Salmi Riforma/L'Arpa davidica/004

Da Tempo di Riforma Wiki.
Versione del 1 ago 2020 alle 01:04 di Pcastellina (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)


Indice generale

L'Arpa davidica

Prefazione - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 3738 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 -62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 89 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121 - 122 - 123 - 124 - 125 - 126 - 127 - 128 - 129 - 130 - 131 - 132 - 133 - 134 - 135 - 136 - 137 - 138 - 139 - 140 - 141 - 142 - 143 - 144 - 145 - 146 - 147 - 148 - 149 - 150 - 151 - 152 - 153 - 154 - 155 - 156 - 157 - 158 - 159 - 160 - 161

Vedi anche a questo collegamento - Acquistate qui il libretto dei testi e il libro degli spartiti

Signore, in quanto numero (Salmo 3)

L’arpa davidica 1919, Bocconi
Preghiera mattutina, 4

1. Signore, in quanto numero Sono i nemici miei:
Contro di me si levano Molti superbi e rei!
All’alma mia essi dicono Senza pietà veruna:
“Per lui salute alcuna, Presso il Signor non v’è”.

2. Ma Tu, Dio clementissimo, D’intorno a me sei scudo
Tu sei mia gloria e l’unica Difesa contro il crudo
Nemico che me abbattere Vorrebbe fino al suolo,
Onde prostrato e solo, Potermi sterminar!

3. Al grido mio, prontissima Risposta, o Dio, n’hai dato:
In pace coricatomi Mi son poi risvegliato;
Giacché Tu in sonno placido M’hai fatto riposare
Mi dài di contemplare L’alba di un nuovo dì.

4. Se di nemici acerrimi, Migliaia intorno avessi
Sempre sereno e impavido Starommi in mezzo ad essi;
Io griderò: “Deh! Levati. Deh! Tu mi salva, o Dio!”
E tosto al grido mio Risponderà il Signor.

5. Dalla man formidabile Del Signor onnipotente
Percosse lor mandibole saranno di repente:
La salvazion dei miseri Appartiene al Signore,
Il Suo divin favore A lor mai verrà men.