Predicazioni/Luca/L'opposizione a venire (nota esegetica)

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


L'opposizione a venire (nota esegetica)

(35) Poi disse loro: Quando vi mandai senza borsa, senza sacca da viaggio e senza calzari, vi mancò mai niente? Ed essi risposero: Niente. Ed egli disse loro: (36) Ma ora, chi ha una borsa la prenda; e parimente una sacca; e chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una. (37) Poiché io vi dico che questo che è scritto deve esser adempito in me: Ed egli è stato annoverato tra i malfattori. Infatti, le cose che si riferiscono a me stanno per compiersi. (38) Ed essi dissero: Signore, ecco qui due spade! Ma egli disse loro: Basta! (Luca 22:35-38).

Quest'ultima parte della conversazione di Gesù con i suoi discepoli nel cenacolo è unica per Luca. Continua il tema del rifiuto di Gesù che porta alla morte e di ciò che i discepoli potevano aspettarsi in vista di quel rifiuto.

35. Gesù ha ricordato ai discepoli che, quando li aveva mandati in due precedenti missioni, non era mancato loro nulla di cui avevano bisogno (cfr. 9:1-3; 10:1-3). In vista del rinnegamento di Pietro che Gesù aveva appena rivelato, sembra che Gesù intendesse questa domanda per ricordare ai discepoli di confidare in Lui nella crisi imminente piuttosto che in se stessi.

36. In precedenza i discepoli non si erano attrezzati per il loro ministero, ma si erano affidati ad altre persone per provvedere a loro. Tuttavia adesso non dovevano fidarsi delle altre persone. Dovevano fortificarsi per il conflitto che si sarebbe prospettato a breve, vale a dire l'arresto e la crocifissione di Gesù. Probabilmente Gesù usò la borsa, la borsa e la spada metaforicamente piuttosto che letteralmente per simboleggiare le risorse personali dei discepoli. Apparentemente Gesù voleva che i suoi discepoli si armassero di una preparazione personale inclusa la dipendenza da Dio e dalla Sua Parola per la crisi imminente. Li stava chiamando per essere pronti per le difficoltà e il sacrificio di sé.

Alcuni commentatori, però, prendono alla lettera il comando di Gesù. La sacca da viaggio può indicare che dovrebbero provvedere al proprio sostentamento poiché nessun altro l’avrebbe fatto. Tuttavia questo non era il caso nei primi giorni della chiesa e nemmeno durante la passione di Gesù. C'erano ancora altri credenti che si prendevano cura gli uni degli altri (es. Atti 1:3,15; 2:44-47). Alcuni prendono l'ordine di vendere il proprio indumento esterno per acquistare anche una spada alla lettera. Tuttavia, Gesù in seguito rimprovera Pietro per aver usato una spada per difendersi (Matteo 26:52). Inoltre Gesù non ha mai insegnato ai suoi discepoli ad armarsi per difendersi, tanto meno ad aggredire attivamente coloro che potrebbero opporsi loro (cfr 6:35-36; 22:52; et al.). Altri affermano che Gesù non avrebbe proibito la difesa di sé stessi, ma solo che avessero impedito l’adempimento dell’arresto, sofferenza e morte di Gesù.

Questa dichiarazione, che la difesa personale e il proprio mantenimento sarebbero d'allora in poi necessari, è una testimonianza decisiva, procedente dal Signore lui stesso, contro le opinioni dei pacifisti ed altri «non resistenti», intorno a questi argomenti: ma essa non autorizza persecuzioni da parte delle chiese, né l'estensione del Vangelo per mezzo della spada. Da Flavio siamo informati che, secondo l'uso di quei tempi, i viaggiatori portavano armi per difendersi contro ai ladri; e sembrerebbe che i discepoli non avessero del tutto negletta questa cautela anche mentre il Signore era ancora con loro, poiché in quell'istante avevano due spade nella camera del Cenacolo.

37. Gesù cita Isaia 53:12 “è stato annoverato fra i trasgressori”per aiutare i Suoi discepoli a rendersi conto che gli altri Lo avrebbero considerato un criminale. Perciò sarebbe molto difficile per i suoi discepoli accettarlo. Avrebbero dovuto affrontare un'intensa opposizione, come sperimenta Pietro nel cortile del sommo sacerdote. Gesù non voleva che sottovalutassero la forza dell'opposizione che avrebbero dovuto affrontare per dipendere da Dio e non da se stessi per rimanere fedeli. A questo punto Cristo applica a Sé con forza una parte di Isaia 53.

38. Evidentemente i discepoli avevano preso alla lettera le parole di Gesù sull'acquisto di spade. Ne mostrano due che avevano già acquistato. Avevano compreso i primi avvertimenti di Gesù su ciò che lo attendeva a Gerusalemme e si erano armati fino a questo punto. Questa non era l'intenzione di Gesù.

Alcuni interpretano "Basta!" nel senso che due spade sarebbero adeguate in vista del conflitto imminente. Questo non sembra essere ciò che Gesù intendeva poiché in seguito rimprovera Pietro per aver usato anche una sola spada per difenderlo (vv. 49-51; cfr. Matteo 26:52). Inoltre due spade non sarebbero sufficienti per difendere Gesù dall'arresto. Altri interpretano Gesù come se volesse dire che il possesso di due spade era sufficiente per identificare Gesù e i discepoli come criminali e così adempiere Isaia 53:12.

Tuttavia non era il possesso di spade che identificava Gesù come un criminale, ma le false accuse che aveva affermato di essere un re opposto a Cesare. Probabilmente Gesù intendeva dire che non desiderava proseguire ulteriormente la discussione. I discepoli lo avevano frainteso. Avrebbero appreso solo ciò che intendeva in seguito, così come avrebbero appreso il significato di molte altre cose che aveva insegnato loro e che non erano riusciti a percepire. L'espressione ricorre spesso nell'Antico Testamento in questo senso (cfr Genesi 45:28; Esodo 9,28; Deuteronomio 3,26 ; 1Re 19:4; 1 Cronache 21,15 ).

Probabilmente Luca ha incluso questa parte della conversazione di Gesù con i suoi discepoli perché è un sobrio avvertimento per tutti i discepoli della nostra necessità di una preparazione spirituale personale. 

Tutti affrontiamo essenzialmente ciò che hanno fatto gli Undici. Non dobbiamo fare affidamento su difese fisiche nella guerra spirituale, ma fare preparativi responsabili e armarci delle risorse che solo Dio può fornire (cfr Efesini 6,10-20). I discepoli dormivano nel Getsemani quando avrebbero dovuto pregare (vv. 40,46). Allo stesso modo spesso non chiediamo a Dio di aiutarci e invece facciamo affidamento sulle nostre stesse risorse.