Letteratura/Il Regno del Signore/22

Da Tempo di Riforma Wiki.

Indice generale

Il regno del Signore: Gesù Cristo su tutte le cose

Introduzione - Prefazione - 01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 [

La dottrina del governo civile

Le confessioni riformate assegnano anche un posto importante al magistrato civile che semplicemente manca nella teologia 2K. Perché l'omissione? Le citazioni seguenti mostrano che i padri riformati sostenevano una profonda testimonianza di un governo civile tipicamente cristiano, e questo dovrebbe essere un modello per noi oggi.

I sessantasette articoli di Zwingli del 1523 insegnano che “il potere temporale ... ha potere e conferma nella dottrina e nell'opera di Cristo” (Art. 35). Inoltre, quando i magistrati civili “sono infedeli e non agiscono secondo la regola di Cristo, possono essere deposti nel nome di Dio”.

La Confessione di Ginevra del 1536 è delineata da Giovanni Calvino e riflette i principi evangelici dell'edizione del 1536 delle sue Istituzioni. Qui Calvino parla di re e principi “come anche altri magistrati e ufficiali, essere una cosa santa …”. Parla anche di tali ufficiali come servire Dio e seguire “una vocazione cristiana” (Art. 21)[1].

La prima confessione elvetica del 1536 dichiara che il magistrato civile ha la responsabilità di punire e sradicare la bestemmia “e di esercitare tutta la diligenza possibile per promuovere e mettere in atto ciò che un ministro della Chiesa e un predicatore del Vangelo insegna e stabilisce dalla Parola di Dio”. Inoltre, un governo utilizzerà “ogni sforzo affinché la pura parola di Dio sia fedelmente proclamata alla congregazione”. “Inoltre, un governo dovrebbe governare il popolo secondo leggi giuste e divine” (Art. 26). Queste dichiarazioni sono riportate in calce da Esodo 18:13 s; Isaia 10: 1s .; Romani 13: 5 s .; Matteo. 17:24; 22:21; Atti 4:19; Atti 5:29.

La Confessione scozzese del 1560 dichiara che “la conservazione e la purificazione della religione è in particolare dovere di re, principi, governanti e magistrati. Non solo sono nominati per il governo civile, ma anche per mantenere la pura religione e per sopprimere ogni idolatria e superstizione …” (Art. 24).

La prima confessione di Basilea del 1534 afferma che “ogni governo cristiano con il quale desideriamo essere annoverati, dovrebbe fare tutto quanto in suo potere per vedere che il nome di Dio sia santificato tra i suoi sudditi, il regno di Dio esteso e la sua volontà osservata dall'assidua estirpazione di reati” (art. 8).

La seconda confessione elvetica del 1566 insegna che i migliori magistrati sono amici e persino membri della Chiesa, che avvantaggiano la Chiesa e la assistono “meglio di tutti”. Il magistrato deve essere “veramente timorato di Dio e religioso, vale a dire, secondo l'esempio dei santissimi re e principi del popolo del Signore, promuove la predicazione della verità e la fede sincera, sradica menzogne e ogni superstizione, insieme a ogni empietà e idolatria, e difende la Chiesa di Dio. Certamente insegniamo che la cura della religione appartiene soprattutto al santo magistrato”. La Confessione ingiunge inoltre al magistrato di “governare il popolo a lui affidato da Dio con buone leggi fatte secondo la Parola di Dio” (Art. 30).

Anche la Confessione belga del 1561 (non modificata) fa eco alle stesse dottrine enunciate nei credi sopra citati. Si suppone che i magistrati “proteggano il sacro ministero, e quindi possano rimuovere e prevenire ogni idolatria e falsa adorazione; affinché il regno dell'anticristo possa essere così distrutto e il regno di Cristo promosso. Devono quindi sostenere la predicazione del Vangelo ovunque ...” (Art. 36).

Il Catechismo di Heidelberg parla del magistrato civile come avente il diritto divino di impugnare la spada, soprattutto per omicidio. Sebbene non affronti formalmente il criterio che il magistrato debba impiegare nel prendere decisioni e codificare le leggi, non prende mai in considerazione il concetto di legge naturale o legge di natura. In effetti, dobbiamo ricordare a noi stessi che il Catechismo era in un certo senso un “documento del governo”, concepito e nato dal principe Federico III, il sovrano del Palatinato, che era uno dei suoi revisori teologici e autori secondari. Il fatto che sia stato lo sforzo congiunto del magistrato cristiano e della Chiesa nella produzione del Catechismo di Heidelberg significa che la teologia 2K non era una forza trainante in alcun modo o forma. Come avrebbe potuto esserlo quando il DNA del magistrato civile è stato “spalmato” sulle sue pagine? Parlando come magistrato civile cristiano, Federico III si riferì persino al Catechismo di Heidelberg come “il mio catechismo”[2]. Usando la logica e la terminologia 2K, il Catechismo di Heidelberg è nato per “l'eresia del Costantinismo”.

Per quanto riguarda la Confessione di fede di Westminster, i teologi di 2K non danno abbastanza peso al fatto che l'originale WCF del 1647 concedeva al magistrato civile il potere “di convocare sinodi, di parteciparvi e far sì che tutto ciò che essi emanano [trattano] corrisponda alla mente di Dio” (Art. 33. 3). Inoltre, la Confessione originale non modificata richiedeva che il magistrato “preservasse unità e tranquillità nella Chiesa, mantenesse [custodisse] pura ed integra la verità di Dio, sopprimesse ogni sorta di bestemmia e di eresie, prevenisse e riformasse ogni corruzione ed abuso nel culto e nella disciplina, far si che fossero debitamente stabilite, amministrate e rispettate tutti le ordinanze di Dio” (Art. 23). È chiaro, quantomeno, che il magistrato aveva una responsabilità cristiana. I teologi di 2K dichiareranno che la Confessione di Westminster è stata il prodotto di un pensiero più maturo rispetto alle precedenti confessioni riformate, ma non sottolineano che la revisione della Confessione nelle chiese americane non è iniziata fino ad almeno 140 anni dalla sua prima adozione nell'agosto del 1647.

Con la presente non stiamo sostenendo che il magistrato civile abbia il diritto di intromettersi negli affari spirituali della Chiesa, ma solo per mostrare che le prime confessioni riformate affermano che il governo civile dovrebbe essere cristiano.

In contrasto con la visione 2K di un “regno comune”: (1) Le Confessioni Riformate parlano di un “governo cristiano”, che è in conflitto con l’interpretazione del regno comune dei teologi 2K. Le confessioni insegnano che il “regno comune” non dovrebbe essere comune, ma distintamente “cristiano”. (2) L'ufficio del magistrato civile è presentato come un ufficio “santo”. Ciò è in conflitto con la visione 2K che presenta un dualismo tra sacro e profano. (3) Ci viene detto che i cristiani sono i magistrati migliori, talché i i cristiani sono i più idonei a governare come magistrati. Non solo i cristiani che sono magistrati, ma i magistrati cristiani sono ritenuti i più idonei a governare perché promulgheranno leggi che saranno distintamente cristiane. (4) Sentiamo le confessioni che dicono che lo Stato dovrebbe obbedire a entrambe le tavole della legge di Dio. Questo è un riferimento inequivocabile alla legge scritta di Dio, non alla legge naturale. (5) Entrambe le tavole della legge sono esaltate come standard del governo civile, compreso il comando di legiferare contro l'idolatria e la blasfemia e per proteggere la vera religione. Questo è un importante allontanamento dalla teologia 2K.

La nostra rassegna delle confessioni riformate ci permette di concludere che la teologia 2K è incompatibile con la teologia storica riformata.

Note

  1. Calvin’s theology is the source of statements in the Heidelberg Catechism Q25 and 31, the Belgic Confession Art. 36, and the Canons of Dort, III.4.4.
  2. Nella sua prefazione al Catechismo (1563), Federico pregò che: “…Piacerà a Dio onnipotente concedere la riforma anche della morale pubblica e privata, e benessere temporale ed eterno”. Heidelberg Catechism: 450th Anniversary Edition (The Reformed Church in the U.S., 2014), 16.