Predicazioni/Luca/ A che cosa è simile il Regno di Dio?

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


 A che cosa è simile il regno di Dio? 

Il regno di cui parla Gesù è il Regno di Dio e pensate forse che possa fallire o essere rimandato ad un lontano e indefinibile futuro mentre oggi trionfano altri “regnanti”? Avete veramente compreso ciò che diceva Gesù ai Suoi discepoli a questo riguardo? Il seguente testo è tratto da una predicazione di Dr. J. Ligon Duncan III, preside del Reformed Teological Seminary di Jackson (Miss. USA).

“Diceva dunque: “A che cosa è simile il regno di Dio e a che cosa lo paragonerò? Esso è simile a un granello di senape che un uomo ha preso e gettato nel suo orto; ed è cresciuto ed è divenuto albero e gli uccelli del cielo si sono riparati sui suoi rami”. E di nuovo disse: “A che cosa paragonerò il regno di Dio? Esso è simile al lievito che una donna ha preso e nascosto in tre misure di farina, finché sia tutta lievitata” (Luca 13:18-21).

(...)  In questo brano Gesù racconta due parabole, due brevi storie che descrivono com'è il regno di Dio.

Dovremmo essere consapevoli di alcune cose. Innanzitutto il 'Regno di Dio' è uno dei temi preferiti nel vangelo di Luca. Questo tema si trova in tutti i vangeli. Vengono usati termini diversi. 'Regno dei Cieli', tipicamente lo userà Matteo. Questo è un linguaggio ebraico in cui non si usa la parola Dio alla leggera, quindi a volte si sostituiscono i termini per Dio anche se ci si riferisce a Dio, quindi "Regno dei cieli" invece di "Regno di Dio" si riferisce alla stessa idea. A volte si usa "Regno di Cristo", ma è sempre lo stesso tema. Il Regno di Dio si riferisce al regno di Dio in questo mondo e specialmente nei cuori di uomini e donne e ragazzi e ragazze. È un concetto dinamico. Non è come un regno circondato da mura. È una specie di tirare su il ponte levatoio e riempire i fossati di alligatori e rannicchiarsi dentro. un regno che sta dinamicamente andando avanti in questo mondo e Gesù ne parla continuamente. È un agente del regno. Il suo vangelo sta portando dentro il regno. Il regno crea la chiesa.

Queste due cose sono correlate. In effetti, sono inseparabili, ma sono distinguibili: il regno crea il popolo del regno, la chiesa del nostro Signore Gesù Cristo, e per qualche motivo Gesù ritiene importante qui fermarsi e istruire i suoi discepoli sulla natura del regno e quindi tu ed io dovremmo chiedercene il perché. Questa non è l'unica volta che Gesù lo fa, ma qui Luca, se noterete, collega queste due parabole con un 'dunque' nel versetto 18.

Ora, a cosa rimanda quel "dunque"? Il contesto immediato è che Gesù ha compiuto questo straordinario miracolo per questa donna che è stata sotto un tremendo fardello e un'oppressione satanica per 18 anni e la risposta dei capi religiosi del suo tempo che sono presenti con lui, è un totale disprezzo per lui e per lei. E sembra che Gesù stia dicendo ai discepoli: «Non scoraggiarti per la loro risposta a me. Non pensare che solo perché i capi religiosi del giorno possono vedermi fare qualcosa del genere e non solo non capirlo e non solo non credere al mio messaggio, e non solo non capire chi sono, ma in realtà contrastarmi, non essere scoraggiato da questo. La valutazione immediata dei vostri contemporanei non è un indicatore adeguato dell'efficacia del regno di Dio o della sua futura estensione”.

Questo è un messaggio importante anche per noi, perché viviamo in un mondo, viviamo in un paese che è sempre più ostile alle affermazioni del vangelo. Abbiamo molti contemporanei che pensano di capire il cristianesimo e pensano di aver provato il cristianesimo o provato l'Evangelo o provato Gesù e li hanno soppesati sulla bilancia e li hanno trovati difettosi e sono andati avanti e siamo un po' turbati dal fatto che voi siate ancora là fuori a rivendicare Gesù Cristo.

E in quel contesto potreste essere tentati di fare qualcosa e cioè essere tentati di cambiare il messaggio per renderlo più appetibile e attraente per il mondo e la cultura intorno a voi oppure tentati di adottare metodi diversi che finiscono per cambiare il messaggio che state proclamando. E così le parole di incoraggiamento che Gesù rivolge ai suoi discepoli sulla scia del suo rifiuto da parte dei capi religiosi del suo tempo riguardo al regno sono altrettanto rilevanti per noi oggi.

Gesù in queste due storie mostra come qualcosa che sembra piccolo possa diventare grande. Qualcosa che sembra insignificante, ma in realtà è molto significativo; qualcosa che sembra quasi inconsistente ma può permeare tutto. E sta raccontando queste storie per incoraggiare i suoi discepoli perché è perfettamente consapevole di quale sia la risposta al suo ministero e quale sarà la risposta ai loro ministeri.

Sono chiamati a predicare Cristo e il suo vangelo in un mondo e in una cultura che rifiuterà in modo schiacciante quelle realtà. E se vedono il regno dalla misura dell'accettazione o del rifiuto di Cristo da parte dei loro contemporanei, dall'accettazione o dal rifiuto del loro messaggio da parte dei loro contemporanei, saranno scoraggiati perché sebbene vedranno cose sorprendenti proprio come nel ministero di Gesù abbiamo visto cose sorprendenti le cose. Abbiamo visto folle incredibili seguire il ministero di Gesù di volta in volta e abbiamo visto risposte di fede sorprendenti al ministero di Gesù di tanto in tanto, e attraverso i discepoli, ci saranno giorni come il giorno di Pentecoste in cui migliaia di persone crederanno in Cristo, ma ci sarà un travolgente sbadiglio o rifiuto del loro ministero, del loro messaggio e della loro missione da parte dei loro contemporanei.

Voglio dire, pensateci. Quando Gesù pronunciò per la prima volta queste parole, non c'erano persone in questo mondo che si definissero cristiane. Oggi ci sono circa due miliardi di persone su questo pianeta che si definiscono cristiani. Quindi Gesù ha poi dimostrato nella sua storia che il regno di Dio sta andando avanti e sebbene sia piccolo come un granello di senape ora crescerà fino a diventare un grande albero in cui nidificano gli uccelli del cielo, ma i discepoli non vivrebbero e ministrare e vedere in quel quadro generale. E il nocciolo della questione è che nessuno di noi lo fa e lo farà. E quindi il modo in cui rispondiamo all'indifferenza o al rifiuto del regno e del messaggio del regno e del vangelo e del Signore Gesù Cristo è molto, molto importante per Gesù. E così Gesù vuole incoraggiare i discepoli e vuole incoraggiare voi e me.

E c'è un messaggio molto importante per noi nei nostri giorni e tempi che voglio che accogliamo sia a livello di comunità che personale. Ed ecco il messaggio: “Non disprezzare il giorno delle piccole cose. Non giudicare il regno di Dio dalla sua immediata ricezione ed effetto né nei nostri cuori né nei cuori di coloro che desideriamo vedere cambiati dal regno o dall'indifferenza o dal rifiuto delle nostre comunità nei confronti del messaggio che proclamiamo”.

Poco più di due secoli fa un teologo tedesco guardò la sua cultura e vide che l'élite intellettuale, le persone nelle università, le persone nelle classi professionali rifiutavano il cristianesimo perché lo trovavano francamente non credibile. Erano nel bel mezzo dell'Illuminismo tedesco ed erano presi dal nuovo pensiero che si stava diffondendo in tutta Europa e stavano rifiutando il messaggio del cristianesimo e lui guardò quella cultura e disse: "Sapete, il regno sta per fallire. La chiesa si ridurrà, a meno che non arriviamo a un messaggio in cui questa generazione possa credere”. E così ha cercato di adattare il messaggio evangelico per renderlo più attraente e appetibile per i suoi contemporanei. Si chiamava Friedrich Schleiermacher e tenne una serie di conferenze o discorsi o discorsi chiamati: “Sul cristianesimo ai suoi disprezzatori della cultura”. Ora il suo obiettivo non era distruggere il cristianesimo e svuotare le chiese, ma questo è l'effetto della sua opera. Fu il padre di quello che oggi chiamiamo Liberalismo teologico e ovunque regni quella credenza, le chiese muoiono.

Ma è stato progettato per far crescere il regno e per far prosperare la chiesa e per rendere l'Evangelo attraente e appetibile e l'idea era, dobbiamo cambiare il messaggio se il regno crescerà, se la chiesa vuole sopravvivere, se il messaggio prevarrà, dobbiamo cambiare il messaggio.

Ora, i cristiani evangelici da quel momento hanno generalmente rifiutato quel particolare approccio. Sappiamo che Dio ci ha dato il messaggio nella Sua Parola, ma abbiamo avuto la tendenza a cadere preda di un diverso tipo di accomodamento. E il tipo di accomodamento a cui siamo stati tentati è stato, uno, guardare la cultura e poi guardare la chiesa e dire: "Sai, dovremo cambiare il modo in cui facciamo chiesa se saremo appetibili e attraenti per la cultura.

Quando ero a studiare teologia per la prima volta poco più di 25 anni fa, la cosa importante era questa. Alcune persone molto, molto intelligenti hanno guardato attraverso il panorama delle chiese e hanno detto: “Sai, le persone rispondono al cristianesimo nel nostro paese nelle principali chiese protestanti fondamentalmente con queste due reazioni. La chiesa", dicono, "è noiosa e irrilevante". E quindi, se vogliamo raggiungere questa cultura, dobbiamo rendere la chiesa entusiasmante e pertinente. E così la strategia era: creare una chiesa posizionata in modo da attrarre le persone non religiose dando loro qualcosa di immediatamente e ovviamente rilevante per loro ed eccitante e attraente.

Ora, una delle conseguenze di ciò fu che la predicazione biblica, per esempio, non era una delle prime cinque cose che le persone non religiose trovassero eccitanti e rilevanti riguardo alla chiesa. E così quello che è successo in molte, molte chiese è che la predicazione della Bibbia è scomparsa.

Ed è stato affascinante. Sai, negli ultimi cinque anni, sondaggio dopo sondaggio dopo sondaggio ha detto che i cristiani evangelici, le persone che dicono di credere nella Bibbia e sono in chiesa molte, molte domeniche all'anno, i cristiani evangelici non conoscono il loro Bibbie. E la mia risposta ogni volta che leggo uno di quei sondaggi è: "Mah!" Perché negli ultimi tre decenni la chiesa è stata gestita da coloro che dicono: “Non predicare la Bibbia. È noiosa e irrilevante. Dai loro qualcosa che vogliono. Dai loro entusiasmo. Dai loro qualcosa che sembra immediatamente rilevante per loro. Non predicare la Bibbia. È noiosa!" E poi siamo sorpresi che le persone non conoscano la loro Bibbia.

(...) E poi un giorno mi sono svegliato e improvvisamente il fedele ministero biblico del mio pastore e dei miei anziani non sembrava più noioso e irrilevante. Era esattamente ciò di cui la mia anima aveva bisogno e sono così grato che il mio pastore e gli anziani non abbiano smesso di dare i mezzi di grazia come Gesù ha stabilito in modo che quando mi sono svegliato c'era ancora qualcosa da ascoltare. C'era ancora una verità salvifica a cui rispondere. C'era ancora la sostanza del messaggio di Gesù per arrestarmi. E penso che sia importante per noi ricordarlo oggi.

A volte le cose che facciamo possono sembrarti deboli e inefficaci. Sapete, può sembrare che i mezzi della grazia e il messaggio del regno siano piccoli, deboli e inefficaci. E può sembrare che i risultati immediati che sta avendo il regno siano insignificanti, ma Gesù dice che il regno di Dio è grande e la sua crescita sarà costante e continua anche se non è percepibile nelle reazioni dei nostri immediati contemporanei al messaggio.

E questo è molto importante per noi sapere. Sapete, sentiamo rapporti drastici, per esempio, oggi nel nostro paese su quanti figli di famiglie credenti vanno all’università e nei loro primi anni di carriera e non tornano mai più a una vita stabile di partecipazione alla comunit à cristiana locale. E avete tutte queste reazioni drastiche a questi numeri e statistiche terrificanti che sentite.

E molto spesso la reazione è: "Dobbiamo fare qualcosa di completamente diverso da quello che abbiamo mai fatto prima". E dimentichiamo che i genitori vivono l'Evangelo prima dei loro figli; insegnare l'Evangelo ai loro figli; pregare per i propri figli; e portarli a stare con il popolo di Dio ogni giorno del Signore ha nutrito per due millenni il cristianesimo. Sembra debole. Sembra piccolo. Sembra insignificante, ma Dio ha designato i Suoi mezzi di grazia per operare nel regno che ha costruito.

Oppure guardiamo la chiesa e diciamo: “La chiesa è in difficoltà. È debole dentro e devastata da tutti gli stessi tipi di sfide e problemi sociali con cui la cultura è sconvolta intorno a noi e il messaggio sembra così debole e spregevole. Sembra così sgradevole e sembra così impopolare. Ma quando la Parola è predicata e il battesimo e la Cena del Signore sono amministrati e la preghiera è offerta mentre il popolo di Dio si riunisce, Dio benedice i Suoi mezzi di grazia. Il regno va avanti. Crea la chiesa, i mezzi di grazia di Dio operano nel mondo. E Gesù qui ci sta incoraggiando a credere che Dio sta costruendo la Sua chiesa. Voglio dire, quello, alla fine è il punto, non è vero, che potete studiare tutto ciò che il Nuovo Testamento dice sul regno di Dio e in nessuno di essi riceverete questo messaggio: "La costruzione del regno di Dio dipende da te". Ora, possiamo parteciparvi e dobbiamo rispondere ad esso, ma il regno di Dio è il regno di Dio ed Egli edifica il Suo regno e ciò che edifica non può fallire e il modo in cui edifica il Suo regno non fallirà. È nostro compito crederlo e rispondere a ciò e vivere di conseguenza con ciò, con quella speranza che il Suo messaggio prevarrà in questo mondo e che i regni di questo mondo diventeranno il regno di nostro Signore e del Suo Cristo ed Egli regnerà nei secoli dei secoli.

È così importante che ci crediamo. È così importante che lo comprendiamo o saremo tentati di cambiare il messaggio o saremo tentati di denigrare i mezzi che Egli ha dato per l'edificazione della Sua chiesa o il messaggio che è stato dato al regno da annunciare .

Forse avete pregato invano che il regno di Dio si manifestasse nel cuore di un amico o di un bambino o di un fratello o di una sorella o di un genitore. Non disprezzare il giorno delle piccole cose perché ci sono cose che ai nostri occhi sembrano insignificanti e il Signore sta facendo qualcosa di più profondo e più grande di quanto potessimo mai immaginare.

Gesù vuole che i suoi discepoli ne siano incoraggiati anche quando i capi religiosi del suo tempo lo rifiutano. Anche dopo che Egli ha compiuto un potente miracolo, possono rifiutarLo. E Gesù dice: "Il regno alla fine non sarà giudicato da loro, ma quando Dio svelerà quel regno, quando mostrerà a tutti noi quello che ha fatto, il nostro respiro sarà tolto". E noi diremo: “Gesù, quello che hai detto era vero. Potrebbe essere come quei minuscoli semi di senape, ma ora è un albero enorme. Potrebbe essere come quel lievito, ma non puoi nemmeno percepirlo, ma quel lievito si è diffuso in ogni cosa ora e ha fatto lievitare il tutto. Il tuo regno è cresciuto.

Amo ciò che dice JC Ryle:

“Il cristianesimo è una religione che a prima vista sembra così debole, impotente  impotente da non poter vivere. Il suo primo fondatore fu uno che era povero in questo mondo e finì la sua vita morendo della morte di un malfattore sulla croce. La sua prima adesione fu una piccola compagnia il cui numero probabilmente non superò il migliaio quando il Signore Gesù lasciò questo mondo. I suoi primi predicatori furono alcuni pescatori e pubblicani, la maggior parte dei quali erano uomini illetterati e ignoranti. Il suo primo punto di partenza fu un angolo disprezzato della terra chiamato Giudea, piccola provincia tributaria del vasto impero di Roma. La sua prima dottrina era eminentemente calcolata per suscitare l'inimicizia del cuore naturale, Cristo crocifisso era per gli ebrei una pietra d'inciampo e per i greci, stoltezza. I suoi primi movimenti fecero cadere sui suoi amici persecuzioni da tutte le parti. Farisei e Sadducei ed Ebrei e Gentili, idolatri ignoranti e filosofi presuntuosi erano tutti d'accordo nell'odiare e opporsi al Cristianesimo. Era una setta ovunque si parlava contro. Queste non sono affermazioni vuote. Sono semplici fatti storici che nessuno può negare. Se mai ci fosse una religione che all'inizio era un piccolo chicco di seme, quella religione era l'Evangelo, ma il progresso del vangelo è grande, costante e continuo”.

È vero. Non pensate di dovervi posizionare e manovrare affinché Dio operi anche in questo mondo dal cuore duro perché il regno sarà edificato. L'unica domanda è se avremo il piacere di parteciparvi. Se confidiamo in Lui per costruire il Suo regno e se usiamo i Suoi mezzi, avremo la gioia di partecipare a ciò, ma non avremo alcun merito per noi stessi perché sta costruendo il Suo regno.

Dr. J. Ligon Duncan III, 10-10-2010

Ligon Duncan (MDiv, Covenant Theological Seminary; PhD, Università di Edimburgo) è il Cancelliere e CEO del Reformed Theological Seminary, John E. Richards Professor of Systematic and Historical Theology e Presidente di RTS Jackson. È autore, coautore, curato o ha contribuito a numerosi libri. Potete seguirlo su Twitter.