle leggi morali e fisiche che governano la legge fisica che governa le leggi fisiche che governano l'universo fisico e spirituale; e che Dio li dispone sovranamente alle Sue creature come vuole (Salmo 24:1,2; Giovanni 1:1-3). Neghiamo che Satana, gli angeli o l'umanità possiedono qualsiasi autorità, potere o proprietà su qualsiasi aspetto della creazione a parte la delega di Dio di autorità limitata; che gli esseri umani sono irresponsabili a Dio nelle loro attività economiche; e che tutti gli esseri umani hanno diritto a parti uguali di quelle forme di ricchezza di cui Dio è l'unico Autore.

2. Affermiamo che Dio è Verità ed è la Fonte di ogni verità, e che la Bibbia è l'unico canale infallibile e infallibile attraverso il quale Dio comunica la verità — sia teorica che pratica — all'essere umano; che nella Bibbia Dio ha comunicato tutte le verità necessarie alla vita e alla pietà, compresi i principi fondamentali che governano ogni aspetto della vita umana; e che un sistema economico vero, coerente, giusto e adeguato deve essere costruito sulla base dei principi biblici (Ebrei 4:12; Salmo 119:142; Romani 1:20; 2 Timoteo 3:16,17). Neghiamo che la Bibbia sbagli in tutto ciò che insegna; che sia inadeguata ai bisogni dell'essere umano per la vita e la pietà; e che un sistema economico vero, coerente, giusto e adeguato possa essere costruito senza sottomettersi alle esigenze autorevoli e moralmente vincolanti della Bibbia.

3. Affermiamo che l'essere umano è creato a immagine di Dio (Genesi 1:26); che tutti gli esseri umani sono investiti da Dio di eguale valore agli occhi di Colui che non fa differenza tra le persone (Romani 2:11); che l'essere umano è sia spirituale che fisico (Genesi 2:7); che è capace di scelta morale e quindi è moralmente responsabile (Genesi 3:22); che tutti gli esseri umani sono peccatori per natura a causa della caduta di Adamo (Romani 5:12-19); e che ogni individuo è unico nel corpo, nel temperamento (Salmo 139), nel carattere (Proverbi, passim) e nei doni spirituali (1 Corinzi 12,14; Efesini 4:11,12). neghiamo che l'uguaglianza morale di tutti gli esseri umani davanti a Dio implica che siano ugualmente dotati in capacità spirituale, intellettuale e fisica; che gli esseri umani sono capaci di perfezione morale in questa vita; e che la propria vocazione (chiamata) può essere scoperta propriamente senza comprenderne l'unicità.

4. Affermiamo che tutti i rapporti economici devono essere governati dalla giustizia; che giustizia significa rendere a ciascuno imparzialmente ciò che gli è dovuto secondo un giusto criterio; che ciò che è dovuto a ciascuno si basa sulla sua condotta rispetto ai comandamenti della Scrittura e sul suo servizio agli altri; e che i requisiti primari della giustizia sono rivelati nei Dieci Comandamenti e nelle leggi morali, civili e giudiziarie in tutta la Scrittura che espandono e applicano il Decalogo (Levitico 19:15; Atti 10:34; Matteo 25:14-29; Romani 3:31; 13:7). neghiamo che a tutti gli esseri umani è dovuto lo stesso salario per il loro lavoro, indipendentemente dalla loro condotta o funzione (1 Timoteo 5:9,10); che si può giustamente chiedere a tutti gli esseri umani di pensare o agire in modo identico; che giustizia significa uguaglianza di condizione tra gli esseri umani; che la giustizia permette sempre una violazione di uno qualsiasi dei Dieci Comandamenti; e che la giustizia può essere massimizzata in qualsiasi società che ignori i principi morali della Bibbia.

5. Affermiamo che l'amore è adempiere la legge di Dio in relazione agli altri (Romani 13:10); che richiede sempre l'obbedienza ai Dieci Comandamenti (Romani 13:8-10); che amare il prossimo è il modo migliore per prevenire l'ingiustizia; e che implica sia la disciplina di sé e degli altri, sia la donazione volontaria in sacrificio di sé e dei propri beni a beneficio degli altri (Giovanni 3:16; 1 Giovanni 3:16; Galati 2:20). Neghiamo che l'amore permetta mai una violazione dei Dieci Comandamenti (1 Corinzi 13:6; Romani 13:8-10); che l'amore può essere forzato; e che i sacrifici fatti solo per coercizione, senza intenti caritatevoli, dimostrano amore (2 Corinzi 8:12; 9:7).

Ricchezza e povertà

6. Affermiamo che la Bibbia fa riferimento a tre categorie economiche di persone: i "ricchi" (plousios) che sono in grado di sostenere la loro vita interamente sulla base dei loro investimenti in beni capitali e opere altrui; i "poveri" (ptochos) o "mancanti" (endees - At 4,34, unica occorrenza della parola nel NT), a cui mancano i beni materiali necessari al sostentamento della vita (cibo, vestiario e qualunque riparo sia necessario per proteggere dagli elementi — 1 Timoteo 6:8; Proverbi 30:8,9) indipendenti dai doni caritatevoli, e che mancano anche dei mezzi per produrre quei beni per se stessi (i ptochos sono spesso anche i deboli o i deboli [ astene]; e tutti quelli in mezzo, che devono lavorare per mantenersi ( penes ). Neghiamo che coloro che possiedono i mezzi del proprio sostentamento e la libertà di usarli siano "poveri" in senso biblico; che i ricchi materialmente sono condannati nella Scrittura semplicemente perché sono ricchi; e che coloro che devono lavorare per mantenersi sono materialmente "ricchi" nel senso biblico.

7. Affermiamoche la ricchezza è materiale e immateriale; che l'economia cristiana deve affrontare entrambi i tipi di ricchezza; che la ricchezza immateriale include (ma non è limitata a) vita, libertà, intelletto, idee (in particolare la comprensione della Legge morale di Dio), emozioni, volontà, tempo, relazioni personali e buona volontà; che la ricchezza materiale include (ma non è limitata a) materie prime, lavoro e materiali fabbricati, che i vari tipi di ricchezza sono valutati in modo diverso nella Bibbia e dovrebbero essere valutati in modo diverso dagli esseri umani secondo le loro personalità e bisogni unici; che il più alto tipo di ricchezza è una giusta relazione con Dio; e che le ricchezze materiali e immateriali sono benedizioni di Dio legate ai Suoi propositi e al grado della nostra obbedienza a Lui (Deuteronomio 8, 28; Ebrei 11 indica che ci sono eccezioni). neghiamoche la ricchezza è solo materiale; che la ricchezza materiale o immateriale deve essere perseguita a scapito di un giusto rapporto con Dio; che tutte le valutazioni umane della ricchezza sono ugualmente coerenti con le valutazioni di Dio; e che la pietà dovrebbe essere perseguita a scopo di guadagno materiale (1 Timoteo 6:3-6).

8. Affermiamo che la ricchezza materiale e immateriale consiste nei beni economici, che risultano dalla combinazione delle risorse naturali con il lavoro fisico e la creatività mentale; che i beni economici possono includere beni materiali, servizi e idee; che questi beni economici hanno valore solo nella misura in cui soddisfano i bisogni umani; e che il loro valore cambia di volta in volta al variare dei bisogni umani e dell'offerta di beni. neghiamoche la quantità di beni economici è sempre fissa nel tempo; che la quantità di risorse naturali a disposizione di un individuo o di un gruppo determina o limita la sua ricchezza; che la creazione di ricchezza da parte di un individuo o di un gruppo avviene a spese di altri; che una forma di bene economico è sempre superiore a qualsiasi altra; e che il valore dei beni economici è sempre permanente.

9. Affermiamo che nel produrre beni economici l'essere umano agisce individualmente e di concerto con gli altri ad imitazione e obbedienza a Dio; che la ricchezza è costituita da beni economici creati dal lavoro e trattenuti rinviando il consumo ("parsimonia") e soddisfacendo i bisogni attuali degli altri; che il lavoro è reso più efficiente e produttivo dall'uso prudente di tali elementi di capitale come idee, strumenti, macchine, edifici e trasporti, che consentono agli esseri umani di aumentare il volume e diminuire il costo di produzione; e quel lavoro è più produttivo se pianificato ed eseguito coerentemente con la visione biblica del mondo, che riflette accuratamente i principi morali e fisici di Dio. neghiamoquel lavoro è una maledizione; che tutti gli esseri umani esercitino diligenza e creatività con uguale perseveranza o efficacia; che i prudenti sono sempre in grado di raggiungere i loro obiettivi o gli stessi risultati dal loro lavoro poiché le condizioni naturali e altre forze possono portare a risultati diversi da sforzi simili a causa di valori diversi in tempi o luoghi diversi; che le visioni del mondo sono irrilevanti per la produzione di ricchezza; quel lavoro eseguito coerentemente con la visione biblica del mondo; e che le differenze economiche tra gli esseri umani risultanti dalle differenti visioni del mondo o dalle differenti produttività e risorse di individui o gruppi sono ingiuste.

10. Affermiamo che la prosperità deriva dall'uso prudente della terra, del lavoro, dell'intelletto, dei doni e delle risorse da parte dell'essere umano coerente con i principi economici biblici del lavoro, della parsimonia e del provvedere alla famiglia, alla chiesa, ai vicini e alla società; e che non c'è vero godimento del lavoro senza Dio (Proverbi 10:15; Salmo 1; Ecclesiaste 2:24,25). Neghiamo che qualsiasi individuo o nazione che opera in modo incoerente con i principi biblici alla fine prospererà, sebbene in questo mondo pieno di peccati la povertà materiale e la ricchezza non possano essere sempre identificate con una relazione ingiusta o giusta con Dio (Matteo 5:45); e che la sicurezza possa essere trovata nei beni materiali invece che in Dio (1 Timoteo 6:17).

11. Affermiamo che la povertà spirituale è mancanza di un giusto rapporto con Dio, di conoscenza delle norme morali di Dio, e di conoscenza e obbedienza alle norme morali di Dio; che la povertà spirituale e materiale sono ordinariamente connesse causalmente; e che la povertà materiale è la mancanza di quei beni materiali necessari per sostenere la vita indipendentemente dai doni caritatevoli degli altri (Giacomo 4:2,3; Deuteronomio 28:15 ss). Neghiamo che la povertà materiale debba essere definita relativamente, cioè su scale basate sulle proporzioni della ricchezza totale detenuta dagli individui in una società, e che possano essere chiamati materialmente "poveri" nel senso biblico coloro che possiedono ciò che è necessario per sostenere vita (cibo, vestiti e riparo) indipendente dai doni caritatevoli.

12. Affermiamo che la causa prima di ogni povertà — spirituale e materiale — è la caduta dell'essere umano; che la povertà materiale e spirituale possa essere prodotta e sostenuta dal peccato umano, dall'oppressione e dal giudizio divino sul peccato; che, storicamente, la povertà è dunque la condizione ordinaria dell'umanità decaduta; che la povertà causata e perpetuata dall'oppressione è ingiusta; che quanto meno una visione del mondo è coerente con la visione del mondo cristiana, tanto più è probabile che si perpetui la povertà di coloro che ci credono; che la povertà causata dal proprio peccato è giusta; e che la Bibbia e le osservazioni confermano che la maggior parte della povertà è dovuta alla disobbedienza alle leggi di Dio da parte degli individui e delle loro società (Deuteronomio 8:18;28; Proverbi 24:30-34; 6:6-11; Romani 1:18-31; Matteo 21:33-45; Giobbe 1:21). neghiamo che la povertà possa essere propriamente intesa senza riferimento alla caduta dell'essere umano; che gli esseri umani hanno diritto alla ricchezza solo per la loro esistenza; che le cause della povertà individuale o sociale possano essere adeguatamente diagnosticate, o le cure adeguatamente prescritte, senza riferimento alle visioni religiose del mondo; che tutta la povertà è il risultato dell'oppressione; e che la povertà causata o perpetuata dall'ingiustizia dovrebbe essere sanata da una nuova ingiustizia.

13. Affermiamo che gli esseri umani dovrebbero vivere secondo i propri mezzi e non contrarre debiti, che li appesantiscono con i desideri del mondo e il suo amore per i beni materiali e il denaro moltiplicati; che la povertà spesso deriva dall'irresponsabilità finanziaria manifestata nel contrarre debiti inutili; che l'interesse sui prestiti per sostenere i poveri è proibito dalla Scrittura; che gli interessi su tutti gli altri prestiti dovrebbero riflettere il valore del denaro nel mercato dei prestiti determinato dalla domanda e dall'offerta; e che la Bibbia mette in guardia così fortemente dall'indebitarsi da chiamare il mutuatario schiavo del prestatore (Proverbi 22:7; Romani 13:8). neghiamoche ogni debito è proibito dalla Scrittura; che il debito è un mezzo prudente e saggio per soddisfare i bisogni; e che gli alti tassi di interesse, quando riflettono l'offerta e la domanda di moneta sul mercato, il rischio del creditore, o l'inflazione, sono usurai.

14. Affermiamo che la nascita di nuove persone deve essere accolta con gioia e grazie perché portano l'immagine di Dio e hanno la capacità di arricchire gli altri sia spiritualmente che materialmente; che non esiste una relazione causale coerente tra densità di popolazione o tasso di crescita e benessere economico; e che l'idea della "sovrappopolazione" planetaria è un mito, sebbene il sovraffollamento locale metta a dura prova i limiti di alcune economie locali (Salmo 127:3-5; Giovanni 16:21; Genesi 1:26ss). neghiamo che gli alti tassi di natalità indeboliscono necessariamente l'economia; che la quantità di ricchezza materiale nel mondo è statica; che l'aumento della popolazione richiede divisioni minori della ricchezza mondiale; che la crescita della popolazione dovrebbe essere rallentata o fermata; che l'immigrazione, fintanto che il mercato di beni e servizi rimane libero, è dannosa per l'economia o per i cittadini della comunità ospitante; e che la capacità di Dio di provvedere alla popolazione potrà mai essere soddisfatta o superata.

Lavoro

15. Affermiamo che il vero lavoro è il dispendio produttivo di energia — mentale o fisica — destinato a produrre risultati benefici; che perché Dio è Operaio e l'essere umano è creato a Sua immagine, essere umano in lavoratore per natura, vocazione e comandamento; quell'opera esprime l'immagine di Dio nell'essere umano; che gli effetti della Caduta spesso frustrano le intenzioni dell'essere umano nel lavoro; e quella vera opera è dignitosa grazie all'esempio di Dio (Genesi 1-3; Esodo 20:9; Proverbi 31). neghiamo che il vero lavoro è il semplice dispendio di energia senza l'intento di produrre risultati benefici; che qualsiasi lavoro onesto non è dignitoso (Proverbi 14:23; Salmo 62:12); quel lavoro è una maledizione; che il lavoro svolto a malincuore onora Dio (Efesini 6:5,6; Colossesi 3:23); e che gli esseri umani oi governi dovrebbero ostacolare le opportunità per gli esseri umani di lavorare per sostenere se stessi e le loro famiglie.

16. Affermiamo che le differenze intrinseche negli esseri umani si traducono in differenze di pensiero e comportamento; che Dio li chiama a occupazioni diverse; che differiscono per capacità produttive e attitudini; che tutti coloro che possono hanno il dovere di lavorare (Esodo 20:9; 2 Tessalonicesi 3:10); che la beneficenza è una forma di lavoro; che le diverse condizioni economiche risultanti da caratteri, pensieri e comportamenti unici sono giuste; e che le nazioni e le città possiedono capacità e vantaggi unici proprio come gli individui (Galati 1:10; Proverbi, passim; 1 Timoteo 6:5-10; Tito 3:1). neghiamo che le diverse ricompense economiche per le diverse chiamate sono ingiuste; che minori ricompense economiche per qualsiasi vocazione implicano una minore dignità e valore dell'individuo davanti a Dio; che chiunque ha diritto a un lavoro particolare a meno che lui e il datore di lavoro non abbiano stipulato un libero accordo in merito a quel lavoro; e che è giusto livellare coercitivamente la condizione economica della società risultante dall'unicità degli esseri umani.

17. Affermiamo che Dio ha creato esseri umani e società con capacità, interessi e chiamate unici; ne seguì quindi una divisione del lavoro vantaggiosa per l'umanità (Romani 12:6,7; 1 Corinzi 4:7; 12:12 ss). Neghiamo che questa divisione del lavoro sia ingiusta.

18. Affermiamo che il dono unico di Dio prepara alcuni individui ad organizzare e dirigere il lavoro degli altri meglio di altri; che questa differenza nell'equipaggiamento è vantaggiosa per l'umanità ed è un esempio speciale della divisione del lavoro; che datori di lavoro e dipendenti, dirigenti e operai, hanno bisogno l'uno dell'altro per accrescere le proprie capacità produttive; che la competizione dei datori di lavoro per i dipendenti e dei dipendenti per i posti di lavoro contribuisce a una produttività efficiente, al miglioramento delle condizioni di lavoro ea un felice rapporto tra salario e lavoro; che gli scambi volontari tra datori di lavoro e dipendenti sono moralmente validi quando rientrano nei limiti stabiliti dalla legge morale di Dio; e che i datori di lavoro e  dipendenti entrino giustamente in scambi tra loro aspettandosi vantaggi netti per se stessi. Neghiamo che vi sia un conflitto di interessi intrinseco tra datori di lavoro e dirigenti da un lato, e dipendenti dall'altro; che i governi civili o chiunque altro dovrebbero erigere barriere che inibiscono la concorrenza tra datori di lavoro e dipendenti oltre a proibire frodi, furti e violenze e punire coloro che li commettono; che è necessariamente avido o ingiusto desiderare profitto dalle transazioni; e che lo sfruttamento è coinvolto in tali transazioni libere a meno che una parte non richieda atti immorali dall'altra come uno dei termini di scambio (ad esempio, favori sessuali, frode, violenza, furto, ecc.).

19. Affermiamo che in un sistema economico di libero mercato e competitivo, c'è più cooperazione che concorrenza per ottenere fini economici; che la concorrenza distruttiva deriva principalmente dall'interferenza nell'economia di mercato da parte del governo civile, che induce interessi particolari a tentare di utilizzare il potere coercitivo del governo civile a proprio vantaggio a spese di altri; e che la concorrenza generata dal libero mercato è una competizione per soddisfare le richieste delle persone. neghiamo che la concorrenza generata dal libero mercato sia eticamente sbagliata; che il governo civile dovrebbe limitare tale concorrenza; e che il governo civile possa interferire nel libero mercato senza contrapporre classe contro classe, gruppo contro gruppo, interesse speciale contro interesse speciale, danneggiando così la cooperazione inerente al funzionamento del libero mercato.

20. Affermiamo che quando la Bibbia condanna i ricchi per aver trattenuto il salario (Giacomo 5:4; Levitico 19:13) condanna il fatto che godono dei benefici del lavoro di un altro mentre ritardano il pagamento; che l'accordo tra datori di lavoro e dipendenti dovrebbe essere aperto, onesto e volontario, ma moralmente vincolante una volta stipulato poiché entrambe le parti sono vincolate allo standard del dire la verità e entrano in tali transazioni aspettandosi benefici netti (Levitico 19:13); e che è moralmente coerente con gli standard biblici di giustizia che un datore di lavoro sia più generoso con alcuni dipendenti che con altri, purché rispetti i suoi accordi con loro (Matteo 20:1-16). neghiamo che la condanna da parte di Dio dei ricchi per la trattenuta del salario si riferisce a salari estremamente bassi accettati volontariamente a causa della scarsa capacità, della scarsità di posti di lavoro o della necessità di lavorare (Matteo 20:1-16); che Dio condanna chiunque semplicemente per il possesso di ricchezze materiali; che i dipendenti sono sfruttati nelle transazioni quando hanno accettato volontariamente di svolgere un determinato lavoro per un determinato salario e sono pagati prontamente, a meno che il datore di lavoro non richieda atti immorali come parte dei termini dello scambio; e che è giusto tentare di guadagnare ricchezza a spese degli altri, in particolare dei poveri che spesso sono indifesi.

21. Affermiamo che i diversi desideri, bisogni, capacità e comportamenti delle persone portano a produrre in modo diverso e quindi a meritare ricompense diverse. Neghiamo che ricompense diverse per lavoro diverso siano ingiuste.

Proprietà

22. Affermiamo che la proprietà della proprietà (materiale, intellettuale, ecc.) è una giusta ricompensa per il lavoro (Luca 10:7; Deuteronomio 8:18); che la legittima proprietà deriva anche dal ricevimento di eredità o doni (Genesi 31:14-16; 48:6; Levitico 25:44-46; Numeri 18:21; Proverbi 13:22; Matteo 21:38); che la proprietà significa amministrazione della proprietà sotto Dio; che amministrazione significa l'uso della proprietà in modo responsabile nei confronti di Dio; che l'essere umano è responsabile nei confronti di Dio per l'uso di ogni tipo di ricchezza, materiale e immateriale, inclusi talenti, tempo, terra, lavoro, materiali, conoscenza, relazioni e qualsiasi altro mezzo per produrre, mantenere e distribuire ricchezza; che una gestione responsabile richiede la conoscenza dei principi etici della Scrittura; che la gestione è sia individuale che aziendale; che la gestione richiede la libertà responsabile di pensare, parlare, e comportarsi secondo coscienza; e che la responsabilità richiede la capacità di controllare ciò per cui si è responsabili.Neghiamo che il concetto cristiano di amministrazione neghi la proprietà privata e familiare della proprietà; che l'amministrazione può essere condotta senza proprietà e libertà; che individui e gruppi possano esercitare adeguatamente l'amministrazione mentre sono costretti dal governo civile o da altri; e che la responsabilità nei confronti di Dio richiede lo stesso uso della ricchezza da parte di tutte le persone (Luca 19:26; 8:18; Matteo 13:12; Marco:25).

23. Affermiamo che i prodotti del lavoro appartengono giustamente a coloro che li producono in proporzione ai loro contributi relativi alla produzione attraverso il capitale, la gestione e il lavoro; che il dieci per cento dell'incremento di tali prodotti appartiene a Dio come primizie; che il resto è affidato al proprietario, quale amministratore di Dio e della sua famiglia; e che il proprietario dovrebbe essere libero, sotto Dio, di usare il resto risparmiando, investendo, donando o consumando, soggetto alle leggi morali della Scrittura e alla tassazione appropriata (cfr. n. 34 infra). neghiamo che il valore di tali prodotti può essere giustamente misurato unicamente sulla base del lavoro implicato nella loro produzione senza riguardo al capitale e alla gestione delle risorse umane e naturali necessarie per una produzione e distribuzione efficiente e senza riguardo al valore di libero mercato di tali prodotti .

24. Affermiamo che i requisiti biblici di dare un decimo del proprio reddito netto (decima) al Signore rimangono in vigore sotto il Nuovo Patto; che il cristiano impegnato nell'edificazione del Regno di Dio deve andare oltre la decima nel dare al Signore per quanto può; che chi semina con parsimonia mieterà con parsimonia; che chi semina generosamente mieterà abbondantemente; che il dono cristiano dovrebbe essere fatto volontariamente piuttosto che sotto coercizione; e che Dio fornirà sempre tutto ciò di cui i Suoi figli hanno bisogno se cercano prima il Suo Regno e la Sua giustizia (2 Corinzi 9:6-11; Matteo 6:33). Neghiamo che Dio cessò di comandare la decima al Suo popolo con l'avvento del Nuovo Patto, e che la natura volontaria del cristiano giustifica il rifiuto della decima.

25. Affermiamo che la proprietà privata e la libertà personale (civile e religiosa) sono così inestricabilmente intrecciate che la distruzione dell'una deve richiedere o causare la distruzione dell'altra. Neghiamo che le persone che dipendono per il loro sostentamento dal governo civile abbiano tutta la libertà che Dio ha voluto per loro.

26. Affermiamo che il concetto biblico di proprietà deve includere il diritto di acquistare, vendere o commerciare liberamente la proprietà entro i limiti delle leggi morali della Scrittura; che il libero e onesto scambio di idee, beni e servizi è un diritto fondamentale dell'essere umano, in cui l'ambiente può trarre il massimo dal proprio lavoro; che la libertà di scambio include il diritto di avviare e adempiere ai contratti (Esodo 20:15; Matteo 20:1-15; 2 Samuele 24:24); e che la proprietà implica il dovere di usare e scambiare la propria proprietà in modi non dannosi per la vita, la salute, la libertà e la proprietà degli altri. neghiamoche gli scambi coatti di beni (diversi dalla restituzione forzata o dalla pena per un reato) sono giusti; che la fissazione coercitiva dei prezzi o delle condizioni di scambio è giusta; il diritto al libero uso e scambio di beni tutela usi e scambi caratterizzati da frode, furto, violenza o minaccia di violenza, collusione (un tipo di frode), o lesione della vita, della salute, della libertà e della proprietà altrui; e che chiunque dovrebbe inibire il libero scambio di beni e servizi oltre a far rispettare le leggi contro la frode, il furto, la violenza o la minaccia di violenza, collusione e lesioni alla vita, alla salute, alla libertà o alla proprietà altrui (Luca 12:13- 21,48; Atti 5:1-10).

Valore, prezzo e denaro

27. Affermiamo che un'economia è più produttiva per tutti i livelli di persone quando le persone producono e scambiano beni, idee e servizi liberamente a prezzi di loro scelta entro i limiti delle leggi bibliche contro la frode, il furto e la violenza; che il giusto prezzo di beni, idee e servizi è quello al quale la proprietà può essere scambiata liberamente e onestamente sul mercato; e che il prezzo di libero mercato di qualsiasi bene materiale è una funzione del rapporto tra domanda e offerta (Proverbi 20:14; Levitico 19:9,10; 23:22; Genesi 23:3-16; Proverbi 20:10). Neghiamoche la pianificazione centralizzata e altre interferenze coercitive con la scelta personale possono aumentare la produttività della società; che il governo civile ha l'autorità di stabilire il valore della proprietà; e che la Bibbia insegna qualsiasi prezzo "giusto" diverso da quello risultante dall'interazione della domanda e dell'offerta in un mercato di persone libere (Osea 7:1; 1Re 21:1-16).

28. Affermiamo che la Caduta ha determinato una relativa scarsità di ricchezza; che Dio ha donato all'essere umano talenti e capacità che, utilizzati in obbedienza alle regole di Dio, accrescono la ricchezza e le risorse utilizzabili; e che Dio usa la scarsità di ricchezze e risorse per frenare la malvagità dell'essere umano. Neghiamo che la quantità di ricchezza materiale sulla Terra si dimostrerà mai insufficiente, sotto la mano sovrana di Dio, per i bisogni della popolazione che Dio permette, finché le persone vivranno coerentemente con le leggi di Dio.

29. Affermiamo che il denaro è un mezzo mediante il quale vengono scambiati beni e servizi e mediante il quale le misurazioni del valore vengono opportunamente ordinate e comunicate; che serve come riserva di valore in risparmi per un uso futuro; che come tale non dovrebbe essere soggetto alla creazione fiat da parte di individui o governi poiché la creazione fiat di moneta svaluta la moneta aumentando la sua offerta rispetto alla domanda, rubando così alle persone un importo pari alla quantità di svalutazione del loro denaro; che per inibire tale fabbricazione fiat di denaro Dio ha gentilmente fornito metalli rari e preziosi come l'oro e l'argento da usare come basi per i sistemi monetari; che il denaro, secondo gli standard biblici, è una merce o un suo rappresentante, con una preferenza per l'oro e l'argento; e che la Bibbia richiede l'uso di pesi e misure giusti negli affari monetari (Deuteronomio 25:13-16; Isaia 1:22; Proverbi 8:19).Neghiamo che chiunque, compresi i governi civili, debba confiscare la ricchezza attraverso l'inflazione monetaria (Amos 8:4-6; Isaia 1:22), e che l'inflazione monetaria sia giustificata dal desiderio di un governo civile di ridurre la disoccupazione.

Ordini di responsabilità

30. Affermiamo che Dio ha ordinato ordini di responsabilità nelle sfere economiche della vita; che gli individui capaci hanno la prima responsabilità di prendersi cura di se stessi; che chi si rifiuta di lavorare non deve aspettarsi di essere nutrito da altri; che le famiglie hanno la responsabilità di prendersi cura di quei membri che non sono in grado di prendersi cura di se stessi; che la Chiesa e le altre organizzazioni di volontariato hanno la responsabilità di prendersi cura di coloro che non sono in grado di provvedere a se stessi quando le loro famiglie non dispongono di cure; e che l'abdicazione di questa responsabilità significa abbandonare i poveri allo stato e ad altre istituzioni, che invariabilmente provocano minacce alla libertà e alla proprietà (1 Timoteo 5; 2 Corinzi 8-10; 1 Tessalonicesi 3). neghiamoche chi è capace ma si rifiuta di lavorare ha diritto di essere sostenuto da altri; che gli inabili al lavoro non debbano essere soddisfatti dalle loro famiglie e, se necessario, dalla Chiesa o da altre organizzazioni di volontariato; che i membri della famiglia adempiano alle loro responsabilità verso Dio che rifiutano di provvedere al meglio delle loro capacità ai bisogni della loro famiglia; e che il governo civile è comandato da Dio di provvedere ai bisogni economici di chiunque se non mediante l'applicazione delle leggi contro la frode, il furto e la violenza, e pagando i suoi dipendenti e appaltatori.

31. Affermiamo che la prima responsabilità della Chiesa nella cura dei poveri è verso le membra del Corpo di Cristo, e che la sua seconda responsabilità è verso coloro che sono al di fuori del Corpo di Cristo (Galati 6,10). Neghiamo che la responsabilità della Chiesa di prendersi cura dei poveri all'interno del Corpo di Cristo spiazza la sua responsabilità di fare discepoli dei credenti, e che la sua responsabilità di prendersi cura dei poveri fuori del Corpo di Cristo spiazza la sua responsabilità di predicare il Vangelo.

Governo civile ed economia

32. Affermiamo che il dovere primario del governo civile nella sfera economica della vita è quello di scoraggiare e punire le violazioni e le lesioni alla vita, alla libertà e alla proprietà, e di proteggere mediante l'applicazione della legge la proprietà e lo scambio di proprietà da frodi, furti, violenza e collusione (Romani 13:1-7). Neghiamo che il governo civile debba controllare o limitare gli scambi di proprietà tra gli esseri umani se non nella misura necessaria per prevenire frodi, furti, violenze e collusioni; che Dio desidera che il governo civile ridistribuisca la proprietà dai ricchi ai poveri; che tale ridistribuzione è coerente con la giustizia o con l'amore; e che qualsiasi danno alla vita, alla libertà e alla proprietà dovrebbe rimanere impunito dal governo civile.

33. Affermiamo che è dovere del governo civile proteggere i diritti di proprietà dei cittadini piuttosto che i valori di proprietà e che il governo civile ha l'autorità di proteggere da minacce specifiche alla vita, alla salute, alla libertà e alla proprietà, ma non per proteggere il valore di proprietà in quanto tale. Neghiamo che a qualsiasi persona dovrebbe essere permesso di violare i diritti e le libertà altrui, o di usare il governo civile per farlo, al fine di mantenere il valore della sua proprietà.

34. Affermiamo che le funzioni ordinate da Dio del governo civile - forze dell'ordine, difesa, potere giudiziario e quelle funzioni necessarie per l'adempimento di questi doveri - dovrebbero essere garantite dalla tassazione dei suoi cittadini ad un tasso uniforme e da canone di utenza per i servizi. Neghiamo che sia giusta la tassazione ai fini della ridistribuzione della ricchezza, e che sia giusta la tassazione dei cittadini a diverse percentuali di reddito ("imposta graduata sul reddito").

Aiutare i poveri

35. Affermiamo che il primo passo per aiutare i poveri è far rispettare nella società civile y assicurare che la vita, la libertà e la proprietà di ogni cittadino siano protette dal governo civile e dalla disciplina morale della società, perché in tale stato le persone sono la libertà di sfruttare al meglio le proprie capacità producendo e scambiando liberamente con altri beni, idee e servizi per soddisfare i propri e altrui bisogni. neghiamoche la giustizia per i poveri include la ricezione di proprietà sottratte ad altri coercitivamente o l'applicazione di qualsiasi grado di uguaglianza economica tra i cittadini; che la redistribuzione forzata della ricchezza è l'esercizio della giustizia sociale; e che le leggi dell'Anno Sabbatico e Giubilare dell'Antico Testamento avevano come parte del loro scopo il mantenimento di un qualsiasi grado di uguaglianza economica tra il popolo di Dio.

36. Affermiamo che il dono caritatevole e sacrificale è comandato da Dio come espressione di amore per aiutare i poveri; che per essere veramente caritatevoli, il dono deve essere volontario e coerente con ciò che si ha, non con ciò che non si ha; che il "dare" forzato o manipolato non è affatto dare ma furto o frode da parte di chi lo costringe o lo manipola, ed è quindi contrario alla giustizia e all'amore; che le donazioni di beneficenza dovrebbero essere attentamente pianificate ed eseguite per portare il miglior beneficio ai suoi destinatari; e che il soccorso materiale ai poveri deve sempre essere accompagnato dal ministero spirituale (2 Corinzi 8,9). Neghiamo che la vera beneficenza possa mai essere forzata, e quindi che il governo civile possa mai avere una parte nella vera beneficenza; che la beneficenza dovrebbe essere condotta in modo tale da negare o scoraggiare la responsabilità personale da parte dei destinatari o da ridurre l'incentivo a sviluppare conoscenze e comportamenti produttivi; e che la beneficenza di aiuti materiali senza ministero spirituale soddisfa veramente i bisogni dei poveri.

37. Affermiamo che la corretta destinatari di beneficenza sono coloro che sono in grado di provvedere alle proprie esigenze (le ptochos ). Neghiamo che coloro che sono in grado, ma non sono disposti a soddisfare i propri bisogni, abbiano diritto a doni di beneficenza.

38. Affermiamo che le responsabilità caritative verso gli altri credenti hanno la priorità su altre attività caritative, e che nelle emergenze le famiglie cristiane sono invitate da Dio a dare attraverso la Chiesa oltre la decima, ma proporzionalmente ai loro beni, affinché gli altri cristiani siano sollevati da grande scarsità (2 Corinzi 8:14). Neghiamo che l'uso della parola "uguaglianza" in 2 Corinzi 8 richieda l'uguaglianza nella proprietà della ricchezza tra i cristiani.

39. Affermiamo che, poiché le visioni del mondo, i valori e il comportamento non biblici (tutti gli effetti della Caduta) sono le cause primarie della povertà, il mezzo principale per superare la povertà materiale e spirituale è l'evangelizzazione seguita dal discepolato per stabilire fede, pensiero, e un comportamento coerente con la visione del mondo cristiano, i valori e il comportamento tra i credenti e nella società (Giosuè 1:8; Proverbi 21:5; Salmo 92:12). Neghiamo che la liberazione a lungo termine dalla povertà possa essere ottenuta senza rinnovare la società secondo il vangelo cristiano, la visione del mondo, i valori e il comportamento.

40. Affermiamo che il vero discepolato include l'istruzione nelle dottrine e nell'etica cristiane fondamentali, nella visione e nei valori cristiani del mondo e nella pratica cristiana, e che tra i valori da insegnare nel discepolato ci sono la giustizia, l'amore, le abitudini di autodisciplina che portano alla prosperità materiale e spirituale mediante l'uso dei mezzi della grazia (la Parola, i sacramenti, la preghiera, il consiglio del Corpo di Cristo), e dei mezzi della prosperità materiale (progettazione, lavoro, cooperazione, libero scambio, salvezza, eredità, ecc.). Neghiamo che il vero discepolato sia semplicemente insegnare la dottrina, la pietà interiore o le pratiche cristiane elementari come la preghiera, lo studio della Bibbia, la testimonianza e la comunione, sebbene debba sempre includerle.

41. Affermiamo che un elemento chiave del discepolato economico è insegnare ai cristiani le lezioni di Efesini 4:28; che l'ex pagano convertito a Cristo (a) non deve più rubare, ma (b) deve lavorare, (c) fare qualcosa di utile con il suo lavoro, affinché (d) possa avere qualcosa da condividere con chi è nel bisogno. Neghiamo che a qualsiasi persona convertita a Cristo dovrebbe essere permesso di rimanere pigro, ozioso e improduttivo, o di continuare in una vita di idolatria e ladrocinio.

42. Affermiamo che un'economia di libero mercato è l'approssimazione più vicina in questo mondo decaduto al sistema di economia rivelato nella Bibbia; che è il risultato naturale della natura data da Dio all'essere umano; e che, di tutte le economie conosciute dall'essere umano, è la più favorevole alla produzione di una società libera, giusta, stabile, pacifica e prospera per tutti i partecipanti. Neghiamo che il comunismo, il socialismo, l'interventismo, l'egualitarismo economico e la teologia della liberazione siano biblici; che producono buoni risultati per i poveri; che tendono a società più pacifiche; che rispettino i diritti alla libertà e alla proprietà dati all'essere umano da Dio; e che sono opzioni morali Biblicamente appropriate per i cristiani.

Un invito all'azione in economia

Azioni generali

A causa delle precedenti convinzioni, invitiamo tutti gli esseri umani e le donne che nominano Cristo come loro personale Salvatore e Signore ad unirsi a noi in:

1. esaminando seriamente queste affermazioni e smentite alla luce della Parola di Dio per vedere se sono vere, e informandoci direttamente di quei punti in cui credono che ci siamo allontanati dalla Scrittura o dalla logica;

2. riesaminare le nostre teorie e pratiche economiche e chiedere a Dio di mostrarci dove stiamo fallendo;

3. pentirsi di tutti i peccati conosciuti, confessandoli e abbandonandoli, chiedendo perdono sia a Dio stesso che a tutti coloro che sono stati offesi, e poi facendo ogni possibile restituzione;

4. pregare affinché Dio riempia tutto il Suo popolo con la potenza abilitante dello Spirito Santo, affinché possiamo portare la nostra vita personale, la nostra economia e la nostra pratica in una più stretta conformità alla Sua volontà rivelata su una base permanente e coerente;

5. cercare una guida dai nostri fratelli e dalle autorità ecclesiastiche locali su come possiamo sostenerci e influenzarci a vicenda per rendere le nostre pratiche economiche glorificanti a Dio.

Avendo affrontato i nostri peccati e fallimenti personali e rendendoci responsabili nei confronti della Bibbia e dei fratelli, ora ci impegniamo a:

1. influenzare eventuali cristiani conosciuti o associazioni cristiane con cui lavoriamo a considerare seriamente le nostre affermazioni e smentite con l'obiettivo di arruolare le loro risposte.

2. influenzare coloro che nel campo dell'economia sono d'accordo con le nostre affermazioni e smentite ad attuare queste proposte nel loro lavoro;

3. mobilitare e mettere in rete le nostre risorse cristiane e lavorare di concerto con le altre sfere professionali sia all'interno che all'esterno del COR, per vedere la percezione pubblica e la consapevolezza dell'economia e del comportamento del Corpo di Cristo, della comunità economica e della nostra nazione cambiati per approssimarsi più da vicino la visione della realtà e della morale che ci viene presentata nelle Sacre Scritture.

Azioni specifiche

Obiettivi

A tal fine, ci impegniamo per i seguenti obiettivi:

1. recuperare le prospettive bibliche sui valori che stanno alla base di una giusta comprensione dei rapporti economici tra gli esseri umani;

2. comprendere la giustizia, i diritti ei doveri; ama la compassione e la carità; produzione, distribuzione e consumo; lavoro, capitale e valore — tutto come Dio li decreta e li definisce e come Egli rivela la verità su di essi nella Sua Parola;

3. invitando la nostra società al pentimento per gli atti distruttivi che compie contro la vita, la libertà, la proprietà, la famiglia, la comunità e la posterità, affidando tutte le sue cure al governo civile.

4. annunciando al mondo, e lavorando per stabilire, un ordine economico che sia conforme agli insegnamenti della Scrittura;

5. sollecitando, e lavorando per stabilire, un ordine che riconosca i nessi integrali tra lavoro e ricompensa, tra proprietà e libertà, tra giustizia e disuguaglianza, tra amore e carità, e tra la peccaminosità dell'essere umano l'importanza della libertà individuale nella una società con un governo civile strettamente limitato.

6. aiutare le chiese a identificare le organizzazioni caritative che funzionano sulla base dell'economia biblica e quelle che non lo fanno, in modo che possano aumentare il loro sostegno alle prime e interrompere il loro sostegno alle seconde;

7. adoperarsi per restituire alle persone proprie la responsabilità dei bisogni fisici di tutti i membri della società, secondo i tre livelli di tale responsabilità rivelati nella Scrittura: l'individuo, la famiglia, la Chiesa e le altre associazioni di volontariato. Chi non lavora non deve mangiare (1 Tessalonicesi 3:10). Chi si rifiuta di prendersi cura della propria famiglia ha rinnegato la fede ed è peggio di un non credente (1 Timoteo 5:8). E la Chiesa che non si prende cura dei poveri, in particolare di quelli del suo stesso popolo, disobbedisce all'esplicito comando di Dio (Galati 6:10).

8. ricordando agli individui e alla società allo stesso modo il principio intrinseco della responsabilità che governa il mondo, morale e fisico: "Non lasciarti ingannare: Dio non può essere deriso. Un essere umano raccoglie ciò che semina. Chi semina per compiacere i suoi peccatori natura, da quella natura mieterà distruzione; chi semina per piacere allo Spirito, dallo Spirito raccoglierà la vita eterna. Non stanchiamoci di fare il bene, perché a suo tempo mieteremo, se non diamo in alto. Perciò, quando ne abbiamo l'opportunità, facciamo del bene a tutti, specialmente a quelli che appartengono alla famiglia dei credenti» (Gal 6,7-10).

Passi concreti

Per il raggiungimento di questi obiettivi, ci impegniamo nei seguenti passi:

1. esemplificare l'amministrazione e la carità nella nostra vita;

2. ricercare posizioni nelle missioni e nei comitati di benevolenza delle nostre chiese per guidarle secondo i principi di questo documento.

3. influenzare le nostre chiese per sostenere l'economia biblica e le organizzazioni che la insegnano e la praticano;

4. corsi di insegnamento nelle chiese di economia biblica;

5. diffondere questo documento il più ampiamente possibile tra i nostri conoscenti, nelle chiese, tra gli economisti professionisti e altri con un interesse speciale per l'economia;

6. preparare una versione commentata di questo documento con riferimenti alla letteratura scientifica che supporta le sue varie proposte e una bibliografia di letture consigliate per laici e specialisti in economia;

7. scrivere un libro basato su questo documento che spieghi e difenda a lungo ogni affermazione e negazione dalla Scrittura, dalla storia, dalla ragione e dall'esperienza moderna.

8. fondare una Società Americana per l'Etica Economica come forum per la discussione, lo sviluppo, l'applicazione e la diffusione dei principi biblici dell'economia;

9. tenere entro due anni un convegno nazionale sull'economia cristiana;

10. fondare una newsletter mensile che descriva e difenda i principi etici e le intuizioni pratiche in economia esposte in questo documento e rivelate nella Scrittura;

11. fare pressione sul Congresso e sui legislatori statali, in parte attraverso l'American Society for Economic Ethics, per emanare leggi coerenti con i principi biblici dell'economia e per abrogare le leggi incompatibili con i principi biblici dell'economia;

12. opporsi pubblicamente a sistemi economici non biblici come il comunismo, il socialismo, l'interventismo, l'egualitarismo economico e la teologia della liberazione, attraverso mezzi di comunicazione come lettere agli editori di pubblicazioni, articoli di opinione sui giornali e presentazioni orali davanti a organi decisionali e politici;

13. compiere sforzi speciali e mirati per diminuire l'influenza del cosiddetto "socialismo cristiano", dello "stile di vita semplice", della "sinistra evangelica" e di altre idee, movimenti e loro rappresentanti, tra gli evangelici, altri cristiani, e non cristiani.

14. opporsi all'economia non biblica nella Società Teologica Evangelica, nella Società Filosofica Evangelica, nella Fellowship degli Studenti Teologici e in altre organizzazioni di studiosi cristiani attraverso documenti originali, confutazioni e confronto affettuoso faccia a faccia con coloro che rappresentano tali idee durante riunioni delle organizzazioni;

15. preparare e pubblicare risposte sane e ireniche alle pubblicazioni cristiane che avallano sistemi economici non biblici.

Mr. E. Calvin Beisner, MA, Presidente • Mr. Daryl S. Borgquist, MA, Co-Chairman • Con i contributi dei membri del Comitato economico di The Coalition on Revival • Dr. Jay Grimstead, D.Min., General Editor • Sig. E. Calvin Beisner, MA, Assistente del Direttore Generale. La visione cristiana dell'economia. Copyright 1986, The Coalition on Revival, Inc. Tutti i diritti riservati. The Coalition on Revival, PO Box 1139, Murphys, California 95247