Predicazioni/Ezechiele/ Interpretazione di Ezechiele 40-48

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Interpretazione di Ezechiele 40-48

Per cominciare, G. K. Beale ha scritto un libro importante su questo argomento e chiunque abbia domande sulla visione di Ezechiele dovrebbe procurarselo e leggerlo attentamente (The Temple and the Church's Mission). Per maggiori informazioni sul libro di Beale, The Temple and the Church's Mission: A Biblical Theology of the Dwelling Place of God. Come sottolinea Beale, ci sono quattro interpretazioni principali della profezia di Ezechiele e di come si adempie (o meno) nel Nuovo Testamento. I dispensazionisti credono che questa visione sia una profezia di un tempio terreno da costruire all'interno di Israele durante l'era millenaria (cfr. Pentecost, Things to Come, 393; Walvoord, Major Bible Prophecies, 169). I dispensazionalisti basano questa interpretazione sulla loro ermeneutica letterale, che secondo loro richiede che una profezia come questa sia interpretata letteralmente, a meno che non ci siano buone ragioni per credere che la profezia debba essere interpretata in senso figurato.

A differenza dei dispensazionalisti, i sostenitori delle altre interpretazioni principali sono tutti d'accordo che il contesto richiede un'interpretazione figurativa. Sono d'accordo. Alcuni vedono questo come un tempio ideale che non sarà mai costruito sulla terra (a mio parere, l'interpretazione più debole), altri lo vedono come una visione del tempio ideale (OK, per quanto va bene), mentre altri ancora lo vedono come un'immagine di un vero tempio celeste, che sarà stabilito sulla terra in modo non strutturale negli ultimi giorni (Beale, The Temple and the Church's Mission, 335).

In altre parole, credo che Ezechiele ci stia dando un'immagine della nuova terra secondo i termini profetici con cui i suoi lettori avevano familiarità (Hoekema, The Bible and Future, 205). Questa è un'immagine della nuova terra come dimora di Dio. Ezechiele la profetizza in termini terreni (completa di tutti gli utensili del tempio), mentre Giovanni ne descrive la versione compiuta (in termini escatologici).

Sulla base di un certo numero di fattori, penso che sia chiaro che la profezia punta a un tempio non strutturale degli ultimi tempi.

In primo luogo, la profezia non può essere interpretata letteralmente e avere ancora un senso. Quando Dio pone il profeta su una montagna molto alta (40:1-2) egli vede qualcosa come una città (ovviamente Gerusalemme). Eppure, non c'è una montagna così alta vicino a Gerusalemme da cui il profeta avrebbe potuto avere un tale punto di vista. Ma questa alta montagna è letteralmente richiesta dalla visione dispensazionalista. Dove si trova? Data la natura della profezia di Ezechiele, questo linguaggio dovrebbe metterci in guardia sul fatto che ciò che segue è dato dalla geografia simbolica del profeta.

Questo è confermato in Apocalisse 21:10, dove Giovanni è portato "nello Spirito" su un alto monte dal quale vede la Città Santa scendere dal cielo. Ovviamente, le visioni sono correlate l'una all'altra come tipo-antitipo (linguaggio terreno, compimento escatologico). Ciò che Ezechiele ha promesso, Giovanni lo vede come una realtà, e tuttavia la realtà vista da Giovanni supera di gran lunga qualsiasi cosa nella visione di Ezechiele. Come sottolinea Beale, c'è un numero significativo di altri esempi in questa profezia che rendono l'interpretazione letterale molto improbabile, se non impossibile (pp. 337-340).

In secondo luogo, ci sono un certo numero di caratteristiche nella profezia che si riferiscono a qualcosa di molto più grande di un tempio localizzato a Gerusalemme durante il Millennio. Nel verso 40:2, è chiaro che Ezechiele vede una struttura "come una città" (il tempio), mentre nel verso finale della profezia (48:35) dice che il nome della città è "il Signore è là". Qui abbiamo l'espansione del tempio localizzato in un'area delle dimensioni dell'intera città di Gerusalemme. Questa espansione del tempio di Dio è un tema costante in tutto Ezechiele (Beale, pp. 340-345) Ci sono allusioni all'Eden in tutta la profezia (47:1-12). La città è raffigurata come un quadrato perfetto e il riferimento al fiume è ovviamente simbolico, poiché è abbastanza profondo da poter essere attraversato solo a nuoto (47:5).

Infine, è ovvio che Apocalisse 21 presenta la visione di Ezechiele nel suo compimento completo. In altre parole, a Giovanni viene data una visione dello stesso tempio, ma ora dal punto di vista della morte e risurrezione di Cristo e dell'alba della nuova creazione - qualcosa che non avrebbe avuto alcun senso per Ezechiele o i suoi ascoltatori. Come sottolinea Beale (pp. 346-345), i nuovi cieli e la terra sono ora il Santo dei Santi, così come la nuova Gerusalemme e il nuovo Eden. Nell'ultimo giorno, tutta la creazione diventa il tempio di Dio. Il tempio è stato ampliato (esteso) da un edificio, a una città, a tutta la creazione.

Questo significa che la visione di Ezechiele è una profezia non di un tempio terreno (anche se il profeta usa un linguaggio terreno che i suoi lettori potrebbero capire), ma di un tempio escatologico, raffigurato nella sua forma consumata e nella sua indicibile gloria da Giovanni in Apocalisse 21-22.

Articolo originale: https://www.monergism.com/amillennial-interpretation...