Teopedia/Gnosticismo e Regno di Dio

Da Tempo di Riforma Wiki.

Ritorno


Gnosticismo e Regno di Dio

Di Stephen C. Perks

Lo gnosticismo: molti non sanno neppure che cosa sia o lo considerano un fenomeno storico del lontano passato. Le sue concezioni, però, continuano a influenzare molti cristiani oggi e a depotenziarli.

Lo gnosticismo continuerà in vari modi a minare la fede cristiana fino a quando l’antropologia che la sostiene e la guida non sarà sfidata e sradicata. Molti cristiani che vogliono sfidare lo gnosticismo non sono disposti ad abbandonare l’antropologia animistica che lo guida e così i loro sforzi per affrontarlo non porteranno a nulla e non cambieranno nulla. È proprio questa concezione che gli dà vita e lo nutre. È inutile inveire contro lo gnosticismo, a meno che non si voglia abbandonare la concezione greco-romana dell’anima su cui si basa. Questo è ciò che sta al centro di esso. Finora la Chiesa in tutti i rami si è mostrata riluttante ad abbandonare questa falsa dottrina. Lo spettro dell’animismo aleggia ancora sull’antropologia della Chiesa, e questo è in definitiva fatale per l’ulteriore progresso del Grande Mandato.

L’animismo è la fede nell’esistenza dell’anima. Per “anima” si intende nel senso pagano e greco-romano, non nel senso biblico di nephesh, cioè ciò che respira, alito di vita. Il catarismo è probabilmente la più conosciuta e la più ampiamente compresa tra le molte eresie gnostiche basate su questa credenza e sull’idea fondamentale della salvezza come fuga dalla materia fisica – che si credeva fosse la creazione del demiurgo o Satana, non di Dio – e tornare all’essenza divina di cui l’anima è scintilla. Questo sistema di credenze dualistico è emerso all’inizio della storia della Chiesa e in molte forme e manifestazioni diverse dalle prime sette gnostiche ai Messeliani, Paulitiani, Bogomili e Catari, ecc.

Ma oltre a manifestarsi in queste eresie, condannate come eresie dalla Chiesa, questa prospettiva dualistica si è manifestata anche all’interno delle Chiese ortodosse come visione fondamentale della realtà. Il dualismo forma/materia o spirito/materia di Platone e il paganesimo greco-romano si è trasformato nel dualismo grazia/natura della Chiesa medievale, che è continuato nella Chiesa, anche nella Chiesa protestante, comprese le Chiese riformate, nella moderna età. Questo dualismo non è solo una credenza sulla salvezza, sebbene lo sia ovviamente, ma anche una comprensione della natura o della struttura della realtà stessa. Anders Nygren l’ha definita la visione del mondo alessandrina. È antitetico alla visione biblica della realtà, che ha un fondamento completamente diverso, ovvero Creazione/Caduta/Redenzione.

Questo non vuol dire che le persone influenzate da questo principio dualistico non credano nella Creazione, Caduta e Redenzione come dottrine bibliche, ma piuttosto che non sono viste come il fondamento della loro comprensione della realtà, la loro teoria del tutto. Il loro cristianesimo si fonde quindi con un’idea pagana e di conseguenza sincretistica. Mentre questo dualismo continua a informare la loro teologia e la loro comprensione della natura e dello scopo della redenzione, ciò che percepiscono come il piano superiore, il mondo spirituale, sarà sempre visto in antitesi a ciò che percepiscono come il piano inferiore, il mondo della materia fisica e quindi la loro comprensione della spiritualità ne sarà influenzata. Si tratta della loro comprensione della natura della realtà, ma ha un impatto sulla loro dottrina della redenzione.

Il catarismo fiorì nel sud-ovest dell’attuale Francia (Languedoc) nei secoli XII e XIII, ma le credenze risalgono a molto prima. A volte sono chiamati albigesi. Il nostro termine bastardo deriva da questa setta eretica perché hanno ricevuto le loro eresie dai bogomili che erano bulgari. Bugger, che è una corruzione del termine Bulgar, in origine significava quindi un eretico, cioè un seguace dell’eresia bulgara (bogomilismo), ma venne associato nel termine inglese bugger alla Sodomia perché i Catari furono accusati di essere Sodomiti. Per quanto posso vedere non ci sono prove per questo, ma poiché in teoria pensavano che il sesso fosse sbagliato, perché portava a scintille di divinità intrappolate nei corpi fisici, i loro avversari pensavano di dover fare sesso innaturale, e quindi erano accusato di sodomia (“Non credi nel sesso perché porta alla nascita di un bambino? Ebbene, devi essere un sodomita” – ragionamento a dir poco non molto intelligente). Questa accusa si verifica spesso in tali situazioni ed è talvolta difficile dire se è vera. Nel caso dei Catari, invece, da quanto ho letto, non sembrano esserci prove reali.

Il fatto è che, nonostante il loro rifiuto teorico del sesso, si dedicavano al sesso. Ma il sesso extraconiugale era considerato meno problematico. era coniugale il sesso che odiavano di più, perché ai loro occhi avrebbe portato molto probabilmente al parto: avevano vari dispositivi di contraccezione che usavano, alcuni magici e inutili, altri forse un po’ più propensi ad avere qualche effetto. Questo è uno dei motivi per cui fu davvero una delle peggiori eresie. Gli effetti pratici di questa eresia erano tutt’altro che rimossi dal mondo della vita quotidiana. Il catarismo demonizzava il matrimonio o almeno il sesso coniugale, ma vedeva il sesso extraconiugale promiscuo come meno problematico nonostante la condanna teorica del sesso. Naturalmente il catarismo è una manifestazione particolare della visione del mondo gnostica. Nel dire che lo gnosticismo continua in qualche forma non stiamo dicendo che tutti coloro che ne sono influenzati accettino tutto ciò che insegnarono i Catari o tutto ciò che insegnarono le varie altre sette gnostiche.

Dal punto di vista biblico gli esseri umani non hanno un’anima, cioè non sono fatti di due parti inconciliabili, spirito e materia. Questa è la visione pagana. Gli esseri umani sono anime. Dio soffiò in Adamo il soffio della vita e lui, cioè la creazione fisica, divenne un’anima vivente. Non ho un’anima, sono un’anima. Quando moriamo il respiro della vita ci lascia e cessiamo di essere anime viventi.

Ciò che ci rende umani non è il possesso delle anime, poiché anche gli animali hanno il soffio della vita, ma piuttosto la nostra creazione ad immagine di Dio. Fino a quando la Chiesa non si libererà di quest’ultima traccia di animismo dalla sua antropologia, non riuscirà a sradicare lo spirito dello gnosticismo, la visione del mondo di Alessandria, dalla sua vita, e questa prospettiva religiosa pagana continuerà a ostacolare i suoi sforzi per discepolare le nazioni perché l’idea di base alla base di questa visione della salvezza è la fuga dal mondo, non la trasformazione del mondo nel regno di Dio.

La Bibbia non insegna una dottrina di liberazione spirituale dalla materia. Insegna la liberazione dal peccato, che è la trasgressione della legge di Dio, e la risurrezione del corpo. Fino a quella risurrezione del corpo il nostro compito è discepolare le nazioni e quindi trasformare il mondo. Il regno di Dio deve crescere fino a soppiantare e sostituire gli ordini sociali secolari e idolatri che dominano le nazioni.

Cristo non ritornerà finché i regni di questo mondo non saranno diventati il ​​regno di nostro Signore e del suo Cristo. La prospettiva dualistica opera contro questo programma biblico sostituendo il Grande Mandato e la ricerca del regno di Dio sulla terra con un programma di evasione basato su questa falsa visione dualistica della realtà e della salvezza.

https://www.lambsreign.com/blog/gnosticism-or-the-kingdom-of-god?rq=Stephen%20c%20perkS