Teonomia/Perché il pietismo dualistico porta alla mondanità?

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Perché il pietismo dualistico porta alla mondanità?

di Stephen C. Perks

“Quando si discute del regno in molte Chiese, è quasi invariabilmente spiritualizzato in qualcosa che non ha alcuna rilevanza pratica e quindi nessun significato o valore per la vita reale”.

Sono cristiano da 45 anni. In tutto questo tempo ho trovato molto poco nella maggior parte delle Chiese in cui sono stato che sia particolarmente cristiano in termini di ciò che ho letto nella Bibbia su cosa sia il cristianesimo, a parte un sermone evangelico settimanale che dice che credere in Gesù è l’unico modo per essere salvati, la salvezza in questo caso essendo principalmente uno sfuggire dall’inferno piuttosto che liberazione dal peccato, e dove è inteso come liberazione dal peccato, il peccato è stato solitamente definito piuttosto restrittivamente in termini di mancanza di pietà personale non in termini di la legge di Dio.

I valori che dominano la Chiesa oggi sono spesso gli stessi valori mondani che dominano la nostra cultura, non i valori del regno di Dio. Il regno di Dio e la giustizia di Dio, che Gesù ci ha detto di mettere al primo posto, è poco discusso nella Chiesa, poiché la Chiesa e il suo ministero, i servizi e i riti e l’obbedienza alle regole create dall’uomo hanno preso il posto del regno di Dio e della sua giustizia (cioè la giustizia) come centro della vita cristiana.

Questo problema dei valori mondani che dominano la vita della Chiesa non è limitato alle confessioni e alle Chiese liberali, che ovviamente non pretendono più di conformarsi all’etica e ai valori biblici. Non sorprende che il sistema di valori del mondo domini in queste Chiese: pretendono persino di essere cristiane in qualche senso significativo? Ma il problema non esiste meno nelle Chiese evangeliche, riformate e carismatiche, anche se in queste Chiese c’è più pretesa che non sia così (beh, chiamiamola come la chiama la Bibbia: ipocrisia). 

Perché? Quando si discute del regno in queste Chiese, è quasi invariabilmente spiritualizzato in qualcosa che non ha alcuna rilevanza pratica e quindi nessun significato o valore per la vita reale. Se chiedi alla maggior parte dei cristiani, inclusi pastori e ministri, che cos’è il regno di Dio, non hanno idea di come rispondere alla domanda se non ricadendo su una concezione dualistica della realtà che mette il regno e la fede cristiana nella storia superiore dove non ha alcuna relazione con il mondo reale in cui viviamo quotidianamente.

In altre parole, la risposta che si ottiene di solito si basa su una qualche forma di spiritualità gnostica, che è l’antitesi completa della religione cristiana, e se si trova problematico o inaccettabile l’uso della parola religione come mezzo per descrivere la fede cristiana, anche è probabilmente perché stai lavorando da una prospettiva dualistica che è contraria al cristianesimo della Bibbia. Allo stesso modo, la parola giustizia è erroneamente intesa nel senso di pietà , che ben si adatta a questa prospettiva dualistica, quando ciò che realmente significa è giustizia, che non si adatta affatto bene alla prospettiva pietistica. Certo, storicamente la Chiesa ha sempre condannato lo gnosticismo come un’eresia, che certamente è – una delle peggiori – ma anche come la Chiesa stessa l’ha abbracciato con gusto, anche se spesso inconsapevolmente. 

Ma potresti chiederti, come mai i valori della nostra società senza Dio dominano la vita della Chiesa se la spiritualità prevalente è dualistica, dal momento che il dualismo gnostico non è certo la religione del secolarismo moderno? Perché questo dualismo rimuove la maggior parte di ciò che significa essere cristiani dal regno della vita quotidiana e lo ricolloca nel regno spirituale. Ma tutti devono vivere nel mondo reale, anche i dualisti pietistici. E così, senza una prospettiva cristiana che guidi i loro pensieri e le loro vite nel mondo reale, dal momento che la fede non è vista come rilevante per esso, i cristiani assorbono inconsapevolmente i valori del mondo che li circonda come mezzo per affrontare ogni vita quotidiana.

A questi valori può essere data una patina cristiana per vestirli in modo da sembrare cristiani, ma sono ancora i valori del mondo. Vestire una scrofa con un bel vestito con perle e rossetto non significa che si comporterà con decoro e civiltà al tea party del vicario. E così la Chiesa viene corrotta dai valori del mondo e il regno di Dio, che Gesù ci ha detto di fare come obiettivo centrale della nostra vita, viene collocata in un regno spirituale che è inutile per la vita. Una volta che i valori del regno sono stati esiliati nel regno spirituale, i valori del mondo sono tutto ciò che resta per guidare i cristiani nella loro vita quotidiana.

Allora come affrontiamo questo problema? Dobbiamo smettere di fare della Chiesa un idolo e delle sue forme di servizio, governo, rituali, liturgie, musica e tutte le altre regole create dall’uomo che sono arrivate a dominare la vita della Chiesa e a tornare a centrarsi sul regno di Dio e la sua giustizia come nostra priorità.

Qual è il regno? È un ordine sociale profetico fondato e governato dal patto di grazia che deve essere manifestato e realizzato sulla terra tra gli uomini di questa epoca e che per la sua stessa esistenza chiama gli uomini e le nazioni al pentimento e all’obbedienza a Gesù Cristo. Non è limitato all’età a venire, né è limitato al regno spirituale. Tutta l’autorità in cielo e sulla terra è stata data a Cristo, ci dice la Bibbia. Il regno di Dio è per questa epoca, ora. È destinato a crescere fino a sostituire e sostituire gli ordini sociali secolari atei del mondo, e questo è destinato a continuare fino a quando tutte le nazioni non lo avranno abbracciato. Questo è, dopo tutto, ciò che insegna il Grande Mandato.

Dobbiamo anche spogliarci della concezione dualistica della realtà e della fede che domina la comprensione della maggior parte dei cristiani poiché è la fonte di tanti errori nella Chiesa, sia in termini di teologia che di pratica. Questo mondo è il mondo di Dio, e il Signore Gesù Cristo è venuto per redimere il mondo intero, non solo per strappare tizzoni dal fuoco. La nostra chiamata è di portare tutte le cose all’obbedienza a Cristo. Come disse famoso Abraham Kuyper: “non c’è un centimetro quadrato nell’intero dominio della nostra esistenza umana su cui Cristo, che è Sovrano su tutto, non gridi: ‘E’ mio!’ “