Confessioni di fede/Belga/Articolo 9

Da Tempo di Riforma Wiki.


Indice generale

Confessione di fede belga

Articoli1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 -

Articolo 9: Della Sacrosanta Trinità: Testimonianze Scritturali

Noi conosciamo tutte queste cose sia dalle testimonianze della Sacra Scrittura, che dagli effetti, e soprattutto da quelli che sentiamo in noi stessi. Le testimonianze delle Sacre Scritture che ci insegnano a credere questa santa Trinità sono scritte in molti luoghi dell'Antico Testamento, che non è necessario elencare, quanto piuttosto scegliere e discernere.

Nel libro della Genesi Dio dice: Facciamo l’essere umano a nostra immagine, e secondo la nostra somiglianza, ecc. (1). Dio dunque creò l’essere umano a sua immagine: li creò, dico, maschio e femmina. Ecco Adamo è fatto come uno di noi (2). Da ciò appare che vi è pluralità di persone nella Divinità, quando dice: “Facciamo l’essere umano a nostra immagine”; e poi mostra l'unità quando dice: “Dio creò”, ecc. È vero che non dice quante persone vi siano; ma ciò che ci è oscuro nell'Antico Testamento ci è chiarissimo nel Nuovo. Infatti quando nostro Signore fu battezzato nel Giordano (3), fu udita la voce del Padre che diceva: “Questo è il mio Figlio benamato”; il Figlio fu visto nell'acqua, e lo Spirito Santo apparve in forma di colomba. Questa forma è stata comandata da Cristo anche nel battesimo di tutti i fedeli: Battezzate tutte le nazioni nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo (4). Nel Vangelo secondo san Luca, l'angelo Gabriele così parlò a Maria, madre del nostro Signore: “Lo Spirito Santo scenderà su di te e la virtù del Sovrano ti coprirà della sua ombra, ciò perché ciò che nascerà da te santo, sarà chiamato il Figlio di Dio” (5). Ed altrove è detto: “La grazia del nostro Signore Gesù Cristo, e l'amore di Dio, e la comunione dello Spirito Santo siano con voi” (6). “E sono in tre quelli che rendono testimonianza in cielo: il Padre, la Parola, e lo Spirito Santo, e questi tre sono uno” (7).

In tutti questi passi ci viene abbondantemente insegnato che vi sono tre persone in una sola essenza divina. E benché questa dottrina superi l’intendimento umano, nondimeno noi ora la crediamo per mezzo della Parola, aspettando di averne piena conoscenza e godimento in cielo (8). Ora bisogna anche notare i particolari uffici ed effetti delle tre persone nei nostri riguardi. Il Padre è chiamato nostro Creatore per la sua virtù (9). Il Figlio è nostro Salvatore e Redentore per il suo sangue (10). Lo Spirito Santo è nostro santificatore per la sua dimora nei nostri cuori (11). Questa dottrina della santa Trinità è stata sempre conservata nella vera Chiesa, dal tempo degli Apostoli fino ad oggi, contro gli Ebrei, i Maomettani, e contro certi falsi Cristiani ed Eretici, come Marcione, Mani, Prassea, Sabellio, Paolo di Samosata, Ario ed altri simili, i quali a buon diritto sono stati condannati dai Santi Padri.

Così, per ciò che riguarda questo punto, noi riceviamo volentieri i tre simboli, quello degli Apostoli, quello di Nicea e di Atanasio, e similmente tutto ciò che è stato determinato dagli Antichi conformemente ad essi.


  • (1) Genesi 1:26-27.
  • (2) Genesi 3:22.
  • (3) Matteo 3:16-17.
  • (4) Matteo 28:19.
  • (5) Luca 1:35.
  • (6) 2 Corinzi 13:13.
  • (7) 1 Giovanni 5:7.
  • (8) Salmo 45:8; Isaia 61:1.
  • (9) Ecclesiaste 12:3; Malachia 2:10; 1 Pietro 1:2.
  • (10) 1 Pietro 1:2; 1 Giovanni 1:7; 1 Giovanni 4:14.
  • (11) 1 Corinzi 6:11; 1 Pietro 1:2; Galati 4.6; Tito 3:5; Romani 8:9; Giovanni 14:16.