Teonomia/Distruggete le gilde

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Distruggete le gilde

Di Stephen C. Perks

Il clericalismo è un ostacolo alla diffusione del regno di Dio. “È tempo di distruggere il potere delle gilde clericali. Lo richiede la crescita del regno di Dio. Le corporazioni clericali sono come il tappo di una bottiglia. Impediscono a qualsiasi cosa di entrare o uscire da essa”.

Che cos’era la gilda (o ghilda)?  Di origine germanica, la gilda era: “un’associazione o corporazione di artigiani o mercanti che sovrintendevano alla pratica del loro mestiere/commercio in una determinata area. I primi tipi di gilda si formarono come confraternite di commercianti. Erano organizzati in un modo a metà tra un’associazione professionale, un sindacato, un cartello e una società segreta” [1]. Il dizionario di Oxford aggiunge “spesso avendo un potere considerevole”.

Le regole per l’apostolato stabilite da Pietro nel primo capitolo degli Atti degli Apostoli sono che gli apostoli dovevano essere state con gli altri apostoli e con Gesù fin dall’inizio del movimento cristiano. Notate che era stato detto loro di tornare a Gerusalemme e di aspettare, non di tornare indietro e istituire la prima scuola di diritto ecclesiastico. Nel primo capitolo degli Atti non si fa menzione che Pietro sia stato incaricato dallo Spirito Santo di scegliere un nuovo apostolo.

Ecco la qualifica di Paolo per l’apostolato: “Paolo, apostolo (non da parte di uomini, né per mezzo di uomo, ma tramite Gesù Cristo e Dio Padre, che lo ha risuscitato dai morti)” (Galati 1:1).

Ed ecco il rifiuto da parte di Paolo della regola di Pietro per l’apostolato, ed è un rimprovero fortemente implicito della regola creata dall’uomo: “Perciò d’ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo la carne; e anche se abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora però non lo conosciamo più così” (2 Corinzi 5:16).

La qualifica di Pietro per l’apostolato era stata creata dall’uomo ed è qui rifiutata dalla Scrittura. Dio aveva smentito molto rapidamente la regola di Pietro scegliendo Paolo come apostolo, il che non corrispondeva a nessuno dei criteri su cui Pietro insisteva. Ma il fatto che non si conformasse alle regole umane stabilite da Pietro lo ha perseguitato durante tutto il suo ministero, come dimostra il suo frequente ricorso alla difesa del suo apostolato tra coloro che lo mettevano in dubbio, ad esempio tra i Galati, che erano stati messi in guardia lui dai Giudei e anche dai Corinzi. Sembra che ci sia stata una sorta di campagna di pettegolezzi o maldicenze riguardo all’apostolato di Paolo proveniente da Gerusalemme.

Chiaramente c’è una forte tendenza per l’umanità a formare gilde, indipendentemente da come vengono effettivamente chiamate. Le gilde erano un mezzo per controllare un commercio o una forma di sostentamento limitando l’accesso al lavoro ai membri della gilda e chiedendo la conformità alle regole della gilda. Per loro stessa natura erano egoiste, abusive ed esistevano per opprimere chiunque non appartenesse alla gilda per quanto uno lavorasse nello stesso campo dei membri della gilda. Esistevano per sopprimere la libertà individuale e di conseguenza impedivano il progresso economico e il miglioramento sociale.

Il clero è una delle ultime corporazioni medievali rimaste nella società occidentale, ed è un grave cancro sul corpo di Cristo. È negativo e distruttivo, e se ne dubiti, di quale altra prova potresti aver bisogno dello stato della Chiesa oggi, che è principalmente controllata dalle corporazioni del clero, che limitano l’accesso al ministero ai membri della corporazione e quindi impediscono l’opera del 0regno, dal momento che Dio non accetta questo gioco di appartenenza alla gilda e non segue le sue regole, e non l’ha mai fatto. È un gioco di potere inventato dagli uomini per gli uomini, e non ha nulla a che vedere con i criteri di Dio per il ministero, che chiama. Se dubiti di questo leggi i profeti. Quando leggi un libro profetico nella Bibbia qual è la prima cosa che di solito dicono i profeti? Non sempre ma di solito. Che siano stati ordinati da tale e tale presbiterio o vescovo? Che sono veri membri della gilda? No! Dicono qualcosa come “questa non era la mia idea. Stavo pensando ai fatti miei quando Dio mi ha chiamato”. In altre parole, la prima cosa che dicono è di solito spiegare la loro vocazione. Infatti la parola profeta significa colui che è chiamato. La definizione di falso profeta è qualcuno che non ha ricevuto alcuna vocazione da parte di Dio, ma è chiamato dagli uomini. Vale a dire, la loro chiamata viene dagli uomini, non da Dio. I profeti di corte erano quelli che erano favorevoli all’establishment, i politici e i sacerdoti. Erano membri della gilda. I profeti chiamati da Dio non rientravano in questo modello. Erano degli estranei.

Naturalmente la gente non voleva nemmeno generalmente stare a sentire i profeti che Dio aveva chiamato. Preferivano i falsi profeti, quelli che erano controllati e accettati dalle autorità, i profeti di corte, che avrebbero detto loro quello che volevano sentire. E così è oggi nel complesso. Le persone preferiscono i sacerdoti accuratamente controllati che si conformeranno alle loro aspettative giustificando la loro apatia e non scuotendo la barca, che manterranno lo status quo. Ma la Bibbia ci dà un duro avvertimento su questa situazione: “i profeti profetizzano falsamente, i sacerdoti governano in forza della propria autorità e il mio popolo ha piacere che sia così. Ma cosa farete quando verrà la fine?” (Geremia 5:31).

Una delle cose interessanti delle gilde storicamente è che la rivoluzione industriale probabilmente non sarebbe avvenuta se le gilde fossero state così forti a quel tempo come lo erano nel medioevo. Fu Cromwell a distruggere il potere delle gilde in Inghilterra. Non avrebbe tollerato che uomini che erano stati nell’esercito a combattere la tirannia avrebbero dovuto lasciare l’esercito per trovare le loro opportunità di lavorare e guadagnarsi da vivere limitati perché non erano membri di gilde. Gli è stato permesso di lavorare indipendentemente dall’appartenenza alla gilda e dalle regole e il potere delle gilde è stato infranto.

È tempo di distruggere il potere delle gilde clericali. Lo richiede la crescita del regno di Dio. Le corporazioni clericali sono come il tappo di una bottiglia. Impediscono a qualsiasi cosa di entrare o uscire da essa, come disse Gesù degli scribi e dei farisei: “Ma guai a voi, scribi e farisei ipocriti! Perché chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; poiché né entrate voi né lasciate entrare coloro che stanno per entrarvi” (Matteo 23,13). Le corporazioni clericali sopprimono i veri ministeri necessari per facilitare l’equipaggiamento del corpo di Cristo per l’opera del regno, e quindi la crescita del regno, che è un ordine sociale profetico che esiste per grazia di Dio per convertire e discepolare le nazioni, non una gilda clericale che esiste per facilitare la crescita di associazioni egoiste di sostegno alle gilde clericali, cioè la fondazione di chiese. Dobbiamo cercare prima il regno di Dio.

Note

[1] https://it.m.wikipedia.org/wiki/Gilda_(storia)

https://www.lambsreign.com/blog/smash-the-guilds