Letteratura/Il Regno del Signore/07

Da Tempo di Riforma Wiki.


Indice generale

Il regno del Signore: Gesù Cristo su tutte le cose

Introduzione - Prefazione - 01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 [

B. Aderenti e promotori dei Due Regni

Il seminario di Westminster a Escondido è il centro del movimento 2K sebbene aderenti e promotori lavorino in altri luoghi, come Jason Stellman e Matt Tuininga. Il programma radiofonico White Horse Inn e la rivista Modern Reformation sono vie importanti per la sua diffusione. Molti dei promotori della teologia 2K offrono la sua visione su vari siti web come il blog Old Life di Darryl Hart, Heidelblog di R. Scott Clark, il blog Christian in America di Matt Tuininga; e il blog Confessional Outhouse di Steve Zrimec, Rick Bierling, Jr. e del Rev. Todd Bordow.

Bisognerebbe notare che uno dei tre ospiti del White Horse Inn è un luterano. Il suo sito web dice: “Dr. Rod Rosenbladt è professore di teologia alla Concordia University e un ministro ordinato della Chiesa Luterana-Sinodo del Missoury. Ha studiato alla Pacific Lutheran University, alla Trinity Evangelical Divinity School, al Capitol Theological Seminary e all'Università di Strasburgo”.

R. Scott Clark

R. Scott Clark, nato nel 1961, ha studiato presso l'Università del Nebraska, il Westminster Seminary California e l'Università di Oxford. Dal 1997 insegna a Westminster in California come professore di storia della Chiesa e teologia storica. Sebbene non abbia scritto un libro sulla teologia 2K, il suo blog ce ne dà più una giustificazione aneddotica e generale[1].

Sebbene le osservazioni del Rev. Clark siano succinte, ci dice che solo la Chiesa è “l'ambasciata del regno di Dio e del regno dei cieli”, il che, interpretato in modo rigoroso, rimuoverebbe tutto ciò che è al di fuori della Chiesa dal governo sovrano di Cristo. Non prende in considerazione il concetto di regno in senso stretto (la Chiesa) e il regno in senso ampio (tutto il resto). Ci dice anche che nessuno degli apostoli “prescriveva rimedi sociali o civili. . . . Non hanno mai commentato gli abusi di Nerone o le politiche di Claudio”. Se per “commentato” intende che non abbiamo alcuna traccia della censura esplicita dell'Apostolo su Nerone e Claudio, questo sarebbe vero. Tuttavia, facciamo bene a ricordare che ci sono diversi modi per esprimere una censura.

Ad esempio, il peccato può essere condannato da indicativi e imperativi biblici. Gesù stesso perseguì Erode come “quella volpe” (Luca 13:32), e Luca negli Atti degli Apostoli dichiarò il giudizio di Dio contro Erode Antipa per non aver dato gloria a Dio nella sua orazione secolare (Atti 12: 2-23). In altre parole, Erode avrebbe dovuto riconoscere pubblicamente la gloria di Dio nel suo ufficio di magistrato. Gli apostoli erano sempre rappresentanti ufficiali della Chiesa quando comparivano davanti a re e magistrati (Atti 9:15). Chiaramente, Cristo ha censurato Ponzio Pilato quando Pilato ha affermato di avere potere e autorità assoluti (Giovanni 19:11).

Sebbene le osservazioni del Rev. Clark siano succinte, ci dice che solo la Chiesa è “l'ambasciata del regno di Dio e del regno dei cieli”, il che, interpretato in modo rigoroso, rimuoverebbe tutto ciò che è al di fuori della Chiesa dal governo sovrano di Cristo. Non prende in considerazione il concetto di regno in senso stretto (la Chiesa) e il regno in senso ampio (tutto il resto). Ci dice anche che nessuno degli apostoli “prescriveva rimedi sociali o civili. . . . Non hanno mai commentato gli abusi di Nerone o le politiche di Claudio”. Se per “commentato” intende che non abbiamo alcuna traccia della censura esplicita dell'Apostolo su Nerone e Claudio, questo sarebbe vero. Tuttavia, facciamo bene a ricordare che ci sono diversi modi per esprimere una censura.

Ad esempio, il peccato può essere condannato da indicativi e imperativi biblici. Gesù stesso perseguì Erode come “quella volpe” (Luca 13:32), e Luca negli Atti degli Apostoli dichiarò il giudizio di Dio contro Erode Antipa per non aver dato gloria a Dio nella sua orazione secolare (Atti 12: 2-23). In altre parole, Erode avrebbe dovuto riconoscere pubblicamente la gloria di Dio nel suo ufficio di magistrato. Gli apostoli erano sempre rappresentanti ufficiali della Chiesa quando comparivano davanti a re e magistrati (Atti 9:15). Chiaramente, Cristo ha censurato Ponzio Pilato quando Pilato ha affermato di avere potere e autorità assoluti (Giovanni 19:11).

Inoltre, non è chiaro cosa intenda Clark quando dice che mentre il Vangelo ha implicazioni sociali, tuttavia la Chiesa in quanto la Chiesa dovrebbe stare alla larga dall'esporre queste implicazioni. I ministri non dovrebbero predicare su questi argomenti e nemmeno pregare pubblicamente su di essi! Tuttavia, concede che i privati ​​possono farlo, purché non siano portavoce ufficiali della Chiesa. Ciò solleva la questione se un cristiano come cristiano e membro della chiesa possa affrontare i mali sociali e culturali? Se può, qual è allora la differenza precisa tra il suo intervento e un pronunciamento più ufficiale della Chiesa? Può un cristiano per definizione, essendo sempre un membro del corpo di Cristo, smettere di riflettere e rappresentare la chiesa di Cristo? Non è sempre chiaro come risolvere questa domanda. È interessante notare che il Rev. Clark nel suo blog non tiene conto di eccezioni che potrebbero consentire alla Chiesa di parlare di qualsiasi questione. Questo sembra contrario alle eccezioni che altri teologi dei Due Regni ammettono. Sembra contento di non dire altro che il Nuovo Testamento tace notevolmente su questioni culturali e sociali, e lascia la cosa lì[2].

Darryl G. Hart: Promuovere una fede secolare

Hart è un forte promotore e difensore della teologia 2K. Nato nel 1956, ha ricevuto il M.A.R. al Seminario di Westminster a Philadelphia, M.T.S. ad Harvard, e il suo dottorato di ricerca. dalla Johns Hopkins University nel 1988. Dopo aver prestato servizio come bibliotecario a Westminster Philadelphia, ha ricoperto una serie di incarichi accademici. Un anziano dell'OPC, insieme a John Muether, ha scritto numerosi libri sulla storia dell'OPC, gestisce il blog Old Life e co-edita il Nicotine Theological Journal. Il suo libro John Williamson Nevin: High-Church Calvinist (2005) contiene l'apprezzamento di un uomo che ha fatto molti danni alla Chiesa riformata negli Stati Uniti.

Nel suo libro: Secular Faith: Why Christianity Favors the Separation of Church and State, Hart difende la tesi del “tenere la religione fuori dalla politica lungo le linee proposte dal secolarismo cristiano …”(16)[3]. La sua visione 2K si vede nella proclamazione che “Il cristianesimo è essenzialmente una fede spirituale ed eterna, una fede occupata con il mondo a venire piuttosto che con le questioni temporali e di passaggio di questo mondo (12). Critica cristiani conservatori come Marvin Olasky che cercano di impiegare la loro fede nell’impegno politico. Gli scritti di Hart mostrano il tipo di influenza negativa che la posizione 2K può avere sulla cristianità americana[4]. Di Hart John Frame dice:

Quasi nessuno si è mai spinto quanto Hart per scoraggiare l'influenza cristiana nella politica e nella cultura ... Gli unici predecessori che cita sono ... l'oscuro Stuart Robinson, e il Sinodo della Chiesa luterana del Missouri ... [Egli] ha rigettato la stragrande maggioranza degli insegnamenti della chiesa nel corso dei secoli e ha adottato una posizione idiosincratica sostenuta quasi esclusivamente da pochi americani[5].

Note

  1. The Heidelblog, June 10, 2015. http://heidelblog.net/2015/06/the-gospel-is-not-social/.
  2. Per altro su R. Scott Clark, vedi John Frame: The Escondido Theology, capitolo 3.
  3. Darryl G. Hart, Secular Faith: Why Christianity Favors the Separation of Church and State (n.p., Ivan R. Dee, 2007), 16.
  4. Per un’ulteriore analisi di Hart, vedi Timothy R. Scheuers, “Dual Citizenship, Dual Ethic? Evaluation of the Two Kingdom Perspective on the Christian in Culture” in Kingdoms Apart: Engaging the Two Kingdoms Perspective, ed. Ryan McIlhenny (Phillipsburg, NJ: P&R Publishing, 2012).
  5. Frame, Escondido Theology, 271.